14 giugno 2009

Un maniraptoriforme basale dal Giurassico Medio della Francia?


Più volte ho sottolineato la scarsità di fossili di theropode risalenti all’intervallo Lias-Dogger (Giurassico Inferiore e Medio), sopratutto se confrontata con il record fossile successivo. Ogni esemplare, anche frammentario, è quindi significativo.

Ad esempio, Knoll et al. (1999) descrivono un frammento di neurocranio di un theropode di taglia media (lunghezza stimata sui 5-7 metri) del Calloviano Superiore (fine del Giurassico Medio) dal Nord della Francia. Gli autori notano che l’esemplare non è attribuibile agli altri due theropodi europei dello stesso piano geologico per i quali è noto il neurocranio (Eustreptospondylus e Piveteausaurus) e notano alcune somiglianze con gli allosauroidi (ad esempio, nel gradi di partecipazione del sopraoccipitale al forame magno). Tuttavia, questo tratto è distribuito tra i neotetanuri e non solo gli allosauroidi. Un carattere interessante, non notato dagli autori, è la presenza di recessi, probabilmente pneumatici, all’interno dei processi paroccipitali (Knoll et al., 1999, Fig 1B-C): questo è un tratto presente nei coelurosauri. Questo neurocranio apparterrebbe ad un coelurosauro? Indipendentemente dallo status di Eshanosaurus, l’esistenza di Carnosauri basali nel Giurassico Medio (Monolophosaurus e Shidaisaurus) e di Tyrannosauroidi nell’Oxfordiano (il piano immediatamente successivo al Calloviano) implica l’esistenza di qualche coelurosauro alla fine del Giurassico Medio.

Immesso in Megamatrice, questo frammentario neurocranio (codificabile per circa 20 caratteri) risulta un Maniraptoriformes di incerta posizione sistematica. Il 72% dei risultati lo collocano tra i Maniraptora più basali.

Pertanto, esso potrebbe essere effettivamente la prima evidenza di maniraptoriformi nel Giurassico Medio.


Ringrazio Fabien Knoll per avermi inviato una copia del suo articolo.


Bibliografia:

Knoll F., Buffetaut E. & Buelow M., 1999 - A theropod braincase from the Jurassic of the Vaches Noires cliffs (Normandy, France); osteology and palaeoneurology. Bulletin de la Societe Geologique de France 170; no. 1; p. 103-109.

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -