03 aprile 2010

Jurassic Park: Guida Paleontologica ad una visione consapevole- Prima Parte


Scena da Jurassic Park (1993)
Qual'è la funzione del paleontologo? A questa domanda, J. Horner ha risposto in modo molto saggio, elencando, tra le funzioni del paleontologo, quella del divulgatore dei Metodi della Scienza, prima ancora che dei risultati. In particolare, chi si occupa di paleontologia dei dinosauri ha una grande possibilità, di usare gli amatissimi oggetti delle sue ricerche come veicoli per la diffusione della mentalità scientifica tra il pubblico degli appassionati. I dinosauri sono interessanti ed affascinanti, e possono essere strumenti perfetti per la diffusione della mentalità scientifica e la lotta ad ogni forma di superstizione. 
Ma, cosa accade se la superstizione si insinua proprio nella paleontologia? Cosa accade se immagini fantastiche e poco scientifiche diventano "dati di fatto" proprio nella concezione paleontologica diffusa? Inoltre, perché i più ostili alla paleontologia scientifica sono proprio quelli più dichiaratamente appassionati di dinosauri? Non è una provocazione, ma l'unica interpretazione che do di alcune prese di posizione in rete, da parte di appassionati di paleontologia che, per motivi che non riesco a comprendere, sono ostili a qualsiasi forma di divulgazione scientifica attuata analizzando in modo critico e scientifico il più famoso e conosciuto veicolo mediatico di (parte dei) dinosauri, il film "Jurassic Park".

Che Jurassic Park sia la più famosa espressione mondiale dei dinosauri è un dato di fatto, indiscutibile. Tutti i miei amici ed amiche hanno visto Jurassic Park, anche quelli che nella vita sono ingegneri, impiegati o operai, non solo la categoria dei miei amici-colleghi paleontologi o appassionati di paleontologia. Al contrario, solo questa seconda categoria di amici ha letto almeno un articolo scientifico sui dinosauri. Ciò è ovvio. Pertanto, la maggioranza delle persone conosce solo i dinosauri sensu Jurassic Park. Dato che la divulgazione è rivolta a TUTTI e non solo agli appassionati, e dato che la maggioranza conosce solo Jurassic Park, è un dovere di chi, come me, vuole divulgare la paleontologia, che i miti e gli errori presenti in Jurassic Park siano citati e discussi. Altrimenti, la divulgazione smette di avere senso, e la paleontologia resta solamente una masturbazione mentale di una minoranza chiusa in sé stessa.
Eppure, per una fetta di appassionati, questo concetto è inaccettabile. Per loro, Jurassic Park non è criticabile scientificamente. La loro obiezione, assurda e fuori luogo, è che Jurassic Park è un film, una finzione, e come tale va accolto e accettato in pieno, "gustato" senza inutili disquisizioni scientifiche. Ma, come faccio notare ogni volta, le mie critiche non vanno per niente al FILM, bensì all'immagine dei dinosauri che quel film trasmette e divulga, immagine diffusissima (non solo alla cerchia degli appassionati che mi criticano e che, molto ingenuamente, credono di essere gli unici sulla Terra ad aver visto quel film, dimenticando di essere una minoranza rispetto alle milioni di persone che, avendo visto il film, ma non essendo appassionati, si sono comunque poste domande come: "ma saranno davvero così i dinosauri?", "si muovevano così?"). Il film è divertente ed appassionante, ed io lo adoro, MA, e lo ripeterà all'infinito, esso è diseducativo paleontologicamente, diseducativo e fuorviante per numerosi dettagli paleontologici importanti e per niente marginali. Ciò non ha niente a che vedere con il valore artistico del film, che non mi interessa  discutere QUI (anche perché io non sono un critico cinematografico) e che non è mai stato citato nei miei post. Negare questi fatti, per difendere un'icona mediatica sulla base di un inopportuno criterio extra-scientifico, è scorretto e molto miope. A chi crede che queste mie preoccupazioni siano infondate, rispondo ricordandogli che il motivo principale per cui il pubblico guarda Jurassic Park è perché nel film "ci sono I DINOSAURI", ovvero,  riassumendo il concetto all'osso, degli animali estinti basati su ipotesi dei paleontologi, e non perché "il film ha una sceneggiatura meravigliosa".
Mi è capitato molte volte di ricevere domande da persone che, avendo visto Jurassic Park, ma non essendo mai entrate a contatto con testi scientifici sui dinosauri, mi hanno chiesto se e come i dinosauri del film, così apparentemente realistici e "verosimili", siano effettivamente tali. Ciò dimostra che per moltissime persone esiste realmente un'esigenza di capire e sapere se e quanto siano scientifici i dinosauri proposti nella loro più diffusa e conosciuta espressione mediatica esistente al mondo. Rispondere a tali domande è un dovere dei paleontologi.
Pertanto, accusare chi, come me, fa divulgazione dei numerosi errori (anatomici e comportamentali) presenti e diffusi da quel film significa non aver capito affatto l'impatto reale che Jurassic Park ha sulla cultura di massa.
Per questo, inizio una serie di post volti ad analizzare rigorosamente i concetti paleontologici presenti nel più famoso film sui dinosauri della storia, al fine di fornire a chiunque sia interessato quegli strumenti mentali idonei per godere pienamente di un bellissimo film di avventura, senza per questo essere vittime di concezioni paleontologiche errate o false. Vi assicuro che alla fine, non perderete l'amore per il film, ma anzi, come tutti i veri amori, saprete apprezzarlo anche e sopratutto per quei suoi piccoli limiti, imprecisioni e debolezze che l'hanno reso unico e speciale. Sono sicuro che anche quelli convinti di conoscere "tutti" gli errori scientifici presenti nel film resteranno sorpresi...
Se invece non vi interessa affatto scoprire cosa sia scorretto nei vostri amati dinosauri di celluloide, perché preferite il mito alla scienza, siete liberissimi di non leggere questi post, ma non avrete motivi validi per criticarne l'intenzione.

37 commenti:

  1. Se ci si ferma solamente al patos che i dinosauri possono trasmettere nelle eventuali trasposizioni cinematografiche, è più che sufficiente vedere e godere del King Kong degli anni '30. Se si amano i dinosauri, e allora sarebbe naturale aver letto almeno qualche libro di vera divulgazione, non ci si può fermare all'idea dei dinosauri che traspare nel King Kong né tanto meno in Jurassic Park!
    Il cinema, soprattutto quello popolare, tende a rispecchiare i desideri della società, cioè ti fa vedere esattamente ciò che ti aspetti di vedere, in barba alla scienza o alle presunte verità della stessa. Insomma, il cinema popolare va più che altro inteso come un fenomeno di costume o, peggio, da baraccone!

    Andrea/GGD!

    RispondiElimina
  2. Ok, concordo in pieno, ma il mio interesse principale, che ha generato questo post, è il seguente: quale concezione dei dinosauri è divulgata dal più famoso film sui dinosauri? Quanto è scientifica quella concezione? Il pubblico, quanto è consapevole della scientificità (o della non-scientificità) che vede in un dinosauro di Jurassic Park? Queste sono le mie priorità. Il film in sé (o il cinema) non saranno minimamente considerati.

    RispondiElimina
  3. Bel film Jurassic Park. Ha senza dubbio spinto molte persone a documentarsi sui dinosauri (per fortuna anche scientificamente). Che dir si voglia, a parer mio ha fatto del bene alla paleontologia.

    RispondiElimina
  4. @Prolagus: "Che dir si voglia, a parer mio ha fatto del bene alla paleontologia."

    Non ho neanche iniziato a scrivere i post, ma vedo che già qualcuno sente il dovere di difendere il film... (difendere da cosa? chi ha detto che ha fatto del male a qualcuno?)
    Ripeto: IO NON PARLERO' DEL FILM! Parlerò della paleontologia espressa nel film!
    Perché non vi entra mai in testa? :-(

    RispondiElimina
  5. Ma ho scritto per caso che tu hai detto che il film (il film e...) ha fatto del male a qualcuno? Difendo il film da te? Guarda che era solo un mio pensiero, non un 'attacco' a te. E poi cosa me ne entra di difendere un film, cioè un'opera artistica?

    "Che dir si voglia, a parer mio ha fatto del bene alla paleontologia."

    1) 'Che dir si voglia': non è riferito a te, tantomeno a quello che ancora non hai scritto, dato che oltretutto non ho il potere di leggere il futuro.

    2) 'a parer mio': è un mio pensiero che può essere o no condiviso, ma è pur sempre mio.

    3) 'ha fatto del bene alla paleontologia': nel senso che ha dato una vampata d'aria fresca a questa scienza, avvicinando per certi versi la gente comune ai dinosauri.

    Perdonami ma interpreti troppo spesso come attacchi personali degli innocenti commenti privi di qualsiasi malizia. Perchè non ti entra mai in tesa? :-(

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono un grande fan del film di cui stai parlando, nonchè membro dello staff di un forum ad esso dedicato, oltre che appassionato di paleontologia e zoologia in generale. Seguo il tuo blog con molto interesse e questo post è la molla che mi ha spinto a scrivere (sia chiaro, non è un attacco od una provocazione, voglio solo mettere in chiaro alcune cose). Ovviamente parlerò più che altro per me e per le persone che conosco bene e da diversi anni (sempre facenti parte del forum\sito di cui sopra, che credo tu conosca) e della critica paleontologica al film...non mi faccio (e non potrei farmi) garante di tutta un'intera categoria di persone.

    'Inoltre, perché i più ostili alla paleontologia scientifica sono proprio quelli più dichiaratamente appassionati di dinosauri? Non è una provocazione, ma l'unica interpretazione che do di alcune prese di posizione in rete, da parte di appassionati di paleontologia che, per motivi che non riesco a comprendere, sono ostili a qualsiasi forma di divulgazione scientifica attuata analizzando in modo critico e scientifico il più famoso e conosciuto veicolo mediatico di (parte dei) dinosauri, il film "Jurassic Park". '

    Nel mio (nostro) caso è una bugia...siamo sempre stati i primi a dire che c'erano errori più o meno grossolnai nella ricostruzione degli animali che appaiono nel film, vuoi per teorie oggi obsolete (i fantomatici 'Raptor' squamati con gli occhi da rettile), vuoi per motivi di spettacolarizzazione ('Dilophosaurus' velenosi e con la clamide).Capisco che un paleontologo possa scagliarsi contro i secondi -ma relativamente, trattandosi di un film e non di un documentario scientifico alla Super Quark- ma per quanto riguarda il secondo motivo...beh, per fare un esempio, dieci o quindici anni fà avrebbe fatto ridere un sacco di persone parlare di Tyrannosaurus o Velociraptor piumati. Sarebbe come criticare i marinai di una volta perchè vedendo una Megattera la scambiavano per un Drago marino!
    Tonando alla critica alla spettacolarizzazione...beh, cribbio, allora anche Alien, Blade Runner, Il quinto elemento ecc andrebbero criticati scientificamente da vari studiosi di tante discipline, invece...
    Ammettere la presenza di concezioni errate e\o obsolete è un conto...continuare a ribadirlo e a rinfacciarlo ad una community di appassionati dei quali non tutti si interessano di paleontologia (non è il caso di quelle persone che io conosco davvero bene, comunque) alla fine dopo un pò suona molto come un attacco diretto fatto giusto per rompere le scatole (non dico che lo è, ma a molti sembra proprio così, per forza di cose).
    Te lo dice uno che in vari casi ha difeso la tua ipotesi del Majungasaurus anfibio da critiche non scientifiche ed ingiustificate.

    'Altrimenti, la divulgazione smette di avere senso, e la paleontologia resta solamente una masturbazione mentale di una minoranza chiusa in sé stessa.'
    Sempre nel nostro caso, puoi dire tutto quello che vuoi ovviamente, ma che siamo chiusi in noi stessi non mi sembra corretto...abbiamo sempre cercato di diffondere un divulgazione corretta e non 'bimbominkiesca' della paleontologia, almeno nella Grande Rete.

    RispondiElimina
  7. Utahraptor3/4/10 13:58

    'Eppure, per una fetta di appassionati...e non perché "il film ha una sceneggiatura meravigliosa'
    Ok, ora però dovresti citare puntualmente dove e come avremmo giustificato scientificamente\difeso i Dinosauri presenti nella saga (da come ne parli mi sembra chiaro -correggimi se sbaglio- che stai parlando della mia-nostra community, visti vari avvenimenti accaduti nel corso degli ultimi mesi), cosa che, da quel che mi risulta, mai abbiamo fatto.

    'Pertanto, accusare chi, come me, fa divulgazione dei numerosi errori (anatomici e comportamentali) presenti e diffusi da quel film significa non aver capito affatto l'impatto reale che Jurassic Park ha sulla cultura di massa.'
    Nessuna accusa, ma un'insofferenza verso critiche fatte nei confronti di molte persone che comunque riconoscono e ammettono la gran parte (non dico tutti perchè, ovviamente, non essendo paleontologi, non credo che arriveremmo a scovarne tanti quanti ne elencherai tu stesso, pur ammettendoli e riconoscendoli come tali, vuoi per teorie obsolete, vuoi per spettacolarizzazione...lo sò, mi ripeto troppo XD) c'è comunque. Poi nel tuo blog tu stesso dici di possedere una certa arroganza e di andarne fiero...quindi a tua volta dovresti aspettarti di ricevere critiche dalle persone di cui parli.

    'Vi assicuro che alla fine, non perderete l'amore per il film, ma anzi, come tutti i veri amori, saprete apprezzarlo anche e sopratutto per quei suoi piccoli limiti, imprecisioni e debolezze che l'hanno reso unico e speciale.'
    Qui ti quoto appieno...infatti quando guardo il film non bado al fatto che il Tyrannosaurus abbia un cranio troppo voluminoso o alla postura dell'arto anteriore dei tanto temuti 'Raptor'...mi gusto questo capolavoro, conscio che questi errori ci sono ma anche del fatto che quelli sono, come dici tu, Dinosauri di celluloide.

    'ma non avrete motivi validi per criticarne l'intenzione.'
    Non critichiamo l'intenzione in sè, in quanto (ri-ri-ripeto) siamo i primi ad ammettere la presenza di questi errori-imprecisioni...quello che dà fastidio a molti di noi è la continua, accanita e costante critica non solo nei confornti di quelle parti obsolete (ancora...nel '93 se Stan Wiston -pace all'anima sua- avesse proposto Raptor piumati, credo che lo avrebbero bersagliato di verdura) ma più che altro nei nostri. Tu stesso hai detto più volte che non si può giudicare una persona solo da ciò che scrive du un blog o su un forum, eppure tu -dal mio\nostro punto di vista- non solo fai questo, ma fai anche di tutta l'erba un fascio, prendendo decine di persone e descrivendole come dinomaniaci e stop. Questo può dar fastidio, più che la critica allo Spinosaurus o ai Dilophosaurus di un film, credimi.

    Detto ciò, mi scuso se ho deviato dai binari su cui volevi portare questa discussione, ma sentivo di dover chiarire certi punti. Ti faccio anche i complimenti per il blog, che trovo davvero interessante.

    Luca-Utahraptor

    PS: mi scuso per il doppio post, ma c'era un limite di parole e credo di averlo superato

    RispondiElimina
  8. Risposte:
    @Prolagus: se lasci un commento su un mio post sul mio blog, deduco che stai commentando le mie parole. Oppure, la tua era un'opinione gratuita, un "secondo me" nato così, per il piacere di dire senza motivo che Jurassic Park è buono e giusto?

    Purtroppo, vedo che parlare di Jurassic Park, anche solo come mezzo per fare divulgazione scientifica, sembra un tabù sacro che non può essere fatto senza l'autorizzazione di qualcuno.
    A questo proposito, vi chiedo: mi serva la vostra autorizzazione per parlare di Jurassic Park? Ho detto falsità o citato diffamando?

    Risposta: NO.

    Manderò una e-mail a Spielberg, per avere la certificazione, ma non penso che altre persone possano impedirmi di esprimere le mie opinioni, sopratutto su temi così leggeri.

    @Luca: mi spiace se te la prenderai, ma non pensi che scrivere un commento di dozzine di righe su qualcosa che NON c'entra col post, NON c'entra con i post che NON ho ancora scritto, sicuramente NON interessa a molti lettori, ma , sopratutto, dimostra una coda di paglia colossale, non sia la dimostrazione che le mie parole danno fastidio perché dicono una qualche verità che non ti piace? Inoltre, io non parlo di un forum/sito in particolare (non so nemmeno di quale parli) dato che ne esistono numerosi sia italiani che esteri che trattano di paleontologia e "jurassiparkismo" (alcuni onesti, spero quello a cui fai riferimento, altri patetici e molto infantili). Non credi di essere un po' arrogante nel credere che io mi rivolga solo a voi? E poi, DATO CHE NON CITO NESSUNO IN PARTICOLARE, perché accanirsi? Inoltre, hai letto bene il post? Non parlo di forum o cose del genere (che sono libertà vostra, sacrosanta e che non discuto) ma DELLA CONCEZIONE PALEONTOLOGICA DIVULGATA DA JURASSIC PARK. Ora, siccome non esistete solo voi o i vostri sacrosanti forum, perché non avrei il diritto di scrivere un post che potrebbe interessare altre persone, che non seguono il tuo forum, ma sono comunque curiose di sapere se e come Jurassic Park divulghi paleontologia?

    Infine, ho parlato già altre volte di alcuni errori anatomici in Jurassic Park, qui vorrei parlare di cose più profonde, di paleontologia generale e non solo di penne di Velociraptor. Ma... se mi fosse dato il tempo di scrivere, invece di partire subito con gli attacchi preventivi...

    Mamma mia... e poi non dite che sono esagerato a dire che certa gente è fanatica... ;-P

    RispondiElimina
  9. Luca, rileggi la frase:
    "Altrimenti, la divulgazione smette di avere senso, e la paleontologia resta solamente una masturbazione mentale di una minoranza chiusa in sé stessa."

    Essa è rivolta ai divulgatori scientifici come me, i quali devono parlare a tutti e non solo alla loro cerchia di paleontologi. Essa non era rivolta alle persone che frequentano dei forum. Qui veramente hai dimostrato di essere prevenuto.
    PER FAVORE, LEGGETE BENE QUELLO CHE SCRIVO.

    RispondiElimina
  10. @Prolagus: se lasci un commento su un mio post sul mio blog, deduco che stai commentando le mie parole. Oppure, la tua era un'opinione gratuita, un "secondo me" nato così, per il piacere di dire senza motivo che Jurassic Park è buono e giusto?
    ---
    Si la mia era una opinione gratuita, un semplice "secondo me" ('a parer mio'), non si poteva?. Che Jurassic Park sia buono e giusto non l'ho scritto e non troverei piacere a scrivere delle cose senza motivo.
    Ma poi come possono le mie parole essere dedotte come un 'attacco' nei tuoi confronti? (come mi pare di aver capito). Il fatto che il blog e il post siano tuoi forse ti ha portato ad una errata interpretazione del mio intervento. Ho letto ciò che hai scritto nel tuo post, e non scrivo solo per far fare ginnastica alle falangi. Dato che scriviamo nella stessa lingua mi pare opportuno dare il giusto peso a ciò che si scrive, senza dare reinterpretazioni personali ingiustificatamente 'antipatiche'ai pensieri altrui.

    RispondiElimina
  11. Utahraptor3/4/10 15:03

    'non sia la dimostrazione che le mie parole danno fastidio perché dicono una qualche verità che non ti piace?'
    Ma figurati se me la prendo, mi sento dire cose ben peggiori solo perchè mi interesso di Zoologia in generale(!!!)...scusami se insisto sull'argomento, ma con 'verità scomoda' ti riferisci alle imperfezioni di cui parlerai o al fatto che 'quelli come me' sarebbero maniaci di JP o cose del genere?
    Nel primo caso, mi dispiace, ma è un esempio che dimostra quello che dici prima...tendi a fare di tutta l'erba un fascio. Non ho nessunissimo problema con Dinosauri protopiumati o piumati, non avevo problemi con i Majungasaurus anfibi (prima dell'intervento di Darren Naish) e nemmeno con le altre concezioni moderne della paleontologia. Insomma, non capisco a cosa ti riferisci con la 'coda di paglia'.

    'Non credi di essere un po' arrogante nel credere che io mi rivolga solo a voi?'
    Mi autocito: 'Ovviamente parlerò più che altro per me e per le persone che conosco bene e da diversi anni (sempre facenti parte del forum\sito di cui sopra, che credo tu conosca) e della critica paleontologica al film...non mi faccio (e non potrei farmi) garante di tutta un'intera categoria di persone.' Parlo del mio caso (della 'mia' community) perchè non ne conosco altre o comunque non ne faccio parte, quindi non posso parlare per esse. Mai detto che ti riferisci solo a noi, ma che ti riferisci anche a noi in alcuni casi mi-ci è parso palese, non foss'altro che per riferimenti ad alcune persone che, checchè tu ne dica, ci sono stati (ad un altro staffer e ad un untente del forum, per essere precisi...per la cronaca, anche Prolagus fà parte del forum, ma vabbè, non è per questo che ho deciso di scrivere)

    'E poi, DATO CHE NON CITO NESSUNO IN PARTICOLARE, perché accanirsi?'
    Scusa, ma...cercavo di discutere civilmente, non mi sembrava di essermi accanito! Non mi pare di averti offeso o preso a botte, dai...

    'Ora, siccome non esistete solo voi o i vostri sacrosanti forum, perché non avrei il diritto di scrivere un post che potrebbe interessare altre persone, che non seguono il tuo forum, ma sono comunque curiose di sapere se e come Jurassic Park divulghi paleontologia?'
    Ripeto...parlo della community di cui faccio parte, perchè è proprio di quella che faccio parte e diversi altri tuoi interventi hanno fatto sentire diverse persone attaccate ingiustamente. Ovvio che ognuno può scrivere ciò che gli pare, io volevo solo discutere di questo con te, punto e basta.

    'Ma... se mi fosse dato il tempo di scrivere, invece di partire subito con gli attacchi preventivi... '
    Aridaje con gli 'attacchi preventivi'!
    Non era mia intenzione e non mi pare di aver nemmeno dato l'impressione di volerti attaccare...e inoltre, se rileggi il mio intervento precedente, mi sono anche detto interessato a scoprire lòe altre imperfezioni anatomiche presenti in JP che io, da semplice appassionato, non posso sapere e conoscere.

    'Mamma mia... e poi non dite che sono esagerato a dire che certa gente è fanatica... ;-P'
    E io che credevo fanatici quelli che cercano ancora oggi di stabilire chi vincerebbe in un deathmatch tra Spinosaurus e Tyrannosaurus...

    Ad ogni modo, dato che -cosa per cui mi sono scusato alla fine dell'altro post- ritieni (giustamente) che questa non sia la sede più consona, per quanto mi riguarda sarei disponibile a discuterne anche in privato o -se ti và- nel forum a cui partecipo (se vuoi fare divulgazione, perchè anche un forum non può andare bene? Ho letto perchè non vuoi iscriverti su forum paleontologici nell'altro tuo blog, ti dico solo che da noi le cose girano diversamente da come le hai dipinte o almeno lo spero).
    Senza nisciunissimo rancore eh!

    Luca

    RispondiElimina
  12. Salve Cau, è la prima volta che posto un commento sul tuo Blog, ma lo seguo con interesse quasi quotidianamente. Devo ammettere però che ho colto la palla al balzo, in quanto l'argomento che stai trattando mi interessa particolarmente. Premetto subito una cosa: io sono un tipo che, se deve scegliere tra un rigoroso documentario sull'arctometatarso dei Teropodi e l'ipotetico nuovo film di Jurassic Park, sceglie il secondo senza pensarci due volte. Non è una questione di disprezzo, nè di scarso interesse verso la vitale materia che tu studi, rappresenti e per la quale vivi. Io e te siamo accumunati da un unica, grande passione: quella per la Vita Antica, e perfino nella stassa, minuscola branca di questo immenso insieme, ovvero la passione per i Dinosauri. Soltanto che io esprimo la mia passione in modo completamente differente dal tuo. A me piace immaginare quelle creature ormai completamente perdute, immaginarle con carne e sangue, i loro movimenti, le loro azioni, la loro vita. Diciamo che non sono un appassionato di palentologia, bensì di quella che definirei "fanta-paleontologia". In poche parole, sono un astronomo che preferisce immaginare la vita sugli altri pianeti, piuttosto che capire il funzionamento del motore di una nave iperluce ancora da costruire. Vorrei chiederti: sono una persona "sbagliata"? E' davvero un MUST, per me, essere innanzitutto un padrone della cladistica e dell'anatomia? Io sinceramente non ne capisco il perchè. Non mi interessa il nome di ogni singolo pezzo che compone il bacino di Tyrannosaurus; è interessantissimo, certo, e di sicuro leggere un articolo sull'argomento mi piacerebbe molto (o non leggerei i tuoi post)...ma preferisco immaginarlo quell'animale, mi piace per questo. Mi piacerebbe vederlo in Natura, a contatto con le persone, ma è una cosa impossibile, una fantasia...una fantasia che può trovare combustibile in altri prodotti di fantasia, come Jurassic Park.
    Sinceramente, che importa se un Film mostra un Tyrannosaurus rex con i polsi sbagliati? A me sinceramente non interessa. Sò che i suoi polsi sono sbagliati, sò in linea di massima come dovrebbero essere in realtà secondole ultime teorie, ma non mi interessa. Sarei furioso invece di vedere i polsi sbagliati in un documentario sul "Tirannosaurus". Quello si che la gente lo guarda per apprendere: il Film lo guarda per puro sollazzo personale.
    Un ulteriore questione, una domanda che voglio porti da tempo immemore ma che non ho mai avuto il coraggio e la voglia di presentarti: conosci la serie tv Primeval? Parli sempre di Jurassic Park, dici che lo adori come probabilmente lo adoro anche io, nè più ne meno, però, da paleontologo, senti il bisogno di allontanare la massa dagli errori strettamente paleontologici che ci sono nel film. Ora, in questa serie che io reputo molto bella e che "adoro", ci sono un pò di Dinosauri...però i produttori hanno ammesso pubblicamente di averli "pompati" per fare scena...anche in questo caso, esprime paleontologia? Sinceramente, io di paleontologico ci vedo poco e nulla. Molta fanta-paleontologia e nulla paleontologia. C'è davvero il bisogno di scrivere un trattato sugli "Errori di Primeval: perchè il Deinonychus non poteva essere bianco e nero e altre storie"?
    E non è la stessa identica situazione questa per prodotti come Jurassic Park?

    Mi scuso in anticipo se sono sembrato scorteso o provocatorio, ti giuro che non è mia intenzione. Non stò difendendo nulla, non sono un bambino che difende i suoi giocattoli e se l'impressione che ho dato è stata questa, mi dispiace. Voglio solo intraprendere, se posso, il discorso civilmente e da amici.

    - Peppe

    RispondiElimina
  13. @Prolagus: come ho scritto tante altre volte, le opinioni interessanti sono quelle motivate, e ciò è ancora più vero in un blog scientifico. Mi piacerebbe sapere sulla base di quali dati sostieni che Jurassic Park ha fatto del bene alla paleontologia. Le opinioni personali sono legittime, ma, senza motivazioni, sono sterili. In tal caso, io potrei scrivere, senza giustificarlo, che Jurassic Park è un aborto di filmaccio (cosa che non penso), e saremmo al punto di partenza. Ovvero, le opinioni senza motivazioni oggettive sono inutili, e le lascio ad altri siti (non alludo a nessun sito in particolare: lo dico perché vedo che ormai è pericoloso anche solo citare la parola "sito").
    Al contrario, io mostrerò che ci sono validi motivi per vedere in Jurassic Park una cattiva divulgazione, sulla base di dati e non solo come "opinione personale".
    Questa è la differenza tra "secondo me" (legittimi ma sterili) e argomentazioni.

    RispondiElimina
  14. Utahraptor3/4/10 15:10

    'Essa è rivolta ai divulgatori scientifici come me, i quali devono parlare a tutti e non solo alla loro cerchia di paleontologi. Essa non era rivolta alle persone che frequentano dei forum. Qui veramente hai dimostrato di essere prevenuto.
    PER FAVORE, LEGGETE BENE QUELLO CHE SCRIVO.'

    Perdonami, l'ho ricollegato a quello che hai scritto come incipit ad un altro post su Ultrazionale, in cui scrivi: 'Difendiamo il nostro diritto ad una concezione dei dinosauri matura, seria e razionale! Basta col monopolio dei brufolosi esagitati e dello stereotipo totalitario fondato ad uso e consumo loro!'
    Ma, rileggendolo con calma, credo di averlo interpretato male.

    Luca

    RispondiElimina
  15. @Luca, la mia impressione è che non ti interessa il vero tema del post ma solo aprire una polemica su altri temi. Io non ho mai citato il tuo forum, e non capisco perché tu debba creare questo problema tutto personale (tuo e di quelli del tuo forum). Onestamente, non mi interessa parlare di forum, ognuno è libero di esprimersi nei modi che preferisce e non penso che ci sia nulla di sbagliato. Io sono uno studioso di paleontologia, e parlo di paleontologia. Jurassic Park è un efficace pretesto per parlare di dinosauri, ma a me del film e del suo mondo mediatico interessa poco (su Theropoda, mentre mi appassiona la dinomania nata dal film, ma l'ho già discussa abbastanza su Ultrazionale e non la ritratterò qui).

    RispondiElimina
  16. @Peppe,
    ognuno è libero di appassionarsi ai dinosauri nel modo che ritiene più adatto a sé. Massimo rispetto per la tua posizione.
    Questo blog parla solamente della parte scientifica dei dinosauri, ma se uno vuole appassionarsi di altro ne ha massimo diritto.
    Mi spiace che per te un Tyrannosauro coi polsi scorretti non fa la differenza. Dipende da cosa uno vuole vedere. Pensa se in un film sulla Seconda Guerra Mondiale ci fossero le spade laser o le catapulte: forse per te sarebbe bello comunque, per me sarebbe un film demenziale ma non certo uno di guerra.
    Inoltre, dato che Jurassic Park è stato visto da centinaia di milioni di persone, esso incide sull'innaginario dei dinosauri molto più di qualunque documentario: ecco perché è importante parlare degli errori presenti nel film.
    Inoltre, i dettagli sono importanti, perché se Tyrannosaurus ha le mani in un certo modo e non in un altro, avrà uno stile di vita differente (ti assicuro che anche differenze minime incidono, come direbbe Ian Malcolm: l'effetto farfalla). Per te possono non contare, ma per chi come me vuole ricostruire davvero la vita di Tyrannosaurus, questi dettagli sono enormi.

    Non conosco Primeval, e non penso che lo guarderei: non per snobismo, solo per miei gusti personali.

    Temo che state tutti travisando le mie parole sulla base di qualche idea prevenuta su come io potrei vedere Jurassic Park. Non ho ancora scritto un post e già devo giustificarmi per cose che nemmeno ho detto. RIPETO PER LA MILLESIMA VOLTA: IO PARLO DI PALEONTOLOGIA, NON DI UN FILM.

    Io non sto parlando degli errori in Jurassic Park per demolire il film, ma parlo della paleontologia (in parte oggi superata) che ha basato quel film (errori inclusi). Possibile che devo ripete questa frase 1000 volte?

    RispondiElimina
  17. Ok, ti ringrazio per aver risposto al mio post^^

    RispondiElimina
  18. "come ho scritto tante altre volte, le opinioni interessanti sono quelle motivate, e ciò è ancora più vero in un blog scientifico."

    Ma è una mia opinione non deve per forza comportare la nascita di un dibattito. Non ci vedo nulla di scientifico nell'analizzare un'opera d'arte, se non a scopo ludico.

    "Mi piacerebbe sapere sulla base di quali dati sostieni che Jurassic Park ha fatto del bene alla paleontologia."

    Dati? Non penso ci siano pubblicazioni di dati scientifici in merito. L'interesse della gente comune per la paleontologia è cresciuto dopo Jurassic Park, non puoi negarlo, le veci del 'dato scientifico' le fanno i media (Tv, giornali, telegiornali, blog, forum...). Sono sicuro che molte persone hanno abbracciato la 'fede scientifica paleontologica' in parte anche grazie a questo film.


    "Al contrario, io mostrerò che ci sono validi motivi per vedere in Jurassic Park una cattiva divulgazione, sulla base di dati e non solo come "opinione personale"."

    Ma Jurassic Park è un film, non deve divulgare scienza. E' come dire che la Bibbia è un'opera scientifica o che L'origine delle specie sia un testo religioso.

    RispondiElimina
  19. @Prolagus: "Ma Jurassic Park è un film, non deve divulgare scienza."

    Ci sono tanti modi di fare divulgazione. Questa frase è la dimostrazione del perché molti appassionati sottovalutano l'effetto di divulgazione scorretta che ha avuto Jurassic Park sulla cultura di massa, e, in particolare, sulla concezione che molti hanno dei dinosauri.
    Jurassic Park ha fatto divulgazione, per il semplice motivo che è stato visto da centinaia di milioni di persone, la grandissima maggioranza delle quali non ha mai letto libri o articoli scientifici e quindi ha come immagine dei dinosauri quella presentata in Jurassic Park. Vedo, purtroppo, che molti non capiscono l'essenza del "problema", e si limitano a considerarla una sorta di mia presa di posizione contro il film, mentre è una questione ben più complessa che riguarda la divulgazione paleontologica.
    Per questo scriverò questi post.

    RispondiElimina
  20. Le intenzioni dei tuoi post su JP, Andrea, mi sembrano interessanti e stimolanti. Non vedo l'ora di leggerli ;-)
    Chi ama la paleontologia e/o il cinema, non può che esserne positivamente incuriosito.

    Andrea/GGD!

    RispondiElimina
  21. Jurassic Park è intrattenimento. Se la gente è ignorante (nel senso che ignora la realtà scientifica) non è colpa di un film di fantascienza. Se una persona razionale vuole informarsi realmente su quello che sono i dinosauri si documenterà sui testi scientifici o si iscriverà in qualche corso universitario dove vengono trattate le materie scientifiche di stampo paleontologico.

    "Jurassic Park ha fatto divulgazione, per il semplice motivo che è stato visto da centinaia di milioni di persone, la grandissima maggioranza delle quali non ha mai letto libri o articoli scientifici e quindi ha come immagine dei dinosauri quella presentata in Jurassic Park."

    Si ma è 'divulgazione artistica', e comunque dove sta il problema? Pensi che a un pastore di Nuoro che ha visto il film possa cambiare la vita sapere che il Velociraptor del film è una creatura inventata, ben lontana da quella che era il nostro amico del Cretaceo? Se prenderà per buone le informazioni di un film sono solo problemi suoi e non della 'comunità scientifica.'
    Divulgazione scientifica e intrattenimento cinematografico sono campi molto diversi che possono coesistere tranquillamente, sta alla gente razionale scindere sogno e realtà.

    Cattiva divulgazione scientifica addobbata da intrattenimento è rappresentata da quelle porcherie di documentari che stanno producendo ultimamente... li si che ci sarebbe da dibattere.

    RispondiElimina
  22. Caro Prolagus,

    ma avrò il diritto di scrivere quello che mi pare sul mio blog? O devo chiedere prima l'autorizzazione alla Jurassica Inquisizione prima di poter parlare di qualcosa relativo ad un film del 1993? Accidenti... non ho nemmeno scritto il vero post e mi devo sentire queste critiche e obiezioni senza nemmeno avere esposto i fatti veri e propri.

    Se non ti interessa il post, non sei obbligato a commentare. Ma se sei interessato, dammi almeno la possibilità di esporre le mie opinioni.

    RispondiElimina
  23. Utahraptor3/4/10 18:20

    '@Luca, la mia impressione è che non ti interessa il vero tema del post ma solo aprire una polemica su altri temi. '
    Impressione sbagliata, te lo assicuro...come avevo scritto nella primissima parte del mio primo intervento.

    'Jurassic Park è un efficace pretesto per parlare di dinosauri, ma a me del film e del suo mondo mediatico interessa poco (su Theropoda, mentre mi appassiona la dinomania nata dal film, ma l'ho già discussa abbastanza su Ultrazionale e non la ritratterò qui).'
    Ecco, è più di questo su cui intendevo discutere, sapevo in partenza di averlo fatto nel contesto sbagliato ma ho scritto 'di getto'.
    Detto ciò...attendo anche io i prossimi post.

    RispondiElimina
  24. "ma avrò il diritto di scrivere quello che mi pare sul mio blog?"

    Ci mancherebbe altro. Ti sei visto negato da parte mia questo diritto? Il blog è tuo e puoi scriverci quello che vuoi.


    "O devo chiedere prima l'autorizzazione alla Jurassica Inquisizione prima di poter parlare di qualcosa relativo ad un film del 1993?"

    No guarda non faccio parte della 'Jurassica Inquisizione'... sinceramente quel film non mi interessa più di tanto, anche se mi è piaciuto.

    "Accidenti... non ho nemmeno scritto il vero post e mi devo sentire queste critiche e obiezioni senza nemmeno avere esposto i fatti veri e propri."

    Innanzitutto sei stato il primo ad alzare questo polverone ingiustificato solo perchè hai interpretato in maniera 'bellica' il mio primo post. Come hai il diritto di scrivere i tuoi pensieri, chi legge i tuoi articoli ha il diritto (o meglio il piacere) di rispondere o commentare, altrimenti se vuoi rendere il blog 'dittatoriale' cancella le risposte che non ti vanno a genio (so che non lo farai)o rendi il blog privato.


    "Se non ti interessa il post, non sei obbligato a commentare. Ma se sei interessato, dammi almeno la possibilità di esporre le mie opinioni."

    Certo che sono interessato, altrimenti non verrei a leggere quello che scrivi. Il blog è molto interessante ed è una rarità di questi tempi. Il punto è che dovresti (parere personale) automoderarti un pochino e non vedere quasi ogni commento che ti fanno come un attacco.

    RispondiElimina
  25. Non vedo alcun commento come un "attacco", ma non ho paura a sollevare discussioni.
    Troppo comodo rispondermi con "automoderati", invece di proporre argomenti validi come alternative. Ripeto, nessuno vi obbliga a commentare, ma se lo fate, sappiate che i "secondo me" non mi interessano, ma apprezzo molto le argomentazioni fondate su logice e dati concreti.

    RispondiElimina
  26. Come argomento valido/alternativo che lega il binomio film-scienza sarebbe interessante constatare un ipotetico incremento del numero di iscritti nei corsi di laurea in Scienze Naturali/Geologia/Biologia negli anni che hanno seguito il film ;). Ma siccome come hai detto tu il fulcro del discorso è la 'divulgazione scientifica' di JP e non il suo lato ludico/socio-economico è meglio lasciar perdere. La paleontologia è una scienza imperfetta che va avanti anche e soprattutto a forza di 'secondo me', e sai bene che è spesso interpretativa (si possono fare miliardi di esempi)... anche se ci si sforza al massimo non è matematica (che comunque può essere di grande aiuto).

    RispondiElimina
  27. @Prolagus: "La paleontologia è una scienza imperfetta che va avanti anche e soprattutto a forza di 'secondo me', e sai bene che è spesso interpretativa (si possono fare miliardi di esempi)... anche se ci si sforza al massimo non è matematica (che comunque può essere di grande aiuto)."

    GRAZIE PROLAGUS, ECCO LA CAZZATA DEL MESE!
    BASTA, STOP, VERAMENTE, QUI MI STANCO IO. Hai mai fatto una ricerca paleontologica? Hai mai pubblicato uno studio scientifico in paleontologia? Come fai a dire una idiozia stereotipata gratuita così falsa? Ma ti entra in testa che se una cosa non la conosci non devi a tutti i costi dire la tua?
    La paleontologia è una scienza, e non si basa su "secondo me". Il fatto che si basi spesso su dati frammentari o su modelli, non significa che sia una scienza imperfetta.

    E' proprio per combattere stereotipi falsi e degradanti della paleontologia come questo che ci vorrebbe più studio serio e meno film.
    Per favore, se devi scrivere queste cose, lascia perdere e guardati un film.
    Che tristezza sentire queste cose, avviliscono chi fa ricerca sperando che contribuisca alla divulgazione della scienza, e invece si legge questi luoghi comuni avvilenti...

    RispondiElimina
  28. "GRAZIE PROLAGUS, ECCO LA CAZZATA DEL MESE!
    BASTA, STOP, VERAMENTE, QUI MI STANCO IO."

    Datti una calmatina, è il tuo blog, questo è vero, io sono solo un ospite, ma non per questo devi avere un comportamento cosi 'strafottente'. Fino ad ora abbiamo discusso in maniera pacata, non vedo il motivo per questa tua caduta di stile. Rispetta il prossimo come vieni rispettato tu. Rimaniamo nell'ambito delle persone civili, che ne dici?



    "Come fai a dire una idiozia stereotipata gratuita così falsa? Ma ti entra in testa che se una cosa non la conosci non devi a tutti i costi dire la tua?"

    A te non entra in testa che devi rispettare il pensiero altrui anche se va contro il tuo? E poi tu credi di avere la verità in tasca? Dai per favore rimani coi piedini per terra che fai più bella figura.


    "La paleontologia è una scienza, e non si basa su "secondo me"."

    Certo che è una scienza, chi lo ha mai negato? Il punto è che è una scienza imperfetta o mi sbaglio? Il paleontologo anche se avallato dai dati (matematicizzabili ma pur sempre frammentari) che ha acquisito, da comunque una sua interpretazione personale degli stessi, o no?

    "Il fatto che si basi spesso su dati frammentari o su modelli, non significa che sia una scienza imperfetta."

    Perchè no? Il fatto che gli stessi dati possano essere interpretati (nello spazio e nel tempo) in maniera diversa non ti pare imperfetto? La paleontologia è una scienza in continua evoluzione, e mai finirà di evolversi (perchè imperfetta).

    "E' proprio per combattere stereotipi falsi e degradanti della paleontologia come questo che ci vorrebbe più studio serio e meno film."

    Allora continua con i post scientifici e lascia il cinema ai bambini.


    "Per favore, se devi scrivere queste cose, lascia perdere e guardati un film."

    Si, appena ne ho voglia me lo guarderò...

    "Che tristezza sentire queste cose, avviliscono chi fa ricerca sperando che contribuisca alla divulgazione della scienza, e invece si legge questi luoghi comuni avvilenti..."

    Guardati un film cosi ti diverti :)


    PS: cerca di essere un po' meno arrogante e più umile, ma penso di non essere il primo a consigliartelo. Cioè sei una persona matura dai... ;)

    RispondiElimina
  29. Caduta di stile? Ma se tu hai sparato una castronata assurda come: ""La paleontologia è una scienza imperfetta che va avanti anche e soprattutto a forza di 'secondo me'". Allora domani io vado in un forum di medici e dico che "l'aspirina è una supposta imperfetta che va avanti sopratutto a colpi d'acqua". Stesso livello di banalità assurda.
    Troppo comodo pararsi dietro le accusa di arroganza. La solita tattica. Eccone un altro: mi mancava, era da tempo che non saltava fuori questo finale. Troppo comodo darmi dell'arrogante dopo aver ripetutamente scritto delle benemerite grossolanità, senza argomentazioni, senza logica, mere opinioni concluse con una frase che non solo è scorretta, ma è anche ingiusta verso chi fa ricerca paleontologica. Ci sono molti interlocutori seri e corretti, coi quali non si perdono le staffe, perché sono persone coerenti che parlano solo di cose che conoscono e non sparano opinioni gratuite che non servono a nulla.
    La verità è che, come altri tuoi predecessori, sei tutto ansioso di poter dire la tua opinione, senza mai citare dati a sostegno delle tue parole, ma quando superi il limite della decenza, di colpo reagisci dandomi dell'arrogante.
    Chi è più arrogante? Chi si incazza perché sente persone ignoranti sparare a zero su argomenti che non conoscono o chi vuole a tutti i costi dire la sua nonostante abbia dimostrato ripetutamente di non sapere di cosa parla?

    Tu non sai cos'è la paleontologia, e l'hai dimostrato ripetutamente. Ti offende questo? Mi spiace, ma si basa sulle tue affermazioni. Dato che non ho mai detto che uno è obbligato a commentare, non capisco perché devi scrivere cose che non conosci. In altre occasioni mi è piaciuto parlare con te.
    Personalmente non ho nulla contro di te, ma detesto chi viene qui e pretende di essere trattato come un interlocutore maturo senza esserlo. Meglio uno che forse ha un linguaggio duro e sprezzante, ma perlomeno quello che dice lo dice motivandolo con dati, piuttosto che chi spara a zero su campi che non conosce e fa la figura dell'opinionista del pubblico di Amici.
    Sei partito con una serie di argomenti uno più debole e improponibile dell'altro, e non ti sei fermato nonostante fossero pure opinioni. Non sai nemmeno chi fossero i paleontologi coinvolti in Jurassic Park, eppure hai voluto sparare le tue perle di saggezza. Citare Stan Winston come paleoartista è stato il massimo. Nonostante ciò, hai continuato, noncurante della totale assenza di argomenti citati. Ho ripetuto fino alla nausea che il post parla di paleontologia divulgata in Jurassic Park e non del film Jurassic Park, eppure, hai continuato a dire la tua su Jurassic Park. Alla fine hai concluso con una castronata totale che degrada la ricerca paleontologica a mero opinionismo, cosa che è falsa e che qualsiasi paleontologo ti riderebbe dietro. E pretendi di essere trattato come un interlocutore serio? Scusa, io sarò arrogante, ma almeno ho la decenza di stare zitto in ambiti che non conosco.

    Per il resto, massimo rispetto per te, ovviamente, ma non pretendere che io discuta pacatamente con persone così ottusamente inconcludenti. Sono disponibilissimo con chi argomenta, ma non reggo le sparate a zero come quelle di oggi. I tuoi commenti finali ne sono la prova.

    RispondiElimina
  30. Effettivamente, da persona esterna, Prolagus ha esagerato, e non poco.
    La paleontologia ha un metodo, ed è un metodo scientifico, in cui il "secondo me" non vuol dire nulla.

    Come ricercatore, anche se in una disciplina completamente differente, sento che questa affermazione è terribile, fermiamoci un attimo a riflettere prima di travalicare i limiti...

    Erodoto

    RispondiElimina
  31. Non voglio che parta una discussione infantile ed inutile, né che si crei un'assurda serie di accuse e recriminazioni. Io mi scaldo in fretta, è il mio carattere, ma mi passa tutto con la stessa velocità. Non ha senso creare rancori per queste discussioni.
    Chiudiamo la cosa qui, per favore.
    Chi è interessato all'argomento del post, attenda i prossimi capitoli.

    RispondiElimina
  32. "Alla fine hai concluso con una castronata totale che degrada la ricerca paleontologica a mero opinionismo, cosa che è falsa e che qualsiasi paleontologo ti riderebbe dietro."

    Certo che la paleontologia ha i suoi metodi, mica l'ho messo in dubbio! Non è mica una materia umanistica! Ho detto che è imperfetta. I dati paleontologici POSSONO essere interpretati o sono SEMPRE dati oggettivi? La paleontologia non contempla l'IPOTESI? Non esistono diverse opinioni tra i paleontologi o diverse 'scuole di pensiero'? Sono in torto anche su questo? Da quel che so (ma io sono un ignorante e) le scienze esatte son tre o quattro e la paleontologia non mi risulta rientri tra queste.

    "E pretendi di essere trattato come un interlocutore serio? Scusa, io sarò arrogante, ma almeno ho la decenza di stare zitto in ambiti che non conosco."

    Non pretendo niente ma almeno di essere trattato in maniera civile o quantomeno educata.

    Il fatto che scrivi che ho citato Winston come paleoartista è la prova scientifica (cosi sei più contento) per affermare che interpreti in maniera errata e fazziosa (quando vuoi) il pensiero altrui... se rileggi con più attenzione ho scritto "momentaneo 'paleoartista'" con la parola paleoartista tra virgolette. Non mi stupisco di non essere stato il primo a farti notare la tua 'arroganza'. Comunque rilassati non c'è nessun processo in atto, peace & love :)

    E con questo passo e chiudo... Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  33. @Prolagus:"Ho detto che è imperfetta. I dati paleontologici POSSONO essere interpretati o sono SEMPRE dati oggettivi? La paleontologia non contempla l'IPOTESI? Non esistono diverse opinioni tra i paleontologi o diverse 'scuole di pensiero'? Sono in torto anche su questo? Da quel che so (ma io sono un ignorante e) le scienze esatte son tre o quattro e la paleontologia non mi risulta rientri tra queste."

    Non puoi arrampicarti all'infinito sugli specchi.
    Le scienze "imperfette" non esistono. E' una tua invenzione linguistica. I dati sono SEMPRE oggettivi, per definizione, in tutte le scienze naturali, dalla fisica alla biologia. I dati soggettivi non hanno senso. Tutte le scienze si basano su ipotesi. Tutte le scienze hanno diverse scuole interne di pensiero, non solo la paleontologia.

    Come vedi, dici un sacco di frasi "ad effetto", fumose ma alla prova dei fatti senza valore. Preferirei discussioni scientifiche, non retoriche.
    E non dire che stavolta sono stato arrogante.
    E poi, per favore, evita di concludere con allusioni sarcastiche con frasette ad effetto come "Comunque rilassati non c'è nessun processo in atto, peace & love :)". Qui si vorrebbe discutere scientificamente, anche in modo "colorito" ed animoso, ma non è un dibattito televisivo, né un forum di ragazzini: non devi far piacere al pubblico, ma esporre argomenti verificabili. Se non puoi, evita di intervenire a vuoto.
    Grazie.

    RispondiElimina
  34. peace and love quanto vogliamo, Cau (padrone di casa)invita a evitare accuse e contraccuse ecc.

    Quindi mi limito a dire che anche le discipline umanistiche (sono uno storico)hanno i "loro metodi", non sono scienze esatte ma sono "scientifiche" almeno in senso lato, e noi storici non ci limitiamo a dire le nostre oppinioni, almeno se siamo storici "seri" e non giornalisti.
    La differenza la puoi vedere nell'apparato critico, (note, bibliografia, ecc.) e in discipline come l'esegesi delle fonti.
    Le scienze "dure" non sono le uniche "scienze"...
    Potrei continuare ma sarei infantile, per fortuna anche io mi arrabbio ma mi rabbonisco subito dopo.

    Erodoto

    RispondiElimina
  35. Secondo me la discussione nata qui ha poco senso...
    Personalmente, vi vedo parlare su due livelli di interpretazione completamente differenti: l'aspetto scientifico da un lato, e l'aspetto artistico dall'altro. Da scrittore, è un conflitto che vivo spesso in prima persona, e la scelta verso l'interpretazione artistica o il realismo dipende dalle priorità che si hanno nel realizzare un'opera; ma, come per il parto di un lavoro, questa scelta vale anche per la critica che decidiamo di fare.
    Un critico cinematografico difficilmente si preoccuperà del realismo dei dinosauri del film, e pretendere una simile valutazione da parte sua sarebbe errato. Cau ha deciso di esaminare Jurassic Park secondo un punto di vista: l'attinenza tra l'opera e la realtà delle conoscenze scientifiche. Oggettivamente, questo è UN punto dell'opera; se non è tutto, però c'è, è presente, ed è assolutamente analizzabile in maniera indipendente rispetto al resto del film. Il mestiere di Cau è quello del paleontologo, il blog tratta di paleontologia, è naturale che anche la critica avrà un taglio paleontologico, in cui Jurassic Park diventa lo spunto per poter trattare argomenti più vasti: i meccanismi mediatici che riguardano la divulgazione paleontologica nei confronti della massa.
    Non credo sia così difficile prendere Jurassic Park e inquadrarlo razionalmente in un'ottica che permetta di aprire un dibattito di tipo diverso rispetto a quello emotivo, personale ed artistico: l'unico punto in comune tra la sfera creativa e quella reale è il film stesso, che li allaccia come l'anello di una catena. Ma le diramazioni e le conseguenze sono ben separate.
    Seguirò la serie di post con interesse, e spero in discussioni meno accese e che sappiano imperniarsi su uno stesso piano interpretativo.

    RispondiElimina
  36. Suvvia, la paleontologia è una scienza imperfetta almeno quanto lo è la fisica nucleare o la chimica inorganica.
    Seguono gli stessi identici metodi. Ed è il metodo a fare la differenza, mica il soggetto di studio.

    RispondiElimina
  37. @Manfy89: CONCORDO AL 100%!

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -