16 giugno 2018

Pensieri, parole, opere e omissioni su Billy World 3

Io (nel letto) e la trama di Billy World 3 (a sinistra)

Come al solito, se non hai ancora visto Billy World 2 e non vuoi essere contaminato dagli spoiler, non proseguire nella lettura.

09 giugno 2018

Recensione di “Billy World (2) – Il Clade di Margarina” [aka Jurassic World The Fallen Kingdom: full of spoilers!]


Battuta solo per intenditori



ATTENZIONE: TANTISSIMO SPOILER!

ROBA CHE SE LO LEGGI DOPO DOVRANNO FARTI UNA TRASFUSIONE DI SANGUE!

NON LEGGERE SE NON HAI ANCORA VISTO IL FILM.

Lo hai già visto? No? Bene, allora sei pronto a prendere vagonate di spoiler.

Se sei arrivato fino a qua io non mi assumo la responsabilità delle conseguenze, presumo che tu abbia già visto Billy World 2, quindi concludo che tu sia grande e nel pieno delle tue facoltà mentali per continuare la lettura.

[Che poi a me questa paranoia di dover avvisare il lettore sulla presenza di spoiler fa anche un po' ridere, e quindi la rimarco apposta]

Oh, ma sei ancora qui? Guarda che poi non si torna più indietro! Sei come Dante sulla soglia dell'Inferno! 

28 maggio 2018

Hulsanpes reloaded: Halszkaraptorinae, more than just Halszkaraptor

Ricostruzione in vivo degli olotipi di Halszkaraptor escuilliei, Hulsanpes perlei e Mahakala omnogovae.

Esattamente due anni fa, scrissi un post sullo stato delle conoscenze relative a Hulsanpes perlei.
Il post era un sibillino antipasto dello studio, pubblicato lo scorso dicembre, che introduce Halszkaraptor e gli Halszkaraptorinae, di cui Hulsanpes è risultato membro e primo esemplare scoperto.

A seguito di quello studio, contattai Daniel Madzia, col quale ho pubblicato recentemente uno studio sulla tassonomia dei mosasauri, e che sta svolgendo il dottorato presso l'Accademia delle Scienze Polacca, per proporgli di revisionare assieme Hulsanpes, il cui unico esemplare è conservato a Varsavia.
Lo studio che ridescrive l'unico esemplare di questo theropode è pubblicato oggi (Cau e Madzia, 2018).
In particolare, descriviamo per la prima volta il frammento del cranio di Hulsanpes, che risulta essere parte della parete della scatola cranica a ridosso del cervelletto e del labirinto dell'orecchio interno.

Nel nostro studio, identifichiamo alcuni adattamenti cursori nei metatarsi di Hulsanpes e Mahakala, assenti in Halszkaraptor. In entrambi, è presente una mensola mediale del terzo metatarsale, che si sovrappone distalmente al secondo metarsale: questo carattere ha la funzione di rafforzare il contatto tra i due metatarsali, ed è presenti in molti taxa di coelurosauri con adattamenti cursori. L'altro carattere, esclusivo di Hulsanpes tra i dromaeosauridi, è l'ampia sovrapposizione dell'intera parte distale del terzo metatarsale rispetto al secondo: questo carattere si osserva anche nei troodontidi con arctometatarso. Sebbene limitata alle ossa metatarsali, le uniche note in tutti e tre i taxa, questa differenzazione morfologica suggerisce delle distinte specializzazioni dentro Halszkaraptorinae, tra forme più anfibie (Halszkaraptor) e forme più cursorie (Hulsanpes e Mahakala). Vedremo se e come questa ipotesi sarà confermata da futuri ritrovamenti. 

Prima che qualcuno fraintenda e semplifichi, queste differenze non implicano che Halszkaraptor fosse solo acquatico ed incapace di correre, né che gli altri due fossero esclusivamente terricoli e incapaci di nuotare. La Natura non è mai così rigida. Per quanto meno conservato, Mahakala presenta alcuni degli adattamenti acquatici di Halszkaraptor, quindi le differenze a livello di metatarso devono solamente essere intese come diversi gradi lungo un "gradiente terricolo-anfibio", in un clade di animali adattati sia alla vita in acqua che alla vita terricola.

Ringrazio Daniel per la collaborazione e Francesco Delrio che ha realizzato questa ricostruzione dei tre esemplari noti di Halszkaraptorinae.

Bibliografia:
Cau A., Madzia D. 2018. Redescription and affinities of Hulsanpes perlei (Dinosauria, Theropoda) from the Upper Cretaceous of Mongolia. PeerJ 6:e4868; DOI 10.7717/peerj.4868

25 maggio 2018

Jurassic Party

Oggi ho avuto una simpatica chiacchierata a Rai Radio3 Scienza, a proposito di Jurassic Park e del suo impatto sulla visione popolare dei dinosauri, a 25 anni dall'uscita del film.
Potete ascoltare la puntata qui.

19 aprile 2018

Billy World Due - Il Trailer (Rutto) Finale

Il momento terribile in cui realizzi che Thomas Huxley ha messo all'asta un mezzo ornithoscelide...

Dunque, se non siete dei fan fanatici adoratori integralisti nessuno-tocchi-Trevorrow, forse non saprete che ieri è uscito il trailer finale di Billy World 2.
Mi domando chi sia il genio del sadomaso che decide di imbastire un trailer come quello visto ieri. A meno di colossali depistaggi (che dubito, bisogna essere veramente dei paranoici contorti per aggrapparsi all'idea che il trailer ci stia portando fuori strada), questo trailer di 2 minuti ci sbatte sul grugno l'intero dannato film! A questo punto, sinceramente, con che animo andare a vederlo, se sappiamo come si svolgeranno i fatti? 
Mi togliete l'unico senso capace di muovermi verso il cinematografo!

FERMATI: IL RESTO ODORA DI SPOILERISSIMO!

Dal trailer infatti si evince l'intera trama nella sua linearità: scopriamo che la protagonista dai capelli rossi viene indotta dal nuovo ricco di turno (al quale è andata in gestione la fabbrica dei dinosauri) perché vada a salvare i dinosauri che vivono ancora sull'isola del precedente film. Nella parte finale del salvataggio scopriamo che il salvataggio stesso è tutta una messa in scena organizzata per “rapire” i dinosauri. Si scopre che infatti c'è una macchinazione di loschi figuri assetati di soldi che vogliono portare i dinosauri sul continente per... guadagnare mettendo all'asta le bestie (non sto scherzando).


Fermi tutti!

Riassumiamo: I buoni vanno sull'isola per salvare i dinosauri, i cattivi catturano i dinosauri e li portano sul continente.

Ma è la trama de Il Mondo Perduto (Jurassic Park 2)!
Ma santo mesozoico ladro! Ma veramente questa è la trama? Ma chi è che viene pagato per scrivere una brutta copia del seguito di Jurassic Park?

Ah, no, fermi, c'è dell'altro.
L'Indorutto.

No, non l'Indominkius di due anni fa. Ora c'è la versione ridotta dell'Indominkius: l'Indorutto. Parrebbe essere una sorta di salamandra bipede polidattila con denti da pesce abissale e gli arti disarticolabili. Scommettiamo che è un ibrido tra l'Indominkius e il Raptor? Ma non era già l'Indominkius un ibrido contenente DNA di Raptor? Quindi, l'Indorutto è un 2/3 Raptor e 1/3 salamandra, uomo, pesce abissale e impepata di cozze.

Ovviamente, per uccidere l'Indorutto ci vorrà il nostro salamandra-Raptor Blue (che io odio quasi quanto odiavo l'Indominkius).
Come se non fosse già un cazzotto nello stomaco il sentire una salamandra di gomma col nome “Velociraptor”, ora abbiamo la salamandra di gomma addomesticata che fa da cagnolino da guardia al protagonista.

A questo punto, prevedo incassi colossali: film piatto e prevedibile, fan-service a livelli pornografici e sopratutto esplosioni, bava e morti inutili. Se non fosse che si parla di dinosauri, sarebbe anche interessante...

Dopo la lettura di questo post, prevediamo eserciti di fan che si lamenteranno senza averne alcun diritto...