31 ottobre 2015

Dakotaraptor... un Acheroraptor gigante?

Ricostruzione di Dakotaraptor accompagnato da due ornithuri.
La Formazione di Hell Creek è nota principalmente per i suoi dinosauri di taglia medio-gigante, nello specifico i generi Tyrannosaurus, Triceratops, Edmontosaurus e Ankylosaurus. Tuttavia, sebbene noti da resti più frammentari ed isolati rispetto ai generi sopra citati, nella Formazione di Hell Creek sono presenti anche dinosauri di taglia media e piccola. Tra i theropodi, almeno due enantiornithi e numerosi ornithuromorfi sono documentati, assieme a resti di ornithomimidi, parvicursorini, il grande caenagnathide Anzu, almeno un troodontide ed un numero imprecisato di dromaeosauridi, noti principalmente per i denti. Recentemente, sempre da questa formazione è stato istituito un nuovo dromaeosauride, Acheroraptor, noto solamente da parte del muso. A parte Acheroraptor, gli altri dromaeosauridi sono dedotti dai differenti morfotipi di denti isolati rinvenuti.
Un nuovo dromaeosauridae da livelli tardo-maastricthiani del South Dakota è descritto da De Palma et al. (2015): Dakotaraptor steini. Basato su resti associati che indicano un animale lungo almeno 5 metri, e da resti riferiti ma di dimensioni minori, Dakotaraptor è noto da alcuni denti, alcune vertebre caudali medio-distali, la furcula, omero ed avambraccio quasi completi, un secondo metacarpale e alcuni frammenti di falangi, femore e tibia completi e frammenti del piede. L'attribuzione a Dromaeosauridae è basata sulla disparità dimensionale dei denticoli nei denti, la presenza di prezigapofisi estremamente allungate nelle caudali intermedie, e la presenza di un ungueale falciforme nel piede (probabilmente, del secondo dito) che presenta il margine ventrale affilato ed i solchi collaterali posti asimmetricamente. L'ulna presenta delle vistose papille ulnari per l'inserzione delle penne remiganti secondarie: si tratta della prima evidenza diretta di penne remiganti in un Dromaeosauridae di grande dimensione, attributo finora ritenuto comunque plausibile in base alla inferenza filogenetica (come sa bene chi legge questo blog da molti anni): da oggi, se qualcuno volesse ancora sostenere che i dromaeosauridi di grandi dimensioni erano privi di piumaggio sarà istigato a scrivere 100 volte alla lavagna: “l'inferenza filogenetica è un metodo accurato di ricostruzione del tegumento nei dinosauri”.
La presenza di un grande Dromaeosauridae (comparabile in lunghezza ad Utahraptor e Austroraptor, sebbene le proporzioni più slenciate delle ossa degli arti indichino che Dakotaraptor era meno massiccio di Utahraptor) nella formazione di Hell Creek aggiunge un tassello alla rete trofica, che si situa in una area che prima si riteneva essere occupata solo dai giovani di Tyrannosaurus: dato che i tyrannosauridi di taglia medio-piccola sono ecomorfologicamente più cursori dei dromaeosauridi, è comunque plausibile che questi due taxa non fossero strettamente in competizione sul piano ecologico.
Dato che questo nuovo dromaeosauridae sta già occupando l'immaginario autoerotico di molti dinomaniaci, esaltati dall'avere finalmente la prova che il Nord America del Maastrichtiano terminale era niente altro che una gigantesca Isla Nublar cinematografica con un grande dromaeosauridae assieme a T. rex, dico subito che è totalmente ridicolo qualsiasi discorso su una competizione diretta tra gli adulti di Dakotaraptor e quelli di Tyrannosaurus, la enorme differenza dimensionale (il secondo era almeno 12-15 volte più massiccio del primo), morfologica (e quindi, ecologica) tra questi due theropodi esclude che ci fosse una competizione diretta tra (gli adulti di) questi taxa.
DePalma et al. (2015) includono Dakotaraptor in una analisi filogenetica, da cui risulta un dromaeosaurino sister-group di Dromaeosaurus. Purtroppo, non sono presentati i dettagli di questa analisi, né le sinapomorfie a supporto di tale risultato.
Immesso in una versione ridotta di Megamatrice, Dakotaraptor risulta sister taxon del nodo “Dromaeosaurinae + Velociraptorinae” in quanto non presenta i denticoli distali uncinati e presenta un ipocleido (sebbene di forma inusuale, più ampio che lungo), ed è escluso dal nodo “Dromaeosaurinae + Velociraptorinae” in quanto presenta centri caudali intermedi con una cresta laterale: tutti questi caratterei comunque hanno una discreta omoplasia (difatti l'indice Bremer dei nodi è basso in questa area dell'albero), pertanto questo risultato è probabilmente provvisorio.

Analisi utilizzando l'implied weighting di TNT collocano Dakotaraptor in Velociraptorinae, sebbene non ci sia un buon consenso tra le differenti topologie. 
Da notare che nessuna di queste analisi supporta una affinità diretta tra Dakotaraptor e l'altro dromaeosauridae del Maastrichtiano finale nordamericano, Acheroraptor. Basandomi sulle foto dei denti di Dakotaraptor, questo ultimo pare non presentare le marcate creste apicobasali nelle corone, diagnostiche per Acheroraptor, avvalorando una distinzione tra i due taxa. A questo proposito, è interessante rimarcare che gli esemplari riferiti di Dakotaraptor, pur appartenendo ad individui grandi circa 4/5 dell'olotipo, sono riferibili ad esemplari maturi: ciò potrebbe indicare due specie di Dakotaraptor, di diversa taglia adulta, oppure una ampia variabilità dimensionale in questa specie. Acheroraptor potrebbe essere il morfotipo più piccolo?

Bibliografia:
Robert A. DePalma, David A. Burnham, Larry D. Martin†,Peter L. Larson and Robert T. Bakker (2015) The first giant raptor (Theropoda: Dromaeosauridae) from the Hell Creek Formation. Paleontological Contributions 14 (16 pp.)

13 commenti:

  1. Infatti non esisteva competizione tra dromeosauri e tirannosauri, ma bensì amichevole collaborazione, soprattutto quando c'era da sconfiggere certi mosti mutanti ;)

    RispondiElimina
  2. Ciao, è possibile che la differenza di taglia si possa riferire a dimorfismo sessuale? Ma anche in Deinonychus e Dromaeosaurus si osservano le papille ulnari? Se eventualmente non le possedevano come è possibile spiegare questa mancanza anatomica?
    Marco

    RispondiElimina
  3. When reading the Dakotaraptor paper, it was aware that Dakotaraptor and Acheroraptor were based on different parts of the skeleton. Given the presence of two different ankylosaurs in the Hell Creek and the fact that Dakotaraptor is more closely related to Dromaeosaurus than to Velociraptor (whereas Acheroraptor is recovered as a close relative of Adasaurus and Velociraptor) brings the possibility that Acheroraptor and Dakotaraptor could be distinct. (DePalma et al. used Zheng et al. 2010 dataset, but not newer datasets by Senter et al. 2012 and Turner et al. 2012).

    RispondiElimina
  4. A proposito di evidenze di piumaggio per caso in tempi recenti hai scritto qualcosa su Zhenyuanlong?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Scusate, ma esiste la barra per digitare le ricerche nel blog...

      Elimina
  5. Yeah, I also thought of the possibility that Dakotaraptor might actually represent the adult morph of Acheroraptor, but with the available material it is impossible to determine that they are the same genus just yet, the fact that the teeth had different morphology might be a clue but then again the teeth of a lot of Theropods changed with age.

    RispondiElimina
  6. Potrei sapere in cosa consiste l'implied weighting di TNT?
    Scusa se prendo la scorciatoia di chiedertelo e ti ringrazio se vorrai rispondermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta di un metodo per analizzare la matrice con i caratteri aventi "peso" differente rispetto all'analisi tradizionale. Nella tradizionale, tutti i caratteri hanno uguale importanza. L'implied weighting modifica il peso di ogni carattere in base alla sua omoplasia, abbassando più o meno intensamente l'importanza dei caratteri con maggiore omoplasia. Può essere utile per testare se alcune posizioni sono "viziate" dall'omoplasia di certi caratteri rispetto ad altri. Come ogni super potere, va usato con saggezza.

      Elimina
  7. ho letto un tuo post dove scrivevi che i troodontidi basali erono piu simili agli uccelli basali che ai dromeosauridi basali e quindi gli uccelli sono il sister-taxa dei troodontidi.
    quindi implica che gli uccelli sono deinonicosauri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, gli uccelli per definizione NON possono essere deinonicosauri. Significa che se quelle relazioni restano tali, i troodontidi non sono deinonicosauri.

      Elimina
  8. Spero di non arrivare troppo tardi per avere una eventuale risposta alla domanda, ma, riporto testualmente "aggiunge un tassello alla rete trofica, che si situa in una area che prima si riteneva essere occupata solo dai giovani di Tyrannosaurus". Cioè? Nel senso che un determinato areale era occupato da giovani di Tyrannosaurus (che da come leggo su questo blog, formavano gruppi sociali in base alla taglia, gerarchici ecc ecc) che poi crescendo, abbandonavano la zona per insediarsi altrove? Spero di aver reso quanto volevo chiedere. Cristian.

    RispondiElimina
  9. L'area che menziono non è uno spazio fisico/geografico ma una posizione nelle reti trofiche (quelle che banalmente si chiamano "catene alimentari"): una posizione nel sistema di relazioni alimentari tra le specie e gli individui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cretino. Probabilmente, se lo avessi letto due volte lo avrei capito. In ogni caso, grazie per la risposta. Ah, una ultima domanda, che pur essendo di gossip da dinomaniaco (e quindi qualcosa da cui sto lontano come la peste), dopo la descrizione di Dakotaraptor, ho sentito nuovamente parlare dell'ormai, credevo leggendario, Utahraptorzilla. Ora, un dubbio me lo levi? Sono vere queste "indiscrezioni" circa una specie di Utahraptor gigantesca oppure sono le solite fregnacce tipo Spinosaurus di 17 metri ecc ecc?

      Non per altro, è per la una mia personale questione, per definire il limite tra plausibilità e pura finzione da esaltati della paleontologia. C.

      Elimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -