30 marzo 2009

Xenoraptor multispinus Xi et al., 2009

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia. William Shakespear, da “Amleto”

Poco meno di due settimane fa, la pubblicazione di Tianyulong aveva aperto nuove prospettive sull’origine e l’evoluzione del piumaggio, rendendo concreta la possibilità che la condizione più primitiva del piumaggio, omologa allo stadio 1 della successione ontogenetica delle penne attuali, sia una caratteristica comparsa molto prima della differenziazione dei coelurosauri, probabilmente alla base dell’intero Dinosauria, se non prima. Oggi, un nuovo troodontide di grande taglia, Xenoraptor Xi et al. (2009) testimonia l’evoluzione di una forma inattesa di tegumento in un theropode interno al gruppo dei veri animali piumati, e molto prossimo agli uccelli. Per ora, posso solo dirvi ciò che è scritto nell’abstract di uno studio in fase di pubblicazione.

Xenoraptor proviene dal Hauteriviano (Cretacico Inferiore) della Cina. Sebbene sia fossilizzato in un sedimento che non permette la completa conservazione delle penne, esso è perfettamente articolato in posizione accucciata, simile alle posture nelle quali sono stati rinvenuti Mei e Sinornithoides.

L’aspetto più interessante e sconvolgente del fossile è la presenza di una serie di strutture coniche, simili a tubercoli spinosi, rinvenuti sulla superficie laterale e dorsale del cranio e lungo buona parte della coda. Purtroppo, non sappiamo se e quanto questo strano tegumento spinoso fosse distribuito nel resto del corpo. Tuttavia, è possibile che l’intero corpo di questo grosso troodonte (lungo circa 3,5 metri) avesse questa bizzarra copertura tubercolata. Aspetto ancora più interessante del fossile è che esso proviene da sedimenti di tipo salmastro-lagunare. Il fossile è associato a pterosauri e pesci, ed è quindi possibile che fosse un animale semiacquatico e piscivoro. Purtroppo, gli arti non si sono fossilizzati a sufficienza per stabilire se avesse qualche adattamento natatorio.

Purtroppo, non ho immagini del fossile, ma spero presto di averne qualcuna, dato che l’intero articolo sarà pubblicato domani sull’Acta Paleologica Sinica.

Bibliografia:

Xi G., Lou H, Nador M. & Fish A., 2009 - An unusual maniraptoran theropod with a unusual skin from the Protoichthys Formation of China. Acta Paleologica Sinica publ. online.

12 commenti:

  1. A. Fish?! "Protoichtys" Formation?!?!?

    ;-)

    !!!!!!!!!!!!!

    Leo

    RispondiElimina
  2. Protoichthys Formation of China = importante formazione Fossilifera Cinese. E' un giacimento famosissimo per i suoi Pesci.
    Anche Xenoraptor sembra essersi adattato all' ambiente acquatico in maniera eccezionale , perdendo le penne per mettere spine.
    Probabilmente l' arto era palmato. La cosa particolare è che assomigliava a un grande Pesce e dall' analisi dei pollini fossili, morì in Aprile, quando le Magnolie sono in piena fioritura ;-)

    Loana

    RispondiElimina
  3. DIo mio ma che ****** ****** *** **** ***** ****** ****?!?!?!?
    E pensare che ho pure aperto 1 topic su jpitalia! XD

    RispondiElimina
  4. Ohhhh I'm gonna have to do something EVIL on my blog. This was merely evil (lower case). Good trick, though, but April Fool's is TWO days away for me.

    RispondiElimina
  5. Però al di là dei Pesci e dell' Aprile , è interessante speculare su come potrebbe essere un grande Troodontidae adattato ad un ambiente lacustre con stretti legami con l' acqua.Potrebe continuare ad avere una copertura di piume oppure gli sarebbero di intralcio in acqua in quanto le penne bagnate potrebbero appesantirlo e rendere i suoi movimenti impacciati? Oppure perchè le penne dovrebbero appesantirlo? Basta che diventano idrorepellenti come quelle delle Anitre...
    Loana

    RispondiElimina
  6. Cara Loana,
    nella mia ipotesi anfibia per gli oviraptoridi ingeniini avevo disegnato un Ingenia con piumaggio da pinguino...

    RispondiElimina
  7. Non dico nulla al riguardo, dico solamente di stare attenti...Se la notizia è vera, sarebbe un gran bel colpo; cerchiamo però di aspettare qualcosa di più ufficiale, che già l'anno scorso con il presunto ritrovamento del cranio di deinocherius e del gigantoceratops (ceratopside somigliante al rinoceronte elasmotherium, che rimane tuttavia un soggetto interessante pur essendo un pesce d'aprile).

    RispondiElimina
  8. abbiamo avuto delle brutte bastonate (scusate per il doppio messaggio, errore del sottoscritto).

    RispondiElimina
  9. Smnt2000 ha scritto:"Se la notizia è vera, sarebbe un gran bel colpo; cerchiamo però di aspettare qualcosa di più ufficiale".

    Quale notizia? Quale informazione più ufficiale?
    Stai scherzando pure tu?

    RispondiElimina
  10. Andrea Cau ha scritto:"Quale notizia? Quale informazione più ufficiale? Stai scherzando pure tu?"

    A dir la verità no...non voglio sembrare maleducato, arrogante o che mi sia dato qualsivoglia aggettivo negativo, ma io non ho ancora trovato niente al riguardo di Xenoraptor multispinus. Nessun articolo, nessuna pubblicazione, nada de nada. So benissimo che non ho le tue fonti e mai (e ribadisco il MAI) direi castronerie e altro se non ne sono sicuro, quindi per favore, se mi daresti un link su questa notizia allora mi faresti un favore.
    Spero di non essere stato maleducato e/o arrogante in alcuna maniera, e se davvero lo sono stato, fammelo notare assolutamente che non era nelle mie intenzioni ;).

    Piccola domanda: perchè quando clicco sulla pub.online mi spedisce alla pagina di wikipedia sul pesce d'aprile. Questa è stata un'altra cosa che mi ha insospettito...

    RispondiElimina
  11. Forse dovresti insospettirti un pochino di più...
    :-)

    RispondiElimina
  12. XD XD XD Ah ah ah ah ah! Che spasso che vedo!

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -