17 gennaio 2013

Caro bimbominkia

Caro bimbominkia che attingi regolarmente da questo blog (e anche da altri) per rimpinguare il tuo dino-blogghino,

non so cosa sia più fastidioso,
se il massiccio copia-e-incolla di parole ed espressioni da questo blog, parole ed espressioni che dimostri di non comprendere, dato che li menzioni in modo errato, ma che abusi per darti un vezzo di "competenza";
se il fatto che non citi minimamente alcuno dei blog da cui "attingi", atteggiandoti quindi a "creatore" originale di pensieri, parole e opere che invece non sono tue per niente;
se il fatto che quelli come te siano ormai la maggioranza dei siti e blog online, ognuno più spudoratamente copione dell'altro, tutti promiscui perpetuatori di errori e strafalcioni venerei;
se il fatto che i tuoi tre lettori non siano in grado di riconoscere che tutto quello che ti atteggi a pubblicare non è farina del tuo succo cerebrospinale, se non nella componente degli errori e delle inesattezze, e quindi, il fatto che essi siano ingannati nella loro buonafede.

Probabilmente, la cosa più fastidiosa

è che probabilmente nemmeno ti rendi conto di tutte queste cose.

La seconda cosa più fastidiosa è che nemmeno ti sei preso la briga di controllare che l'olotipo di Spinosaurus era custodito a Monaco di Baviera, e non poté quindi essere distrutto sotto i bombardamenti di Berlino.
Mi raccomando, ora corri a correggere il tuo strafalcione germanico, così avrò la conferma che sei passato - anche oggi - di qua per rubare ciò che non è tuo.

6 commenti:

  1. Quanti ne ho visti , insopportabili .
    Marco

    RispondiElimina
  2. Se fossi donna ti chiederei di sposarmi...

    Giuseppe

    RispondiElimina
  3. L'errore riguardo la distruzione dell'olotipo proviene dalla pagina italiana di Wikipedia. La pagina inglese invece è corretta.
    Saluti

    Jacopo

    RispondiElimina
  4. Come ho scritto e detto più volte, Wikipedia Italia non è una buona fonte di informazioni paleontologiche. Un vero blogger scientifico deve leggere le fonti originarie, non copiare da Wikipedia o da altri blog. Copiare errori li perpetua, e disinforma il lettori: allora è meglio NON scrivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole giustissime, Andrea.
      Sui tanti rischi che presenta l’affidamento documentario unilaterale ad una fonte on line (pur con i suoi pregi) quale Wikipedia, «non per insegnare diffidenza nei confronti dei nuovi media, ma per offrire […] una maggiore consapevolezza», varrebbe la pena di rimandare all’attento saggio di Miguel Gotor Gotor, Miguel. 2010. L’isola di Wikipedia. Una fonte elettronica, in Luzzatto, Sergio (a cura di), Prima lezione di metodo storico, Laterza, Roma-Bari, pp. 184-202.

      Elimina
  5. https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=081ZTqsW5vE
    ecco quello che si merita

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -