14 marzo 2008

Il nebuloso confine tra piumati e non...

Le penne sono complesse apomorfie di un sottoclade di Maniraptoriformes.
Per quanto sappiamo, esse sono presenti in Avialae, Oviraptorosauria e Deinonychosauria. La condizione in Therizinosauria ed Alvarezsauridae è ambigua, mentre appare probabile che mancassero in Tyrannosauroidea e Compsognathidae. Ornithomomosauria, per ora, non ha fornito tracce di piumaggio (Pelecanimimus non ne mostra, il che è un'assenza di prove, non una prova di assenza). La piuma, il "precursore" della penna, è noto attualmente tra molti Coelurosauria: Avialae, Oviraptorosauria, Deinonychosauria, Alvarezsauridae, Therizinosauria, Tyrannosauroidea e Compsognathidae.
A quanto sappiamo, Ornithischia, Sauropodomorpha e Ceratosauria non sembrano presentare piume, mentre hanno varie forme di osteodermi.
La presenza di osteodermi di per sé non esclude piumaggio, dato che, come mostrano gli uccelli, il corpo può portare, in zone distinte tegumenti diversi. Tuttavia, taxa con intensa ricopritura osteodermica non hanno fornito piumaggio. Quindi, per ora, pare plausibile escludere i tre cladi citati sopra dalla lista dei piumati.
Sembrerebbe che un esemplare giovanile di Allosaurus citato in un abstract delle conferenze della Society of Vertebrate Paleontology (non ricordo quale, appena la trovo la metto in bibliografia) presenti scaglie, almeno nella ristretta area preservata. Analogamente, Juravenator, un celurosauro basale che nelle varia sessioni recenti di Megamatrice si diverte a saltare dentro e fuori da Compsognathidae, ha delle scaglie sulla coda.
In conclusione, ottimizzandolo in maniera decelerata, il piumaggio (presenza di tegumento filamentoso omologo con le piume degli uccelli) parrebbe una autapomorfia di un clade di Coelurosauria che comprende Sinosauropteryx, Dilong e Passer. Tuttavia, se Juravenator e Allosaurus hanno un ricoprimento ibrido di tegumento (parti piumate e parti scagliose), l'ottimizzazione accelerata del carattere lo pone come una possibile autapomorfia di Tetanurae.
Fututi ritrovamenti aiuteranno a restringere questa nebulosa cortina di transizione.
Nota finale: nei giacimenti cinesi che han dato teropodi piumati abbiamo solo celurosauri, eppure, siamo nel Cretacico Inferiore, quindi ceratosauri, allosauroidi e spinosauroidi esistevano... possibile che in Cina mancassero? Possibile che solo in Cina si abbiano le straordinarie condizioni di fossilizzazione idonee? Un pò frustrante, non trovate?

5 commenti:

  1. "Sembrerebbe che un esemplare giovanile di Allosaurus citato in un abstract delle conferenze della Society of Vertebrate Paleontology (non ricordo quale, appena la trovo la metto in bibliografia) presenti scaglie, almeno nella ristretta area preservata".

    Beh sembra interessanete la cosa,soprattutto quanto tegumento si è conservato e quanto estesa era la zona ke copriva....

    RispondiElimina
  2. Ciao
    Credo di aver presente la scoperta a cui ti riferisci: si tratterebbe dei resti di un giovane allosauro(Allosaurus jimmadseni) che, caso unico al mondo(per gli allosauroidi), ha conservato tracce di scaglie(di 2-3 cm di diametro) sulla parte sinistra del corpo, più di 30 cm2(Pinegar et al. 2003)

    RispondiElimina
  3. Potrebbe essere che i celurosauri piumati fossero un caratteristica tipica solo del continente asiatico? Magari un adattamento dovuto al clima particolare di quella zona di mondo...

    RispondiElimina
  4. Lo escludo categoricamente.
    Finora abbiamo trovato tracce di penne in celurosauri non-aviali cinesi solo perché solo in cina abbiamo trovato giacimenti con quelle particolari condizioni di preservazione. NON invertiamo le cause con gli effetti!

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -