14 ottobre 2012

Ultraraptor

Sì: disponibile via internet. No: non vale come pubblicazione scientifica
La rete mondiale di Internet è stata una delle più grandi rivoluzioni nell'evoluzione della comunicazione umana. Oggi, in tempo reale, è possibile comunicare, scambiare informazione ed accedere a documenti da tutto il mondo, ed in modo spesso molto rapido ed informale. La rete ha permesso quindi una positiva accelerazione della comunicazione scientifica, ed ha permesso anche a persone che non rientravano nei canali tradizionali della diffusione del sapere di accedere a questo tesoro comune. Tuttavia, la rete ha anche abbattuto un filtro molto importante e basilare per la scienza: la selezione delle informazioni in base al loro effettivo merito. Anzi, proprio perché la rete ha reso non-necessario il tradizionale rapporto diretto tra interlocutori (che persisteva anche nelle lettere cartacee, in cui comunque era fondamentale identificarsi e rendersi meritevoli di ascolto), oggi chiunque, in qualunque contesto, può manifestarsi e proporre la propria opinione, persino in ambiti dove tale opinione sarebbe naturalmente rifiutata. Non voglio apparire più snob e intollerante di quanto io giustamente sia, ma è bene ricordare che nelle scienze non esiste la democrazia: ciò che conta è la testabilità delle opinioni, non la loro popolarità o gradevolezza. Pertanto, non è sufficiente avere un'idea per dichiararla meritevole di ascolto, ma occorre anche fornire evidenze ripetibili a supporto della propria idea.
Questo è il motivo per cui sono così accanito, quasi feroce, verso le opinioni naive che circolano in rete a proposito di dinosauri. Sia chiaro, anche io ogni tanto propongo ipotesi bizzarre, ma perlomeno tento di fornire evidenze in sostegno delle mie ipotesi. 
Tuttavia, devo soccombere di fronte all'esercito dei "paleontologi fai da te" che occupa la rete, propugnatori di idee più o meno bislacche, ridicole, ingenue, stupide o semplicemente insensate. Colui che probabilmente eleggerò a olotipo di questa categoria, se non altro perché risale ai tempi in cui Internet non era ancora massicciamente pervasiva nelle nostre vite, è questo commentatore sulla Dinosaur Mailing List del 1999, del quale sono venuto a conoscenza solo oggi.
La sua ipotesi di considerare Tyrannosaurus come un dromaeosauride derivato ("raptor", secondo la sua terminologia), di vedere Utahraptor come una forma intermedia tra dromaeosauridi "classici" e Tyrannosaurus, oltre all'idea che il sauropode "Ultrasaurus" (aldilà della validità o meno del nome) sia persistito fino alla fine del Cretacico (e che tutte le evidenze in forma di ossa sarebbero assenti perché mangiate da Tyrannosaurus!), combinata alla finezza del "gene assassino" per le "killing machine" quale sinapomorfia di Tyrannosaurus e "raptors" ("sinapomorfia" è la traduzione personale delle sue parole, ma forse sarebbe meglio considerare la carnivoria come una mera simplesiomorfia di Eumetazoa...), all'appassionata apologia di R. Bakker, ed il finale con un infondabile revisionismo tassonomico in cui Tyrannosaurus verrebbe ribattezzato "Ultraraptor", rendono il brano linkato una perla del più puro pensiero dinomaniacale degli anni '90. 
Oggi, purtroppo, i discendenti degenerati di questo pioniere della insostenibilità teoretica hanno ampiamente invaso la rete, spesso a svantaggio della diffusione e dell'immagine della paleontologia seria.

Per la cronaca, ho testato l'ipotesi di "Ultraraptor" utilizzando l'analisi di Senter et al. (2012): imponendo un clade in cui Tyrannosaurus abbia come successivi sister-taxa Utahraptor ed i restanti Dromaeosauridae inclusi nell'analisi, si ottiene una topologia che è 150 steps più lunga di quella priva di tale imposizione (e in cui Tyrannosaurus è un noioso coelurosauro non-maniraptoro imparentato con Gorgosaurus e altri banali coelurosauri non-raptors), ovvero, tale ipotesi è molto altamente improbabile, cosa che nessuno con un minimo di cultura theropodologica avrebbe dubitato.

2 commenti:

  1. Spero vivamente che l'utente di cui sopra fosse solo in vena di scherzi, perché altrimenti ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli.

    Simone

    RispondiElimina
  2. coelophyis20/10/12 11:06

    utah raptor is bird not a dinosaurs like all maniraptorian they are link to archaeoteryx the none fix uper jaw like all birds. t.rex. is a coelophyis type of dinosaurs a prehistoric aligator. no theropod can climb trees they never deloped smood skin like there cousin the lizard all them had bad arm movement protoavis was before four finger none fuse furcula coelophyis .out of band i move as i like

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -