09 luglio 2010

Nuntio vobis CAUdium magnum:

HABEMUS METRIORHYNCHIDAM!
Ebbene, sì. Oggi ho ricevuto la comunicazione dalla rivista scientifica alla quale io e Federico Fanti abbiamo proposto la descrizione del "Coccodrillo di Portomaggiore", che l'articolo è stato ritenuto meritevole di essere pubblicato!
Ovviamente, non è ancora il momento per rivelare al mondo i contenuti della nostra ricerca: dedicherò una serie dettagliata di post sull'evento quando la pubblicazione avverrà ufficialmente. Intanto, io stasera brinderò con una bella birra dello stesso colore della lastra nella quale è incastonato il mio coccodrillo preferito.
Restate sintonizzati su Theropoda!

9 commenti:

  1. Udite udite,
    hip hip hurrah!
    Mille di queste pubblicazioni!
    Congratulazioni!

    Vorrei chiederti anche dell'altra pubblicazione su cui stavi lavorando e che hai spoilerato a marzo, ma ho il sospetto che riciteresti Holtz...
    In bocca al lupo (o al _Majungasaurus crenatissimus_)!

    (comunque brindare con la birra...va bhè, gustibus disputandum non est)

    Erodoto

    RispondiElimina
  2. Complimentissimi a te e a Federico Fanti !!!

    Ovviamente, tutti i giorni mi sintonizzo su Theropoda.

    Loana

    RispondiElimina
  3. Congrats! (And beer is fine to toast with!)

    RispondiElimina
  4. In alto i cuori!

    Complimenti...attendo la lettura dell'articolo con trepidazione.

    Leo

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti,
    per ora mi spiace ma dovrete attendere: è improbabile che la pubblicazione avvenga prima dell'autunno.

    RispondiElimina
  6. Bravo, son sicuro sarà un ottimo lavoro (anche se non ho ti ho mai visto applicarti seriamente sui crurotarsi)
    Complimenti anche a Federico Fanti, e speriamo in altri nuovi eccellenti articoli da parte tua e sua!

    E chiamiamolo "coccodrillo di portomaggiore"... :)

    RispondiElimina
  7. Grande Andrea! Son felice ;-)

    Andrea/GGD!

    RispondiElimina
  8. CITAZIONE
    "anche se non ho ti ho mai visto applicarti SERIAMENTE sui crurotarsi"

    Onde evitar equivoci, con seriamente intendo studi pubblicati e peer-reviewerati (dato che come avevi detto, sarebbe corretto citarti solo per quelle opere) e quindi controllati dai colleghi, (e per quanto ne so io per ora hai pubblicato le descrizioni di Enantiophoenix, Kemkemia e 3 studi su teropodi malgasci del giurassico medio, sorry se ho mancato qualcosa), e non "seriamente" nel senso che non ti applichi seriamente quì sul blog coi tuoi bei post taggati "Crurotarsi" :)
    http://theropoda.blogspot.com/2010/04/theropoda-dal-blog-alla-citazione.html

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -