01 aprile 2014

Coming Soon: Megalofalcis stromeri

Dopo un secolo, Stromer è stato vendicato...

Anche se per oggi avevo in programma solamente il post sulla mia pubblicazione relativa agli sfenodontidi di Pietraroia, in queste ore è uscito un articolo molto importante che sapevo da tempo fosse in stampa, quindi accenno la notizia prima che - come sempre - la rete inizi a produrre i soliti pseudo-articoli sensazionalistici.
Da circa dieci anni, circolava il rumor che qualcosa della collezione paleontologica di Stromer, ritenuta distrutta completamente nel bombardamento alleato del 1944 su Monaco di Baviera, fosse effettivamente "sopravissuto". Il rumor accennava ad un contro-pavimentazione del museo bavarese, costruita nell'immediato dopoguerra, utilizzando materiale del museo originario. Questa contropavimentazione, che - paradossalmente - è un "fossile" del museo originario, è stata rinvenuta nei magazzini odierni del museo, e - con sorpresa e gioia dei paleontologi dell'istituto tedesco, è risultata rivestire una intercapedine letteralmente riempita da materiale fossile accatastato dopo il bombardamento. Il materiale, comprendente ossa lunghe, vertebre e coste, è indubbiamente dinosauriano. Estratto e studiato, esso corrisponde a parte del materiale descritto ed illustrato da Stromer (1934), ovvero, numerose ossa di theropodi medio-grandi dal Cenomaniano dell'Egitto. La fortuna ha voluto che parte di questo materiale fosse marcato con i numeri di catalogo originari della collezione, permettendo di associare tra loro le ossa dei vari individui. Un esemplare, in particolare, comprende un omero, lunghi ungueali falciformi, parte dell'ileo e del piede, ed è riferibile ad un grande megaraptoriano basale, il primo scoperto in Africa, battezzato Megalofalcis stromeri.
Megalofalcis condivide con Fukuiraptor la forma e proporzioni dell'omero, mentre è più simile ai Megaraptoridae gondwaniani nella forma e proporzioni degli ungueali, che sono falciformi con solchi collaterali asimmetrici. Le dimensioni di Megalofalcis sono comunque notevoli, dato che il femore, sebbene parzialmente completo, consente di stimare le sue dimensioni totali a circa 138 cm, quindi superiori a quelle di molti allosauroidi e tyrannosauroidi. Badate bene, la misura di 138 cm è relativa all'ampiezza mediolaterale in norma sagittale della diafisi in assenza dell'epifisi. Questo implica che le dimensioni ponderate dell'osso, in norma distale, senza considerare l'ampiezza dell'ectocondilo, sono riconducibili a quelle che, basandosi sul  semiasse mediolaterale conservato della diafisi, sono osservate nel femore subadulto dell'esemplare riferito di Chilantaisaurus. Ciò è notevole! Comprendete, quindi, che la stima dimensionale che si deduce da questi rapporti sia, al netto del margine di errore dato dall'inevitabile errore di campionamento (n=1), nell'ordine di grandezza dei massimi theropodi noti. Se così fosse, estrapolando le dimensioni totali dell'ungueale del primo dito della mano a partire dal frammento presenti, si ottiene una misura di 69 cm dalla faccetta articolare all'apice distale dell'ungueale! 
A questo punto, è lecito porsi la domanda se Megalofalcis sia sinonimo con altri taxa istituiti da Stromer. Ad esempio, è possibile che esso sia solamente un sinonimo junior di Bahariasaurus? Qui, è bene chiarire che solo l'olotipo di Bahariasaurus possa essere riferito senza dubbi a quel taxon. Il confronto con Megalofalcis è limitato, ma illuminante, dato che le immagini da Stromer (1934) mostrano una comune colorazione delle litografie, cosa che potrebbe - in via ipotetica - suggerire una sovrapposizione nelle ossa attribuite in modo provvisorio a quel taxon. Nondimeno, i due taxa sono differenti per un importante carattere tafonomico, che preclude la sinonimia: uno è stato scoperto in Egitto, mentre l'altro in Baviera.
Di tutto questo, e delle implicazioni di questa ri-scoperta, parlerò nel prossimo post.

Bibliografia:
Ernstmer S., Grant A., Levine R., and Challenger L.-W. (2014). Re-discovery of the Stromer theropods reveals the Most Badass Killer Machine Ever. Serious? Science Awesome Research 4: 1-14.




11 commenti:

  1. Megalofalcis era un pesce bello grosso?

    HK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stavo giusto pensando la stessa cosa :)

      Emiliano

      Elimina
  2. Alessio Z2/4/14 10:34

    Non so perchè ma, soprattutto vedendo la bibliografia e la data di pubblicazione, mi puzza di pesce...

    Alessio Z

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti riferirai mica a questa serissima pubblicazione? :)

      "Re-discovery of the Stromer theropods reveals the Most Badass Killer Machine Ever. Serious? "

      Emiliano

      Elimina
  3. Anche questa volta ci sono quasi caduto con tutte le scarpe, anche se solo fino a metà articolo. Mi sono insospettito quando ti sei dilungato sulle dimensioni e quando ti sei entusiasmato per le dimensioni ho controllato la data.

    RispondiElimina
  4. This is getting weird. Is this some kind of postmodern revenge April Fools joke. I fell for this idea (except for the rediscovery and the 'size' bit) leading up to the date but before it was even posted. Little hints in papers and in the 'new year predictions' post. This is 'Twilight Zone' kind of stuff and I've actually been re-watching that series.

    Paul W.

    RispondiElimina
  5. Salve Andrea, scusi se le scrivo qui, ma non so come altro chiederle quanto segue, anche se poco o nulla pertinente con questo blog. Avrei voluto sapere come poter aggiungere anche io, nel mio blog, dei banner come i suoi (come gli obiettivi del blog, l'autore del blog, disclaimer, paleoart gallery e via discorrendo). Ha forse usato l'HTML/JavaScript oppure fanno parte di un dato modello o gadget di blogger?

    Saluti, Luca Pozzi-Mariani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pre-impostati nel modello di blogger (ovviamente, i titoli delle pagine sono opera mia).

      Elimina
    2. Grazie mille per aver risposto, ma per quanto ci abbia girato su, non ho trovato un modello che mi permetta di inserire dei banner così efficaci che facciano navigare all'interno dello stesso blog, come in questo caso. Si potrebbe, dunque, conoscere il nome del modello del blog o il tipo di layout, cortesemente?

      Saluti, Luca.

      Elimina
  6. Andrea, sono state scoperte le origini del velociraptor!
    https://scontent-a-fra.xx.fbcdn.net/hphotos-frc1/t1.0-9/10245500_10154046265820226_148563466_n.jpg

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sublime...
      Emiliano

      Elimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -