20 settembre 2011

Talos sampsoni Zanno et al. 2011

Silhouette generica di Troodontidae derivato con segnato in rosso le ossa note in Talos sampsoni. Opera di Scott Hartman da Zanno et al. 2011
Quest'anno sembra essere dedicato ai Troodontidae, paraviali meno noti dei Dromaeosauridi, ma non meno interessanti.
Oggi, Zanno et al. (2011) istituiscono un nuovo taxon dalla Kaiparowits Formation, del Cretacico Superiore Nordamericano, Talos sampsoni. Come avrete intuito, la specie è dedicata a Scott Sampson, per i suoi studi nella Kaiparowits Formation.
I resti noti di Talos comprendono alcune vertebre, un'ulna, parte del bacino e dell'arto posteriore. Esso è il secondo troodontidae dal Cretacico Superiore del Nordamerica, dopo Troodon. Questo ultimo, tuttavia, probabilmente costituisce una sommatoria di più generi, dato che si distribuisce per oltre 4000 km in 20 milioni di anni. Dato che l'olotipo di Troodon è un dente, è probabile che tale morfotipo caratterizzi un clade più ampio di un genere singolo.
Talos è distinguibile da Troodon per le dimensioni adulte più ridotte, oltre che per una combinazione unica di caratteri, tra cui un piede più gracile con un tubercolo laterodistale della superficie dorsale del terzo metatarsale. L'olotipo ed unico esemplare di Talos sampsoni mostra una patologia a livello del secondo dito del piede. Dato che quest'ultimo non era utilizzato nella locomozione, è plausibile che tale patologia sia il risultato di un utilizzo aggressivo (predatorio o difensivo) del secondo dito specializzato.
Sia l'analisi di Zanno et al. (2011) che Megamatrice collocano Talos nella parte derivata di Troodontidae. In Megamatrice, Talos risulta in tricotomia con Zanabazar ed il nodo Troodon + Linhevenator.

Bibliografia:
Zanno LE, Varricchio DJ, O’Connor PM, Titus AL, Knell MJ (2011) A New Troodontid Theropod, Talos sampsoni gen. et sp. nov., from the Upper Cretaceous Western Interior Basin of North America. PLoS ONE 6(9): e24487. doi:10.1371/journal.pone.0024487

3 commenti:

  1. After Tyrannosaurian season and Ceratopsian season, now we seem to be in a Troodontid "season"...

    RispondiElimina
  2. Perdona la curiosità, ma quando leggi un articolo di questo tipo cosa ti interessa di più? Su cosa ti soffermi in particolare?
    Io, da appassionato, leggo volenteri l'introduzione perché da notizie generali per me interessanti. La sezione descrizione e confronti è per me più difficile da apprezzare a causa delle mie limitate conoscenze. La parte discussione e conclusione la leggo più volentieri.

    Se ti va di soddisfare la mia curiosità di ringrazio anticipatamente

    Diego Fondacaro

    RispondiElimina
  3. Diego, la mia parte preferita è la descrizione dei fatti (in questo caso le ossa).

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -