23 febbraio 2010

La posizione filogenetica di Godzilla (...)

 
Oggi è una data particolare per me, quindi mi concederò una divagazione...
Sicuramente, alcuni dei lettori più intransigenti esclameranno: "Ah! Ecco qua, Cau, l'ipocrita! Fa tanto il saccente e pedante sulla "scientificità dei dinosauri" e lo snob arrogante verso i forum che parlano di dinosauri cinematografici... ma poi scrive un post su Godzilla!". "Non ha detto più volte che nel suo blog si parla solamente di pubblicazioni di paleontologi, di dinosauri veri?". 
Esattamente, e non mi sto smentendo. Oggi parlerò di alcuni articoli scientifici che riguardano Godzilla, e non di film.
Kenneth Carpenter è un paleontologo dei vertebrati Americano-Giapponese, molto noto per i suoi studi sugli ankilosauri. Su sua stessa ammissione, la sua passione paleontologica nacque da bambino, alla vista del primo film su Godzilla. Nonostante la sua ricca carriera paleontologica sia sempre stata molto rigorosa e tecnica, nel 1998 pubblicò uno studio chiaramente parodistico in un libro dedicato a Godzilla. Nell'articolo, Carpenter argomentò la natura dinosauriana di Godzilla, mostrando che esso è "chiaramente" un Neoceratosauria (iper)gigante, come evidente dalla combinazione di caratteri non-tetanuri (come la mano tetradattila) e sinapomorfie ceratosauridi (come il premascellare alto e corto e la presenza di osteodermi dorsali). Ovviamente, in assenza di uno scheletro pubblicato, buona parte delle sinapomorfie ceratosauriane di Godzilla sono dedotte come interpretazioni dall'animale "in vivo".
Inutile sottolineare che l'articolo di Carpenter (1998) era scherzoso e non va letto in alcun modo come un testo scientifico. Tuttavia, l'amore per Godzilla deve essere molto forte in Carpenter, dato che l'anno prima aveva pubblicato la descrizione formale (vera) di un nuovo theropode dal Triassico Superiore del Nordamerica, battezzato Gojirasaurus ("Gojira" è il nome originale giapponese di Godzilla).
Gojirasaurus è un theropode di taglia media (lungo circa 5 metri) per standard Giurassico-Cretacici, ma una forma molto grande per il Triassico: effettivamente, esso è il più grande theropode del Triassico Superiore.
Che theropode è Gojirasaurus? I resti sono frammentari, ma sufficianti per dimostrare, sulla base della morfologia di pube e tibia, che esso è un Coelophysoide. Tuttavia, come hanno mostrato Nesbitt et al. (2007) i resti di Gojirasaurus sono probabilmente chimerici: oltre al pube ed alla tibia coelophisoidi, gli altri resti sono di archosauri non identificabili. In particolare, le vertebre potrebbero appartenere a dei crurotarsi come Effigia.
Attualmente, i soli resti chiaramente coelophysoidi di Gojirasaurus non hanno caratteri diagnostici che permettando di distinguerli da altri theropodi della stessa Formazione, quindi, è probabile che il nome Gojirasaurus, per quanto suggestivo, non definisca un genere valido scientificamente, ma solamente un Coelophysoidea indeterminato di grande dimensione.

Bibliografia:
Carpenter. 1997. A giant coelophysoid (Ceratosauria) theropod from the Upper Triassic of New Mexico, USA. Neues Jahrbuch für Geologie und Paläontologie, Abhandlungen 205(2):189-208
Carpenter, 1998. A dinosaur paleontologist's view of Godzilla. In Lees, J. D. & Cerasini, M. (eds) The Official Godzilla Compendium. Random House (New York), pp. 102-106.
Nesbitt, Irmis and Parker, 2007. A critical re-evaluation of the Late Triassic dinosaur taxa of North America." Journal of Systematic Palaeontology, 5(2): 209–243.

6 commenti:

  1. I read Carpenter, 1998 a long time ago, and I really enjoyed it! As I've enjoyed your post! :)

    RispondiElimina
  2. Was Godzilla a dinosaur... or a mutant island lizard?

    RispondiElimina
  3. Nella tradizione giapponese Godzilla è un dinosauro mutato... nella miserevole versione statunitense, è la mutazione di una lucertola.

    Go! Go! Gojira!!!!

    Andrea/GGD!

    RispondiElimina
  4. ;-) Avevo già incontrato la predilezione gojiresca di Carpenter e ne avevo riassunto i tratti in uno (storico, ormai) post su "Geomythologica": http://geomythology.blogspot.com/2008/07/modern-dragons-archetype-2-dinosaurs-as.html

    Leo

    RispondiElimina
  5. Mi aggiungo sul dibattito Lopes/Andrea sul gozzilla cinematografico. Chiedo venia a Cau se non usiamo questo spazio per parlare di un possibile coelophisoide gigante.

    Mi è capitato l'anno scorso di vedere al cineforum il gozzilla originale giapponese degli anni '50, la versione nipponica è un po' diversa (e più lunga) di quella internazionale.

    Il gozzilla originale era un dinosauro anfibio, ma fa molto tenerezza vedere il livello di conoscenze paleontologiche e geologiche dei primi anni '50, in particolar modo la datazione delle epoche è diversissima da quella odierna, mi sembra che stimassero il giurassico sui 30 milioni di anni fa (vado a memoria).
    Certamente Gozzilla non è un documentario (come JP) ma un film, comunque anche da opere come questa si nota quanto la storia naturale sia cambiata negli ultimi 50 anni.

    Comunque grandissimo Takashi Shimura nel ruolo del palontologo, è uno dei miei attori preferiti (sono un patito di Kurosawa).
    Il film non è solo un bel film di mostri, ma ha una sottotrama contemporaneamente pacifista, anti americana e contraria alla bomba atomica, non a caso uno dei personaggi femminili è di Nagasaki. Non ha effetti visivi degni di Avatar, ma merita di essere visto.

    Erodoto

    RispondiElimina
  6. E pensare che ho in casa della letteratura divulgativa che lo assegna agli Herrerasauridae, giustificandosi sul fatto che:
    1-Alcuni tratti (quelli che tra l'altro sarebbero chimerici)siano più primitivi
    2-Sia troppo grande per essere un "Coelophysidae"
    3-è più antico del resto dei Coelophysoidea e contemporaneo agli Herrerasauridae
    La prima ottemperanza cade all'istante sulla base di ciò che afferma quest'articolo, la seconda è semplicemente un controsenso: innanzitutto, gli Herrerasauridae più grandi sfiorano a malapena i quattro metri, mentre Halticosauridae e Dilophosauridae, che dovrebbero essere sister taxa di Coelophysidae, comprendono generi lunghi PIU' di 4-5 metri. Per quanto riguarda il periodo, gli Herrerasauridae erano ormai estinti 215 milioni di anni fa (senza considerare Protoavis, il quale non solo mi sa di chimerico anch'esso, ma potrebbe benissimo rivelarsi in futuro un Coelophysoidea, se non un Non-Teropode) mentre Pterospondylus, che è quasi sicuramente un Coelophysoidea, risale a circa un milione di anni prima di Gojirasaurus. Per favore correggetemi se ho detto un sacco di sciocchezze.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -