08 settembre 2011

Un nuovo troodontide con braccia ridotte

Un fenomeno ricorrente nell'evoluzione dei theropodi è la riduzione dell'arto anteriore. Essa è caratteristica di interi cladi (Abelisauridae, Tyrannosauridae, Parvicursorinae) oppure caratterizza singoli generi all'interno di linee evolutive (ad esempio, Austroraptor in Dromaeosauridae). Non tutti i casi sono analoghi. In alcuni, la riduzione dell'arto comporta anche la perdita parziale o totale della primitiva funzionalità (Abelisauridae, e forse Tyrannosauridae). In altri, la riduzione dell'arto pare una nuova specializzazione funzionale, non un'atrofia (Parvicursorinae). Un nuovo caso si aggiunge oggi.
Xu et al. (2011) descrivono un troodontide dal Cretacico Superiore della Mongolia Interna (Cina) ed istituiscono il nuovo taxon Linhevenator tani.
L'olotipo di Linhevenator comprende parte del cranio, alcune vertebre dorsali, scapola, omero, parte dell'ischio, femore e piede quasi completo. Tra le varie caratteristiche di Linhevenator è la riduzione dimensionale dell'omero, che è solo il 40% del femore. Nessun paraviano mostra una così marcata riduzione dell'omero, nemmeno Austroraptor. Tuttavia, a differenza di quest ultimo, l'omero di Linhevenator ha una robusta cresta deltopettorale, lunga metà dell'omero. Questo indica che le inserzioni muscolari (e quindi i muscoli) del braccio di Linhevenator erano ben sviluppati, e quindi pienamente funzionali. Quale adattamento rappresenti la riduzione del braccio in questo troodontide è incerto. Va notato che la riduzione del braccio è spesso caratteristica dei bipedi cursori, quindi, è possibile che il motivo sia epifenomenico alla cursorialità e non legato direttamente a qualche adattamento del braccio. 
Purtroppo, il braccio è poco noto nei troodontidi del Cretacico Superiore, quindi non è chiaro se questa caratteristica sia unica di Linhevenator o sinapomorfica per un clade più ampio.
Un'altra caratteristica di Linhevenator, condivisa almeno con Troodon, è la somiglianza in alcune caratteristiche del piede con gli Eudromaeosauria, tra cui un relativo accorciamento del metatarso e alcuni dettagli della morfologia del secondo dito.
Megamatrice colloca Linhevenator nei troodontidi derivati, come sister-taxon a Troodon: ciò è in parte in accordo con l'analisi di Xu et al. (2011), anche se i dettagli delle relazioni tra i troodontidi derivati differiscono tra le due analisi.

Bibliografia:
Xu X., Tan Q., Sullivan, C., Han F., Xiao D. (2011) A Short-Armed Troodontid Dinosaur from the Upper Cretaceous of Inner Mongolia and Its Implications for Troodontid Evolution. PLoS ONE 6(9): e22916. doi:10.1371/journal.pone.0022916

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -