28 maggio 2010

LA SETTIMANA PIU' CERATOPSIDE DELLA STORIA - Terza Parte: _Sinoceratops_ (Xu et al., 2010), il primo CeratopsiDAE Asiatico.

Ricostruzione preliminare (l'autore mi rimarca che alcuni dettagli del parietale sono da definire) di Sinoceratops, opera di Lukas Panzarin
Chi mi conosce sa che io NON amo le ipotesi paleo-geografiche basate sui dinosauri. Esse sono, nella maggioranza dei casi, delle semplicistiche estrapolazioni di dati frammentari. I dinosauri sono troppo poco noti per poter costruire delle robuste ipotesi paleogeografiche sulla base della loro distribuzione documentata.
Comunque, finalmente, dopo un secolo, un grande dilemma della paleogeografia dei dinosauri è stato risolto, ovvero, è stato dimostrato non esistere!

Quando io e Simone Maganuco eravamo pischelli universitari, un decennio fa, discutevamo, forse in modo ingenuo, di vari "enigmi" della paleontologia dei dinosauri, cercando di trovare delle soluzioni. Uno di questi enigmi era dato dalla distribuzione dei CeratopsiDAE. A differenza dell'intero Ceratopsia, noto in Asia e Nordamerica (ricordo che Ajkaceratops non era noto, e che si dubitava molto, e giustamente, della validità dei ceratopsi gondwaniani Serendipaceratops e Notoceratops), il suo sottoclade Ceratopsidae, comprendente i grandi ceratopsi derivati, era noto esclusivamente nella zona occidentale del Nordamerica.
Questa distribuzione limitata contrastava con quella di altri gruppi, vissuti assieme ai Ceratopsidae, ad esempio Tyrannosauridae, Dromaeosauridae, Troodontidae, Ankylosauridae, Hadrosauridae, Pachycephalosauridae, Ornithomimidae, vissuti sia in Nordamerica che in Asia orientale.
La questione era: perché non esistevano ceratopsidi in Asia? Essi erano noti fino in Alaska: come mai non erano presenti oltre lo stretto di Bering? L'assenza in Asia era reale o solo apparente, dovuta alla sfortuna di non aver cercato negli strati giusti? Eppure, l'abbondanza degli altri taxa non pareva indicare una povertà di strati a dinosauri in Asia. Allora, se davvero era reale, quale motivo impedì ai ceratopsidi di espandersi in Asia come gli altri taxa? Io e Simone avevamo ipotizzato varie spiegazioni, ecologiche, climatiche, ecc... 
Oggi, questi enigmi sono stati risolti: l'assenza era solo apparente, i ceratopsidi esistevano anche in Asia.
Xu et al. (2010) descrivono Sinoceratops zuchengensis, il primo ceratopside asiatico. Sinoceratops è un centrosaurino basale di grandi dimensioni (il cranio è lungo circa 1,8 metri), con una combinazione di caratteri condivisi sia con i ceratopsini che con i ceratopsomorfi prossimi a Ceratopsidae.

Questa scoperta dimostra che è ancora molto prematuro utilizzare i dinosauri per sostenere o smentire modelli paleogeografici mesozoici: il record fossile dei dinosauri è ancora troppo frammentario nello spazio e casuale nel tempo, perché si possa usare come base per scenari a larga scala sulle connessioni geografiche.

Ringrazio Lukas Panzarin per avermi inviato Xu et al. (2010).
Bibliografia:
Xu X, Wang K B, Zhao X J, Li D-J., 2010 - First ceratopsid dinosaur from China and its biogeographical implications. Chinese Sci Bull, 2010, 55: 1631−1635, doi: 10.1007/s11434-009-3614-5.

6 commenti:

  1. 1) Why did the family continue to be called "Ceratopsidae" if its subfamilies were Centrosaurinae and Chasmosaurinae. Who where Ceratops?
    2) Why did people say "Ceratopsidae" if the correct would be "Ceratopidae" n(cp. Trematops/Trematopidae). Greek OPS, OPO- "eye, but also "aspect, form, appearance", that is different from OPSIS, OPSIDO- "appearance, vision". So, Ceratopsidia is correct, but Ceratopsidae seems to not be.

    RispondiElimina
  2. 1) Because that's the name. Ceratops is the old name of a fossil of a ceratopsid. ;-)
    2) The name was a memic mutation that survived and persisted. :-)

    As I stated several times, I don't care of these taxonomic/nominalistic questions.

    Ceratopsidae is the name that ALL paleontologists use for the "Centrosaurinae + Chasmosaurinae" node. So, I use that.

    For me, discussing on fossils is very more important than discussing on their names.

    RispondiElimina
  3. if you don't mind sending me a PDF of this paper, I would be most grateful. I tried several chinese proxies and none of them gave me free access to the paper on the chinese science bulletin site...

    nick

    RispondiElimina
  4. i got a copy of this paper, heh. interesting to see how some of these character states seem to linger in basal centrosaurines...

    RispondiElimina
  5. Interessante che il primo Ceratopsidae asiatico vega dallo Shandong, il Lu di Confucio, non da zone più prossime all'America come i depositi cretacei (per ora ancora poco investigati) dell'estremo nord est russo (Chukotka e dintorni), oppure dalla siberia orientale o dalla Mongolia.

    Insomma ben lontano dall'Alaska, indice di una diffusione continentale, ampia e presumibilmene compredente più provincie.

    Cool

    Erodoto

    RispondiElimina
  6. Dimostra che c'è ancora molto da scavare. Anche i nuovi ceratopsidi americani, come Diabloceratops, Coahuliaceratops e gli altri, vengono dalla parte meridionale del Nordamerica, finora poco studiato: si pensava di conoscere bene le faune nordamericane del Cratacico Superiore, che nel nord (Montana-Canada-Alaska) sono scavate da un secolo... eppure ora stanno saltando fuori intere faune nel sud (Utah-Arizona-Messico) del tutto inattese.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -