03 settembre 2012

"Dinosauri" - Il libro ideale: la parola ai lettori!

In varie occasioni ho ricevuto domande dai lettori su quale (o quali) libro sui dinosauri consiglierei loro di leggere, specialmente in lingua italiana (se esiste). In altre occasioni ho invece espresso le mie opinioni su come io vorrei che un libro sui dinosauri fosse strutturato e improntato.
In questo post invece voglio sentire le vostre opinioni.
Cari lettori, se poteste scegliere, che libro vorreste?
Come dovrebbe essere? Cosa dovrebbe darvi?
In breve, fatemi sapere la vostra idea su un libro che, se esistesse, voi acquistereste volentieri.

22 commenti:

  1. Leggerei volentieri un manuale "paleoartistico", ricco di tavole e di nozioni scientifiche sui dinosauri, teorie sui loro schemi comportamentali, informazioni su cosa li circondava e su come potevano comparire.
    Praticamente vorrei il tuo blog fatto a cartaceo, con qualche immagine in più.

    RispondiElimina
  2. Sicuramente un libro che parlasse delle caratteristiche dei vari gruppi (con particolare enfasi su quelli che sono i tratti peculiari che ci permettono le varie discriminazioni) e che spiegasse il significato della morfologia delle varie ossa.
    Vorrei che presentasse anche esempi e paragoni (ad esempio il confronto tra i metatarsi di un tirannosauro contro quelli di un allosauro).

    In alternativa, vorrei anche qualcosa sulla storia evolutiva dei dinosauri, parlandone quindi come un continuum e non solo come un mucchio di taxa sconnessi tra loro.

    Simone

    RispondiElimina
  3. Sarebbe interessante un libro con tavole di fossili dei principali gruppi tassonomici, ordinati per età e affinità (o magari per formazione geologica, ma la cosa forse sarebbe estremamente vasta). Ci dovrebbe essere una parte introduttiva sulla paleontologia e una un po' più approfondita sulla paleontologia dei vertebrati. Ovviamente ci dovrebbe essere una parte dedicata alla sistematica dei dinosauri. Poi sarebbe bello vedere ricostruzioni artistiche aggiornate e scientificamente attendibili. Il tutto magari in bianco e nero...

    HK

    RispondiElimina
  4. Un libro che acquistetrei volentieri sarebbe un libro con varie spiegazioni sull' evoluzione dei vari cladi e anche dettagliate descrizioni delle caratteristiche anatomiche dei dinosauri .Sarebbe bella anche una parte dedicata a come sono state reperite le informazioni del libro ad esempio grazie a nuove scoperte sul campo .Il tutto ovviamente accompagnato da grandi tavole illustrate valide dal punto di vista anatomico.

    Giulio.

    RispondiElimina
  5. Mi farebbe davvero piacere leggere un libro contente infoazioni sulle differenze riscontrate nelle specie di vari generi, poiche diversi resoconti dei paleontologi riguardo questo tema risultano confusi ( cito su tutti la leggendaria diatriba sugli stegosauri della morrison formation)

    marco

    RispondiElimina
  6. Perhaps unsurprisingly, my ideal dinosaur book would be the "finished" version of my Theropod Database. So every taxon and specimen listed with measurements and stratigraphic information. Diagnoses, including previously proposed ones. Proposed relationships with what character evidence supports them. Full references. But unlike Glut's encyclopedias, the book wouldn't just be a summary of published information, but rather an intelligent analysis of that information. It would also be full of unique photos of real material, not published illustrations I could get from the literature, and not photos of mounts that are too small and partly cast to be scientifically useful. Finally, the end would be a giant cladistic analysis, with explicit lists for each character saying exactly which specimens of each taxon exhibit each morphology, with photos to illustrate it when codings are controversial. Ah... heaven.

    RispondiElimina
  7. michele tv4/9/12 00:25

    ciao andrea:

    secondo me, dopo quasi due anni che visito il tuo blog ho capito che non si può crare un libro sui dinosauri in se, ma piuttosto farne uno sul loro studio.

    un libro concentrato piu che altro sulle testimonianze di questi animali, un riassunto ben dettagliato sugli esiti delle loro ricerche piu attendibili relative la loro esistenza, morfologia, dimensioni, ecc. premettendo comunque la teoria, dove le supposizioni superano di gran lunga le certezze.

    illustrazioni non ne metterei molte anzi, piu che altro fotografie dei fossili (sopratutto quelle fatte negli scavi). magari illustrazioni schematiche dei fossili, per capirne meglio la loro posizione e forma ecc.


    RispondiElimina
  8. A mesozoic atlas, showing formations, layers and there respective faunas, not just dinosaurs.




    Paul W.

    RispondiElimina
  9. Their*




    Paul W

    RispondiElimina
  10. Timeo hominem unius libri, moltissimi sono i libri di argomento paleontologico, di palontologia del mesozoico, o dedicati ai dinosauri (ieri, oggi e domani, magari includendo sin dal principio i dinosauri aviani nella narrazione) che mi piacerebbe leggere. Nessuno sarà mai perfetto, "definitivo", migliore di tutte le alternative possibili. Molti, infatti, sono i possibili approcci interessanti.

    Ne porpongo uno mutuato, in parte, dalla microstoria.
    Innanzi tutto l'autore dovrebbe scegliere un giacimento particolare (poniamo Solnhofen e i calcari della sua formazione, oppure i giacimenti del medesimo orizzonte della Mongolia esterna, oppure Como Bluff, Jehol, il giacimento doppio di Osteno-Lyme Regis ecc. ecc.), che sia particolarmente significativo e in cui siano disponibili particolari informazioni, magari rare altrove (anche se non deve trattarsi per forza di un Konservat-Lagerstätten).
    Quindi può usare la storia di quel giacimento, degli scavi e della sua scoperta, la sua geologia e gli esemplari lì ritrovati come grimaldelli narrativi per riepilogare i grandi questionari e paradigmi della paleontologia come scienza.

    Mi interesserebbe particolarmente una descrizione delle varie interpretazioni date nel tempo al giacimento e agli esemplari, una collezione di paleoarte che cominci dalla prima raffigurazione (magari ottocentesca, questo lavoro potrebbe andare meglio su un giacimento "vecchio" piuttosto che su Jehol) di un dato esemplare (o ambiente) e prosegua fino all'attualità, usata non solo come mostra d'arte vintage, ma come riepilogo del mutare delle interpretazioni (noto che spesso Cau usa questo sistema nei suoi post). In modo, tra l'altro, di "relativizzare" le informazioni, facendo comprendere al lettore che la scienza si basa su ipotesi e ricostruzioni, è fatta da uomini e questi uomini sanno cambiare idea in base ai dati a loro disposizione.
    Non gradirei che si "prenda in giro" le vecchie ricostruzioni, ma che le si tratti con rispetto, evidenziando sia perché erano errate, sia perché erano considerate giuste.

    (continua)
    Valerio.

    RispondiElimina
  11. (segue)

    Mi piacerebbe, oltre a questo approccio da "storia della scienza", anche un discorso che comprenda la storia e lo sviluppo dei paradigmi, in cui quindi la classificazione dei cladi parta spiegando Linneo, incroci Darwin ed arrivi a Hennig e alla compiuterizzazione stile mega-matrice. Oppure una discussione che, partendo da un esemplare ripercorra i mutamenti di paradigma riguardo alla fisiologia dei dinosauri, alla loro copertura tegumentaria ecc. ecc.
    Insomma non amo molto i libri in cui si dice: i dinosauri sono fatti così e non cosà, ma che spieghi perchè un tempo si pensava fossero lucertoloni (e magari che Owen non la pensava proprio così), poi c'è stato un rinascimento, e un post-rinascimento.

    Infine mi piacerebbe che questo libro affronti argomenti poco divulgati, come la tafonomia, e che mostri gli esemplari per quello che sono davvero, per esempio con fotografie e disegni dello scheletro che evidenzini le ossa note e quelle ipotizzate, spiegando anche come si fa ad ipotizzare le parti mancanti di uno scheletro e le regole base dall'anatomia comparata da Cuvier ai giorni nostri. Ma in ogni caso gli esemplari e le interpretazioni degli esemplari dovrebbero essere al centro.

    Infine la scelta del giacimento (magari uno poco noto al grande pubblico, come quelli lusitani o rumeni, oppure quelli sud-americani e malagasci), dovrebbe permettere-obbligare una ricostruzione non dino-centrica ma dell'orizzonte in cui il giacimento è inserito, includendo quindi la paleobotanica (inclusa la micropalontologia e i pollini fossili), la paleontolgia degli invertebrati, una discussione su clima ed atmosfera, una comparazione con altri giacimenti di altre epoche (che parli dunque del mutamento), dentro e fuori dal mesozoico, una discussione sulla geologia come scienza, e quindi i suoi metodi di indagine a partire da quelli applicati su quel caso specifico.

    Ma questo è solo un esempio.
    Anche le altre proposte non sono male, anzi un libro solo di cladistica dei dinosauri mi interesserebbe, così come ho molto amato libri come "Uova di giganti" in cui si racconta di una campagna di scavo (ma usando un po' questo metodo).
    Odio invece i libri in cui si elencano le specie una dopo l'altra, con il solito, stereotipato disegnino e la schedina. Mi risultavano brutti a 13 anni ma ora non ne posso proprio più.

    Se poi si vuole aggiungere qualcosa sulla cultura pop e i dinosauri, i dinomaniaci e JP, porte aperte.

    Valerio

    RispondiElimina
  12. Oltre alla paleontologia mi piace molto la storia, dunque il mio libro ideale sarebbe quello descritto da Valerio. Mi associo all'odio di Valerio per i libri a schede.
    La mia desiderata è di mostrare i dinosauri per quelle che sono, ossia, come hai scritto, "la teoria che meglio spiega i dati a nostra disposizione". Quindi, vorrei vedere foto o disegni dei fossili, descrizioni di come gli scienziati ottengono i dati e come formulano le teorie.
    Metterei pochissime immagini in computer grafica, giusto per mostrare la ricostruzione di un taxon modello dei cladi principali.
    Se posso andare oltre il libro, mi piacerebbe una rivista di paleontologia dei vertebrati divulgativa stile questo blog.

    RispondiElimina
  13. Un libro che acquisterei molto volentieri deve presentare un bel capitolo dedicato alla sistematica dei dinosauri , alle varie ipotesi e teorie formulate da i paleontologi , un capitolo dedicato all'anatomia comparata e alla ricerca dei fossili sul campo (con tanto di fotografie ) , più le attività nei laboratori . Per il resto , oltre a tutto quello già detto in precedenza dagli altri nei vari commenti , vorrei un bel capitolo dedicato esclusivamente alla paleoarte , con numerose tavole (anatomicamente corrette) e varie didascalie a spiegare il tutto . Inoltre , come già detto in parte da Valerio , vorrei anche una comparazione tra vecchia paeloarte e nuova paleoarte , spiegando il perchè di questi cambiamenti e perchè un tempo la paleoarte vecchia era considerata giusta , citando tutti gli studi più importanti che hanno dato una svolta al mondo della paleontologia . Inoltre mi piacerebbe vedere un servizio fotografico completo sulle più famose formazioni e sul territorio che circonda Chickxulub , spiegando anche le varie teorie e ipotesi sulla scomparsa dei dinosauri non-aviani . Però ovviamente sono consapevole che un libro del genere non lo vedrò mai , o forse....
    Marco

    RispondiElimina
  14. Simone Conti4/9/12 15:36

    Sono tanti anni che sto cercando un libro sui dinosauri, e questo post mi pare quello più adatto a riportare in luce un libro che ho ricevuto a 3 anni, quindici anni fa. Il suo titolo è esattamente lo stesso del post, ma gli autori, a differenza di tantissimi libri omonimi sono i coniugi Czerkas. Non so quante persone lo conoscano, (comunque lo consiglio a chiunque: non tanto per ricavare nozioni utili o attendibili, ma per vedere gli errori-orrori che fino a vent'anni fa si ritenevano essere l'avanguardia della paleontologia e le immagini, veramente belle, a mio parere) a me è piaciuto sempre più con il passare del tempo perchè (e qui inizia la descrizione del libro che vorrei) parte dalla nascita dei rettili analizzando e descrivendo (cosa che apprezzo moltissimo del libro) le immagini e alcuni rettili particolari (significativi per capire l'evoluzione sia dei dinosauri sia degli altri rettili) con parole del gergo paleontologico più dettagliato affiancate a parole semplici che anche un bambino può comprendere. Inoltre sono presenti molte tavole dei paleoartisti più in voga al tempo affiancate a ricostruzioni di scheletri integrali con sagoma ed a volte qualche elemeto (preso in considerazione nella descrizione) ingrandito e messo a paragone con elementi analoghi provenienti da altri generi che potrebbero essere interessanti per un confronto. In più nelle tavole sono rappresentate dettagliatamente le piante del tempo, e viene lasciato ampio spazio alla descrizione di piante e altri animali (anfibi e pesci) che vissero contemporaneamente ai rettili e ai dinosauri illustrati (cosa molto apprezzabile nel libro futuro). Una nota negativa per il libro (per chi volesse leggerlo) è che tratta abbastanza poco dei dinosauri in sè, circa metà libro, dedicando molto spazio al triassico, un pò mano al giurassico e liquidando il cretaceo praticamente solo con l'estinzione di massa, nonostante sia il periodo più lungo (se non erro).

    In sostanza il libro dovrebbe essere scritto con linguaggio tecnico affiancato da un linguaggio più colloquiale per non rendere troppo pesante la lettura a bambini e genitori (possibili acquirenti), una descrizione dell'evoluzione dei rettili che poi hanno portato ai dinosauri e degli animali e piante che sono convissuti con loro, una descrizione dell'evoluzione dei dinosauri (detto, qui Andrea mi banna, schiettamente: da Plateosaurus a Titanosaurus o da Eoraptor a T-rex, se mai vi è stata). Con abbondanza di foto, disegni sia dei fossili come sono stati trovati e le loro ricostruzioni come sarebbero dovuti essere in vita (magari con sagoma di sfondo) unite alle tavole dei paleortisti che più si attengono al probabile aspetto dei dinosauri.
    Assolutamente non una descrizione specie per specie (cosa assai più adatta ad una enciclopedia di dinosauri, che sarebbe bellissimo avere e che manca totalmente sul mercato) e non il solito libretto di cento pagine con descritti i soliti 4 dinosauri per venti pagine ciascuno e le dieci pagine con tutte le ipotesi dell'estinzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La forza del libro degli Czerkas, che ricevetti come regalo 18 anni fa, è quasi tutta nell'abbondanza di opere di tre grandi artisti come Hallett, Henderson e Sibbick.

      Elimina
    2. Simone Conti4/9/12 16:49

      Senza togliere nulla agli artisti, io lo apprezzo molto (come ho scritto sopra) nell'uso del linguaggio che unendo i due registri permette a chiunque di capire completamente l'argomento, e la stretta connessione tra immagini e parole, cose che non ho più trovato in nessun libro di dinosauri.

      Elimina
    3. Anch'io mi feci regalare a suo tempo il libro dei coniugi Czerkas: alcune teorie esposte non hanno più il favore dela maggior parte del consesso scientifico, ma fu una lettura molto avvincente; effettivamente gran parte del suo fascino è nella forza evocativa delle illustrazioni, alcune delle quali sono veri paesaggi in cui l'animale ritratto è solo un particolare nel contesto es. della vegetazione (anche Burian faceva delle magnifiche tavole con solo il "contesto" e senza riprodurre animali, te li dovevi immaginare tu)..

      Questo per dire che a me piacerebbe un libro (assolutamente non a schede!) che cercasse di restituire, nel testo e nelle immagini, anche la complessità dei paleoambienti, con tutta la loro biodivesrità (perlomeno quella nota finora).

      So che a settembre dovrebbe uscire (almeno nei paesi anglosassoni) un volume "Dinosaur Art" a cura di Steve White con illustrazioni (se ho letto bene) di Henderson, Sibbick, Martìn, Rey (recensione su http://archosaurmusings.wordpress.com/2012/08/22/dinosaur-art-book-review/)..
      Non tratterà solo di Dinosauri, ma se non costa molto ci farò un pensierino...

      Dario - Bologna

      Elimina
  15. Dario , il libro che citi dovrebbe essere già uscito e non costa assai , se lo desideri puoi fare l'acquisto qui : http://www.ibs.it/ame/book/9780857685841/dinosaur-art:-the.html . Piccolo typo : consesso.
    Marco

    RispondiElimina
  16. Ne approfitto del post per chiedere una cosa , qualcuno ha avuto modo di osservare e/o possiede questo libro ??? http://www.amazon.it/Complete-Dinosaur-Second-Edition-Life/dp/0253357012 Chi ce l'ha può darmi un parere in proposito ???
    grazie
    Marco

    RispondiElimina
  17. Un buon libro in italiano è anche il Benton "paleontologia dei vertebrati" Lucisano 2000.
    Un alto molto bello (in inglese, ma di facile lettura) è il Fastowky-Weishample "Dinosaurs: a concise natural history", oppure anche il "evolution and extinction of the dinosaurs", degli stessi autori.
    Colgo l'occasione per chiedere pareri su un libro che mi incuriosisce, qualora qualcuno l'avesse letto: si tratta del "Ecology and Behaviour of Mesozoic Reptiles" di Thompson.

    Simone

    RispondiElimina
  18. Comunque, e qui è il libraio che parla, è molto che non esce in italiano un libro-raccolta di paleillustrazione matura. Non è il libro di divlugazione scientifica serio e maturo che vorrei (esistono bellissimi libri di palontologia senza nemmeno un illustrazione, inoltre la mia idea funzionerebbe anche senza) ma se c'è qualche casa editrice in ascolto sappia che c'è questo buco e che avrebbe mercato.

    Valerio

    RispondiElimina
  19. A me piacerebbe un libro i cui capitoli sarebbero i gruppi principali (Teropodi, Sauropodomorfi, Ornitischi) e pi in diversi sottocapitoli (es. Tetanurae, Neosauropoda, Iguanodontia...), e infine in sezioni, le "famiglie/superfamiglie" per così dire. Le schede devono essere divise in quelle che parlano del gruppo, quelle che parlano magari della terra e quelle delle specie (ad es. per la sezione Coelurosauria potrebbero mettere le schede di Compsognathus, Ornitholestes e poigli altri gruppi, come Tyrannosauroidea, Ornithomimosauria). Le schede dei gruppi devono contenere un albero filogenetico, una descrizione generale e qualche esempio di cranio/scheletro. Le schede delle specie devono avere oltre alla descrizione generale delle descrizioni come dida (quindi si ricollegano a delle immagini) e un piccolo identikit dove vengono mostrare informazioni riguardo la classificazione dei cladi più "specifici", dimensioni stimate e informazioni dell'ambiente e l'era.
    il tutto arricchito con belle illustrazioni

    domenico

    Scusa per eventuali errori ortografici, ma non sono col pc ;)

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -