26 aprile 2015

Capacità aeree nei giovani Deinonychus? [aggiornamento metodologico]


Parsons e Parsons (2015) descrivono i resti di un theropode di piccola taglia dalla Formazione Cloverly del Montana (USA). L'esemplare mostra sinapomorfie di Dromaeosauridae ed è riferito a Deinonychus. L'analisi istologica delle ossa indica un'età alla morte tra 1 e 2 anni, ed uno stadio immaturo-subadulto per l'esemplare. Ciò concorda con l'attribuzione a Deinonychus, i cui esemplari adulti hanno un'età di circa 10-13 anni. L'esemplare completo è stimato in circa 130 cm di lunghezza ed una massa di 7-9 kg. Alcune differenza con gli esemplari noti di Deinonychus sono interpretate come caratteri giovanili: confrontato con agli adulti, il cranio è relativamente più grande rispetto alle vertebre, ma ha proporzioni più gracili. Il coracoide è relativamente più grande che nell'adulto, e la mano mostra falangi relativamente più lunghe e gracili. Il tubercolo flessorio del secondo ungueale del piede è meno prominente. Sebbene non si possa escludere che queste differenze siano in parte dovute esclusivamente a differenze individuali, è interessante che siano comparabili a quelle che si osservano nell'olotipo di Bambiraptor, un altro Dromaeosauridae basato su un esemplare immaturo, che quindi convalidano l'interpretazione “ontogenetica” di queste differenze rispetto a Deinonychus più maturi.
Parsons e Parsons (2015) suggeriscono che la presenza di arti anteriori relativamente più allungati rispetto alla condizione adulta, in animali (piumati) con una massa attorno ai 10 kg (quindi sotto la massa dei maggiori volatori viventi) potrebbe indicare una qualche capacità aerodinamica nei giovani Deinonychus. Dato che il volo battuto è esclusivamente una caratteristica dei Pygostylia derivati dotati di ampio sterno ossificato, coracoide espanso prossimodistalmente ed omero più robusto del femore, si può tranquillamente escludere una forma di volo battuto in questi dromaeosauridi. Nondimeno, una qualche capacità planatoria, analoga a quanto discusso per alcuni Microraptoria, potrebbe essere postulata anche nei giovani Deinonychus? Purtroppo, questo esemplare è troppo frammentario per dilungarsi in questa ipotesi. Pur non escludendo qualche forma di funzionalità aerodinamica distribuita nei paraviani basali, per testare questa ipotesi occorre avere esemplari ben più completi (e dotati di traccia del piumaggio per determinare la superficie alare).

[aggiornamento metodologico:
Commento di metodologia filogenetica all'articolo di Parsons e Parsons (2015).
La loro figura 1 mostra la porzione dromaeosauridae della filogenesi di Turner et al. (2012) modificata inserendo anche l'esemplare da loro descritto. 

La topologia è problematica per due motivi (in parte collegati):
  • tra i taxa analizzati ci sono diverse “versioni” di Unenlagia e Neuquenraptor. L'analisi di Turner et al. (2012) ha testato alternative ipotesi sullo status di Unenlagia e Neuquenraptor (analizzati alternantivamente come taxa distinti o come un unico taxon), e di conseguenza nella matrice include differenti versioni dei due taxa (come stringa distinta con le varie specie di Unenlagia e Neuquenraptor incluse separatamente, con Unenlagia comprendente le sue due specie unite in un'unica stringa ma distinta da Neuquenraptor, ed infine con Unenlagia e Neuquenraptor a formare un unico taxon-stringa). Ovviamente, non ha senso includere tutte queste differenti versioni dei due taxa: o si include la stringa singola che li include tutti, oppure si includono le varie stringe dei taxa distinti e si omette la stringa “Unenlagia + Neuquenraptor”. Purtroppo, dalla fig. 1 di Parsons e Parsons (2015) si vede che gli autori hanno tenuto tutti le stringhe, di fatto includendo delle ripetizioni dei due taxa.
  • Nonostante Neuquenraptor sia incluso “due volte” (una come taxon a sé ed una come sinonimo fuso a Unenlagia), le due “versioni” si collocano in parti distinte di Dromaeosauridae: ciò è alquanto anomalo, dato che due taxa aventi una totale sovrapposizione di codifiche (“Neuquenraptor” è niente altro che un sottoinsieme di informazioni del taxon “Unenlagia + Neuquenraptor”) dovrebbero collocarsi nel medesimo nodo (e creare al più politomia).
Alla luce di questi due bizzarri risultati (come traspaiono dalla fig. 1) ho il sospetto che l'analisi svolta da Parsons e Parsons (2015) sia molto poco plausibile sia sul piano metodologico che interpretativo. Notare inoltre che Balaur e Tsaagan risultino dei dromaeosaurini invece che dei velociraptorini (questo ultimo è il risultato “classico” che si ottiene con la matrice di Turner et al. (2012) per quei due taxa), cosa che fa sospettare che l'analisi svolta dagli autori non abbia esplorato a sufficienza lo spazio delle topologie parsimoniose, ottenendo un albero subottimale.

Ho quindi replicato l'analisi, inserendo l'esemplare descritto da Parsons e Parsons (2015) nella matrice di Turner et al. (2015), usando solamente “Unenlagia + Neuquenraptor” ed escludendo le altre versioni dei due unenlagiini patagonici.
Il risultato è il sequente:

Il nodo velociraptorino basale comprendente il nuovo esemplare e Bambiraptor è confermato, e suggerisce che i due siano attratti raciprocamente dalla loro morfologia immatura.


Bibliografia:
Parsons WL, Parsons KM (2015). Morphological Variations within the Ontogeny of Deinonychus antirrhopus (Theropoda, Dromaeosauridae). PLoSONE 10(4):e0121476.

5 commenti:

  1. Affascinante. Mi vengono in mente i piccoli fagiani che sbattono le ali ancora non ben sviluppate per attutire cadute da punti di lancio relativamente bassi (rami, sassi ecc ecc...), anche se ovviamente tenendo conto delle notevoli differenze anatomiche le dinamiche sarebbero in ogni caso ben diverse. D'altronde se non erro vi è in ballo l'ipotesi che i giovani Deinonychus potessero avere abitudini almeno parzialmente arboree, un pur "goffo" planare li avrebbe potuti aiutare in un caso simile.

    RispondiElimina
  2. Quindi la domanda che ti posero qualche tempo fa, cioè se questo tipo di dinosauri potesse anatomicamente compiere gli stessi movimenti che compiono le galline quando ad esempio saltano il recinto e battono le ali per aria, potrebbe avere una nuova risposta?

    Alessandro (MI)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro le domande ipotetiche con il condizionale su domande. Sì, la domanda potrebbe avere una nuova risposta. Perché... qualsiasi domanda *potrebbe* avere una nuova risposta...

      Elimina
  3. Ti andrebbe di chiarirmi questa frase:
    dato che due taxa aventi una totale sovrapposizione di codifiche (“Neuquenraptor” è niente altro che un sottoinsieme di informazioni del taxon “Unenlagia + Neuquenraptor”) dovrebbero collocarsi nel medesimo nodo (e creare al più politomia).
    Il taxon più inclusivo potrebbe avere informazioni che il taxon meno inclusivo non ha. Queste informazioni in più o in meno potrebbero spostare il risultato dell'analisi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, potrebbero spostare il risultato, ma in ogni caso, il taxon con meno codifiche sarebbe sempre "trascinato" dietro l'altro ed andrebbe a collocarsi con lui comunque. Se uno dei due (diciamo, la specie B nella coppia A e B) è solo "una parte" dell'altro A, non è possibile che sia collocato dall'analisi assieme ad una terza specie C, perché comunque quella relazione (B + C) sarebbe basata su caratteri che anche la specie A possiede. Non può risultare che A e B si collochino su nodi distinti tra loro.

      Elimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -