14 maggio 2009

Women in Theropod Palaeontology

Questa bellissima foto, che ho scovato su Facebook (tratta da Halstead & Halstead, 1981 Dinosaurs. Blanford Press. Cliccate sul titolo del post), risale probabilmente agli anni '70 del secolo scorso, e ritrae due paleontologhe polacche (probabilmente quella sulla destra è Zofia Kielan-Jaworwoska, una delle massime autorità mondiali sui mammiferi mesozoici; mentre quella sulla sinistra non saprei*) ed una mandibola di Tarbosaurus. Ho già dedicato un post in passato sul contributo delle donne nella paleontologia dei theropodi, e sul fatto positivo che questo contributo cresce progressivamente col tempo, ma data la bellezza della foto, valeva la pena rimarcarlo.

*Sarei tentato di dire che l'altra è Teresa Maryanska, ma non ne ho la certezza. Se qualcuno può aiutarmi è benvenuto.

3 commenti:

  1. This post lead me to notice that there are much more men studying theropod dinosaurs than women. Of course, there are much less women studying dinosaurs than the opposite (which is a pity!), but I genuinely believe that men are usually more fascinated by meet-eating dinosaurs than women. Am I wrong by saying that?
    I am wondering what clade of dinosaurs women prefer? It would be quite interesting to ask the same question to men and see if we are similar in this respect.

    RispondiElimina
  2. I don't know. There are many factors (most of the cultural) influencing these questions.

    If theropod-fan women would like to answer...

    RispondiElimina
  3. > I genuinely believe that men are usually more fascinated by meet-eating dinosaurs than women.

    - Da un punto di vista psicologico non credo vi siano fattori discriminanti per un verso o per l'altro.
    Anzi, storicamente codificato nei rituali di iniziazione, il rettile è sessualmente ambivalente, valido sia per uomini che per donne (tutti affrontano la pubertà). Non ho tempo di affrontare dettagliatamente la questione. Mi limito a dire che se oggigiorno il rettile appare più connotato ins senso maschile, e il "rettile" per eccellenza è il tirannosauro iconografico, è a causa dell'impostazione culturale patriarcale della civiltà ccidentale (almeno fino a 30 anni fa circa), erede in ciò dello status quo lato sensu indoeuropeo in illo tempore.
    Da ultimo si può notare come, ad ogni modo, il lucore del serpente - benchè, lo ripeto, non connotato in senso esclusivamente ed unilateralmente come "maschile; ad es. le losanghe del corpo ofidico hanno richiamato infinite volte alla femminilità - e delle squame rettiliane rimandino più spiccatamente al sesso maschile, alla "potenza" guerresca e virile innanzitutto.
    Per INFO precise: geomythology.blogspot.com, ovvio!

    Uno studio simile sui paleontologi donne sarebbe materiale per uno gender study estremamente interessante.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -