22 aprile 2011

Qiliania

Li et al. (2011) descrivono un nuovo enantiornite dal Cretacico Inferiore cinese, Qiliania graffini, sulla base di due esemplari frammentari dalla Provincia di Gansu. I resti noti comprendono un cinto pelvico quasi completo e gli arti posteriori. La particolarità dei resti è che si tratta di un raro caso di preservazione tridimensionale delle ossa. In generale, i fossili di uccelli mesozoici, ed in particolare quelli dal Cretacico Inferiore cinese, sono conservati come impronte bidimensionali. I resti ossei di Qiliania sono invece tridimensionali. Ciò ha permesso un maggiore dettaglio della sua anatomia. Tra le peculiarità di questo enantiornite è la sviluppo pronunciato della cresta cnemiale: generalmente, gli enantiorniti hanno una cresta ridotta (se non assente).
Immesso in Megamatrice, Qiliania ha una posizione differente rispetto a quanto risulta nell'analisi di Li et al. (2011), probabilmente per un campionamento di taxa e caratteri molto differente (questa banale constatazione non è così ovvia nemmeno per alcuni revisori di importanti riviste...): nella mia analisi, Qiliania risulta un Gobipterygidae, mentre nell'analisi di Li et al. (2011) risulta in un clade basale "iberomesornithide". Le marcate differenze nelle due analisi sono dovute, probabilmente, anche al fatto che si conosce solo la punta dell'iceberg filogenetico degli enantiorniti, un clade di grande successo che probabilmente generò molte migliaia di specie nell'intero Cretacico: pertanto, è possibile che questo clade presenti un alto livello di omoplasia.
La porzione enantiornite di Theropoda secondo Megamatrice

Bibliografia:
Ji, Shu-An; Jessie Atterholt, Jingmai K. O'Connor, Matthew C. Lamanna, Jerald D. Harrs, Da-Qing Li, Hai-Lu You and Peter Dodson (2011). A new, three-dimensionally preserved enantiornithine bird (Aves: Ornithothoraces) from Gansu Province, north-western China. Zoological Journal of the Linnean Society 162 (1): 201–219.

2 commenti:

  1. Have you separated Cathayornis from Sinornis in your Megamatrix, after O'Connor and Dyke (2010)?

    RispondiElimina
  2. Hi Mickey,

    The Sinornis OTU is based only on the Sinornis santensis holotype.
    I'm currently re-coding the various Cathayornis OTUs/species: they'll be included in the future versions of the analysis.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -