04 febbraio 2010

_Luoyanggia_,_Banji_ e "l'effetto Nanotyrannus"

Prossimamente parlerò di una nuova fauna dell'inizio del Cretacico Superiore con un mix di theropodi "laurasiatici" e "gondwaniani" che apre nuove luci sulle relazioni tra i due supercontinenti mesozoici. Uno dei rappresentanti di questa nuova fauna lo descrivo ora, assieme ad un suo parente vissuto alla fine del Cretacico. Il motivo di questa scelta è per mostrare le insidie di un fenomeno che battezzo qui "effetto Nanotyrannus".
Lu et al. (2009) descrivono i resti di un theropode di taglia medio-piccola da una nuova associazione faunistica di età Cenomaniana dal Bacino Ruyang in Cina. L'associazione, dal nome iperbolico di Fauna Dinosauriana del Sauropode Gigante di Ruyang, comprende un mix interessante di taxa, e sarà discussa prossimamente. Il nuovo theropode, Luoyanggia liudianensis, conserva il dentale (osso della mandibola), un bacino quasi completo ed alcune ossa del piede. Il dentale, corto, privo di denti, con sinfisi fusa e rami caudali sviluppati, ed il bacino con ileo molto alto cranialmente e con processo otturatore a metà di un ischio concavo caudalmente, non lascia dubbi sulla sua attribuzione: è un oviraptorosauro. Tuttavia, sebbene gli autori lo attribuiscano a Oviraptoridae, esso appare più basale. La sinfisi mandibolare è a "V" e non a "U", i peduncoli iliaci non sono subeguali e la forma generale dell'ileo ricorda forme come Caudipteryx. Infatti, immesso in Megamatrice, Luoyanggia risulta un oviraptorosauro basale, esterno a Oviraptoridae. L'analisi preliminare lo associa a Similicaudipteryx, un taxon basale che ricorda il bizzarro Nomingia. L'analisi quindi è compatibile con l'età Cenomaniana di Luoyanggia, e lo colloca intermedio tra gli oviraptorosauri più antichi e basali, come Incisivosaurus, e le forme più tardive e derivate, come gli oviraptoridi della seconda metà del Cretacico Superiore. Questo risultato quindi non è particolarmente problematico da interpretare.
Al contrario, un altro nuovo oviraptorosauro, Banji long Xu e Han 2010, è molto più complesso da interpretare.
Banji proviene dalla Formazione Nanxiong, del Cretacico Superiore cinese (ogni volta che leggo datazioni di una formazione così ampie e vaghe come "Cretacico Superiore" mi viene in mente la faccia di Federico Fanti che sfuria... purtroppo, l'articolo di Xu e Han non dà indicazioni cronostratigrafiche più precise), e consiste in un cranio e mandibole completi ed articolati, ma non di ossa postcraniali. Il cranio è chiaramente oviraptoride nelle proporzioni alte e corte del rostro, nella forma delle finestre mandibolare e infratemporale e nella forma del dentale. Esso presenta caratteri diagnostici, ad esempio nella forma particolare della cresta nasale, bassa ma con un chiaro margine caudale che si eleva perpendicolare al tetto cranico, e nel grado di pneumatizzazione. Tuttavia, in alcuni caratteri, è di difficile interpretazione filogenetica. Esso infatti mostra caratteri primitivi per un oviraptoridae del Cretacico Superiore, simili a forme più basali come Incisivosaurus, Chirostenotes e Gigantoraptor. Immettendolo in un'analisi filogenetica degli oviraptoridi, Banji risulta infatti un oviraptoride basale, esterno al gruppo dei taxa più noti. Quindi, a prima vista parrebbe un caso simile a quello di Luoyanggia, sebbene circoscritto agli oviraptoridi e non all'intero Oviraptorosauria. Tuttavia, come gli stessi autori notano più volte, questa ipotesi va considerata provvisoria e suscettibile di revisione. Questo perché l'unico esemplare di Banji non è un adulto maturo: le suture craniche indicano un animale non pienamente maturo. Ciò, come ho detto in altre occasioni (ad esempio con Rugops), può disturbare l'analisi filogenetica per un "effetto Nanotyrannus", ovvero, l'inclusione di un animale giovanile, basato solo su un cranio, in un'analisi filogenetica. L'effetto Nanotyrannus è dovuto al fatto che nei dinosauri i crani dei giovani spesso non mostrano tutti i caratteri  adulti distintivi della specie, bensì una combinazione di caratteri che si ritrovano anche in parenti più basali lungo la loro linea evolutiva. Come ho detto sopra, Banji pare mostarre caratteri basali per un oviraptoride. Non escluderei la possibilità che l'animale adulto mostrasse una cresta molto più sviluppata. Pertanto, è possibile che la posizione basale risultata per Banji sia un'effetto spurio dell'immaturità dell'unico cranio con cui la specie per ora può essere codificata in un'analisi. Ciò è aggravato dalla scarsa informazione che abbiamo sulle trasformazioni nel cranio oviraptoride dal giovane all'adulto.
Per questo, per ora evito di includere Banji in Megamatrice.

Ringrazio Lukas Panzarin per avermi inviato i due studi citati e Marco Auditore per aver composto una spassosissima canzone dedicata a Banji.
Bibliografia:
Lu et al., 2009. A preliminary report on the new dinosaurian fauna from the Cretaceous of the Ruyang Basin, Henan province of Central China. J. of the Pal. Soc. of Korea 25: 43-56.
Xu e Han, 2010. A new oviraptorid dinosaur (Theropoda: Oviraptorosauria) from the Upper Cretaceous of China. Vertebrata PalAsiatica 48: 11-18.

3 commenti:

  1. I would say that based on the illustration, Banji presents a derived oviraptorid, on the lines of one already known lineage (no more to say). Specifically, however, the small premax and huge mandibular fenestra are derived features, along withy the pervasion of pneumatization onto the premaxilla as extensively as seen. The mandible is complexly derived, while the upper cranum is similar to many other oviraptorids. It is certainly more derived than Oviraptor and Rinchenia.

    RispondiElimina
  2. Mi sembrava di ricordare che il luogo dove avevano fatto i rilevamenti del confine K-T in Cina avesse un nome che suonava come Nanxiong,

    Ma per consolare Federico Fanti e tutti noi che vogliamo sapere quando più che dove, infomrazioni più precise sono in rete: un articolo sul bacino Nanxiong su Sedimentary Geology, volume 192, aprile 2007 (paleoclima), ed un altro su The Journal of Geology, 2004 (risedimentazione di resti di dinosauri cretacei nel paleocene), e molti altri...
    Non ho l'abbonamento a queste riviste e sono pigrno, così mi sono accontentato degli abstract.

    Mi sembra di capire che la maggior parte delle formazioni che compongono il bacino o sono Maastruchtiane o sono del Paleocene, e che quindi sia cronologicamente l'equivalente cinese di Hell Creek.

    Erodoto

    RispondiElimina
  3. Ho scritto una mezza c.....a, dimenticavo che i distretti cinesi possono essere grandi ben più delle provincie italiane... e quindi il bacino del Naxiong potrebbe contenre moltissime formazioni di epoce differenti.

    Erodoto

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -