17 luglio 2011

Manierismo minimalista

Se dovessimo basarci solamente sulle opere di paleoarte come testimonianze del Mesozoico, dovremmo concludere che esso fu un'era terribilmente noiosa!
A parte rare eccezioni di pregevolezza, i fatti mesozoici difatti si riducono a:
Tyrannosaurus che attaccata, o combatte, o mangia una carcassa. Pare che Tyrannosaurus non abbia mai dormito, scavato una buca scavando con i piedi (come le galline quando razzonano) o costruito un nido per le uova, né si sia mai appoggiato ad un tronco per pulirsi il dorso, né tanto meno la sua carcassa sia mai stata mangiata da altri animali che non fossero tyrannosauri.
I dromaeosauridi sanno (quasi) solo attaccare e combattere. Ne vedrete mai uno che si nasconde sotto un cespuglio, si arrampica su un basso albero, depone le uova, sbadiglia o dorme? Mai successo. Solo combattere e uccidere.
Gli oviraptoridi sono i più disgraziati: per decenni hanno soltanto rubato uova. Poi improvvisamente, da una quindicina d'anni, l'unica cosa che fanno dalla mattina alla sera è covare uova. In ogni caso, c'è sempre un uovo di mezzo.
I ceratopsidi, quando non sono attaccati dai tyrannosauridi, combattono tra loro, oppure attarvarersano in massa fiumi in piena, apposta per morire.
Gli hadrosauridi sono la versione sfigata dei ceratopsidi, e fanno solo due cose: pascolano o scappano. Un paio di specie (ma solo loro) passano tutta la vita a costruire colonie di nidificazione. Gli altri ornithopodi invece sono esclusivamente in fuga dal solito theropode.
I sauropodi mangiano o camminano. Qualcuno si allontana da una covata proprio mentre schiude. Non hanno altri repertori possibili.
Gli stegosauri sono noisissime creature che di solito o si mettono in posa canonica per mostrarsi allo spettatore, altrimenti dondolano la coda per allontanare il solito allosauro (nelle versioni chich, è un ceratosauro).
Gli ankilosauri sono la versione cretacica degli stegosauri e fanno le stesse cose, tanne che all'allosauro sostituiscono il tyrannosauro.
I più patetici di tutti, però, sono i pachycefalosauri: essi sanno solo inzuccarsi a vicenda. Non mangiano, non dormono, non si accoppiano, non depongono uova... anzi, non nascono e non crescono: essi sono sempre e comunque intenti ad accozzare le proprie teste uno contro l'altro.
Ovviamente, di tutti questi animali, non vedrete mai uno che defeca... simili realismi non avvenivano a quei tempi.
Morale della favola: la prossima volta che ideate una scena mesozoica a dinosauri, sforzatevi di uscire dal solito repertorio stereotipato. Gli animali fanno anche altre cose, oltre alle solite alle quali la nostra limitata immaginazione stereotipante li ha inchiodati.

16 commenti:

  1. Totalmente d'accordo!
    Pur essendo un "disegnatore di dinosauri" alle primissime armi, cerco sempre di allontanarmi dai classici luoghi comuni della paleoarte, per quanto possibile.
    Non è che potresti dedicare qualche altro post all'argomento? Ad esempio parlando della malsana abitudine di molti disegnatori (anche professionisti) di evidenziare eccessivamente le fenestrature craniche e altre caratteristiche ossee che molto probabilmente non erano visibili nell'animale in vita?


    Alessio

    RispondiElimina
  2. Alessio,
    se cerchi tra i post con l'etichetta "Paleoarte" (ti basta cliccare su quella di questo post) vedrai che in passato ho trattato i temi che hai chiesto.

    RispondiElimina
  3. io aggiungerei anche Diplodocus che fa continuamente schioccare la coda (oppure mostra gli artigli delle zampe anteriori alzandosi su quelle posteriori) contro il solito allosauro (il quale a sua volta è tra i predatori più inetti, perchè viene sempre brutalmente sconfitto sia dai sauropodi che dagli stegosauri), Baryonyx che sta tutta la vita a prendere a zampate pesci simili ai celacanti(mai pesci di altro tipo) appostato sulla riva di un fiume, Troodon che è sicuramente sonnambulo e corre dietro a piccoli mammiferi simili a topi per tutta la notte, e Mei Long che passa l'intera sua esistenza a dormire con la testa sotto l'ala!
    Giacomo

    RispondiElimina
  4. Forse perchè le scene di lotta/predazione attirano di più il grande pubblico. Può essere che molti plaeoartisti in qualche modo si sentano 'obbligati' ad accontentare queste esigenze.

    RispondiElimina
  5. Defecating dinosaurs, you say? (http://psithyrus.deviantart.com/art/Pilgrims-176360588)

    RispondiElimina
  6. Albertonykus, as I wrote in ther beginning of the post, there are some good non-conventional works.

    RispondiElimina
  7. Nulla di più vero!
    Anche io, nei miei disegni, cerco sempre di evitare le solite pose/scene trite e ritrite. Ad esempio, non so perché, ma ho una morbosa mania nel disegnare dinosauri che si riposano. XD

    Giuseppe Mennella

    RispondiElimina
  8. Per fortuna uno dei primi paleo artisti della mia infanzia è stato Wiliam Stout, ed in quelle tavole dinosauri e co. facevano veramente di tutto. Un buon imprinting.

    La cattiva paleo arte abbonda, ma anche quella buona non muore mai.

    Valerio

    RispondiElimina
  9. Parole sacrosante Andrea. Condivido pienamente le tue osservazioni anche se, come si notava qualche tempo fa, io stesso faccio parte di quegli illustratori che 9 volte su 10 mostra i suoi soggetti a fauci spalancate che s'azzuffano, si minacciano e uccidono. Il problema, per come la vivo io come professionista, è che solitamente sei chiamato ad illustrare una scena che sia d'impatto emotivo. E, permettimi, concorderai con me che è parecchio più difficile vendere un'originalissima immagine di uno Styracosaurus che defeca piuttosto che una di un banalissimo Tyrannosaurus indemoniato. Hai ragione a dire che dovremmo essere più vari nelle nostre rappresentazioni e sarei ben felice di farlo qualora avessi la possibilità di illustrare un libro con una storia, dove c'è modo di dilungarsi in descrizioni di vita e comportamenti. Ma purtroppo l'editoria e il mercato sono quelle che sono e i vincoli commerciali ti soffocano.

    Davide Bonadonna

    RispondiElimina
  10. mi associo a bonadonna.
    se avessimo la sicurezza del compenso per "dinosauri defecanti" li faremmo.
    d'altra parte sta anche a noi cercare quando si può un compromesso, dopotutto si può sempre girare in torno al tema...
    pensiamo agli artisti del passato che lavoravano su commissione: avevano sì le loro licenze poetiche, ma il tema era quello commissionato, senò niente pàppa!
    cè da dire però che sembra che i committenti di una volta avessero avuto più buon gusto di quelli d'oggi.

    Troco

    RispondiElimina
  11. Mi sa che oggi manchino proprio i committenti...

    Andrea/GGD!

    RispondiElimina
  12. E non dimentichiamoci Megalosaurus , che sà solo camminare o andare a caccia di Iguanodon (!) , oppure ancora Kentrosaurus che mangia solo piante acquatiche , il povero Protoceratops che è costretto a combattere con il Velociraptor o a nidificare solamente ed infine Therizinosaurus che sà solo mangiare , E BASTA . Monotonia assoluta.....

    Cristian

    RispondiElimina
  13. @ Cau, però c'è stato un innegabile miglioramento nella rappresentazione degli pterosauri.
    Solo vent'anni fa sapevano fare solo 2 cose: volare e mangiare del pesce, prendendolo, per altro, mentre volavano a brevissima distanza dalle onde.

    Era proprio un tocco d'artista se inseguivano una libellula gigante.

    Oggi li si vede sempre più spesso camminare, qualche volta nuotare, nidificare, nutrirsi di organismi differenti dal solito pesce marino (inclusi nidiacei di sauropodi), magari presto li vedremo mangiare anche frutta.

    Inoltre non sono più rappresentati in vista di alte scogliere, ma in ogni genere di ambienti.

    Per non parlare del fatto che ormai il pelo (o pycnofibre) è diventato standard, e da più di un quindicennio a occhio e croce. (considerando che Sordes è stato descritto all'inizio degli anni '70 c'è voluto un bel po'...)

    Morale della favola, almeno per i non dinosauri il mesozoico sta diventando un po' meno noioso.

    Valerio

    RispondiElimina
  14. A proposito di arte....recentemente ho raffigurato una scena ambientata nel Kem Kem del Cenomaniano , dove un'esemplare femminile non completamente maturo di Spinosaurus difende il suo cucciolo appena nato respingendo un'esemplare adulto di Kemkemia . La questione è questa , ho raffigurato Kemkemia in modo simile a Elaphrosaurus (quindi i modo del tutto speculativo) , ma rendendolo un pò più robusto e dotandolo di piumaggio . Ho fatto bene a raffiguralo così ? Oppure avrei dovuto prendere come riferimento altri teropodi tipo i noasauri ? E vorrei farti una piccola richiesta , posso prendere la testa del tuo Spinosaurus per modificarlo un pò e usarlo nel mio disegno ?

    Citipati osmolskae

    RispondiElimina
  15. Citipati,
    spiacente deluderti ma la tua scena non è più molto probabile:
    1- è altamente improbabile che un adulto di Spinosaurus difendesse dei giovani, almeno in base a quello che sappiamo sui theropodi mesozoici.
    2- Nuovi dati indicano che Kemkemia non era simile a Elaphrosaurus... ma per ora non posso dire altro.

    RispondiElimina
  16. Capisco....ma non ti preoccupare , non mi hai deluso , anzi ora potrò migliorare il disegno per renderlo più corretto . In quanto a Kemkemia vorrà dire che lo lascerò in sospeso nell'attesa dei nuovi dati che sono molto curioso di leggere. Infine ti voglio fare i complimenti per il tuo blog , è bello e ricco di notizie interessanti e curiose , adatto per far aprire le menti di noi semplici appassionati ( e anche ai maniaci dei dinosauri stereotipati , che non fa mai male ). Continua così ;)

    Citipati osm.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -