30 novembre 2011

Veterupristisaurus milneri, a Jurassic Carcharodontosaurid from Tanzania!

Ho parlato di alcuni theropodi frammentari ed enigmatici dal Giurassico Superiore della Formazione Tendaguru in passato. Da tempo speravo che le ricche collezioni di theropodi da Tendaguru fossero revisionate dopo 80 anni dalla prima descrizione, e così è stato.
Rauhut (2011) compie un'ampia rianalisi dei theropodi da Tendaguru, conferma che i taxa istituiti da Janensch e colleghi all'inizio del XX secolo, ad eccezione di Elaphrosaurus, sono nomina dubia.
Non tutti i theropodi della Formazione sono coevi, dato che essa comprende almeno 3 membri con theropodi, distribuiti tra l'Oxfordiano ed il Titoniano superiore. Buona parte degli esemplari è costituita da ossa isolate, quindi a parte Elaphrosaurus non è possibile avere un'idea dettagliata di questi theropodi, a parte una classificazione generale.
Rauhut (2011) identifica nel membro inferiore due grandi theropodi di incerta affinità, nel membro medio, oltre a Elaphrosaurus, un piccolo abelisauroide, un probabile ceratosauride di taglia medio-grande, un possibile neoceratosauro abelisauride, un piccolo tetanuro basale, un possibile megalosauroide ed un taxon di grande taglia basato su alcune vertebre caudali, le quali sono diagnostiche per la presenza di laminazioni accessorie dell'arco neurale uniche in Theropoda. La combinazione di caratteri e la condivisione di una presunta autapomorfia di Acrocanthosaurus indicano che questo theropode è un Carcharodontosauridae, il più antico al mondo, a cui Rauhut (2011) dà il nome di Veterupristisaurus milneri (il vecchio rettile-squalo di Angela Milner). (L'amico Brad McFeeters nota che l'etimologia corretta dovrebbe essere "milnerae"). Nel membro superiore sono identificati un piccolo abelisauroide, un grande tetanuro gracile, un possibile abelisauride e un possibile carcharodontosauride. Può essere che alcuni taxa siano presenti in più di un membro, ma data la frammentarietà non è possibile stabilirlo. 
In conclusione, la revisione dei theropodi di Tendaguru dimostra una fauna in buona parte ancora sconosciuta e non direttamente collegabile alle faune coeve del Laurasia. Ciò suggerisce che le storie dei due supercontinenti sono state distinte da ben prima del Giurassico Superiore.
Ringrazio Jarry Harris per avermi inviato una copia di Rauhut (2011).


Bibliografia:
Rauhut OWM 2011. Theropod Dinosaurs from the Upper Jurassic of Tendaguru (Tanzania). Special Papers in Palaeontology, 86, 195–239.

3 commenti:

  1. Tra l'altro, se non ricordo male, restano diverse casse di materiale non studiato delle spedizioni birtanniche in Tanziana degli anni '20, in uno scantinato del British Museum.

    Speriamo che qualcuno le apra, è proprio vero ci sono dozzine di scoperte importantissime che aspettano solo di essere fatte nei depositi e nella ridescrizione di vecchio materiale.

    Comunque è molto interessante questa diversità sostanizale dei generi di teropodi tra la Tanziania e le faune coeve della Morrison e del Portogallo; anche se non capisco bene perchè invece quelle di sauropodi e di ornitischi, pur con una certa differenza di generi, si somiglino decisamente di più.

    (Brachiosaurus=Giraffatitan; Stegosaurus=Kentrosaurus; ecc.)

    O è una somiglianza solo apparente? Oppure non sono aggiornato?

    Resta da dire che l'Africa è un continetne meravigliosamente ricco di ottimi giacimenti, ma anche sostanzialmente poco studiato, a parte i 4-5 giacimenti canonici (malagasci, sud-africani, marocchini), molti depositi non sono più studiati da quasi un secolo, non mi risulta un solo sito del Cretaceo superiore studiato seriamente eccetto quelli del Madagascar.

    20 milioni di anni di vuoto. In cui tra l'altro sono presumibilmente avvenute molte cose interessanti tra i mammiferi (e di conseguenza forse anche tra i curotarsi, che in Africa erano per certi versi competitori dei mammiferi), visto che un bel pezzo della radiazione mammaliana del paleocene è partita da quel continente.

    Eppure quando ci si prende la briga di cercare si trovano tesori, penso alle recenti ricerche in Angola, oppure al'importantissimo giacimento del Triassico medio-inferiore trovato nel sud della Tanzania, così differente dal vicino (geograficamente e cronologicamente) deposito di Karoo.

    Valerio

    RispondiElimina
  2. Era un bel po' che non andavo su Tet zoo, (vergogna a me), e non posso che segnalare il pezzo di Darren:
    http://blogs.scientificamerican.com/tetrapod-zoology/2011/11/28/gerhard-maiers-african-dinosaurs-unearthed/

    Una recensione di un libro, che non vedo l'ora di leggere, sulle campagne di scavo tedesche e britanniche "African Dinosaurs Unearthed: the Tendaguru Expeditions" di Gerhard Maier (Indiana University Press, il libro dovrebbe essere del 2001, se ho capito bene, e costicchiava all'epoca, ben 37,95 sterline).

    Sembra un bel libro di storia della scienza, delle esplorazioni e dei musei.

    Per il materiale non descritto si veda il commento 6.

    RispondiElimina
  3. Valerio, sottostimi la diversità di stegosauridi e sauropodi.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -