05 settembre 2011

Carcharodontosauridae MPM 2594 e Spinosaurus di Troco

Vi ricordate MPM 2594, il frontale di carcharodontosauridae dal Kem Kem al quale ho dedicato una serie di post nonché uno studio in arrivo sull'Acta Palaeontologica Polonica?
Nello stesso tempo in cui l'articolo era in revisione, ho chiesto a Troco di realizzare un'opera ispirata a questo carcharodontosauride. Questo è il risultato:



L'opera illustra una spiaggia cenomaniana del Nordafrica. La spiaggia è stretta, e bordata alle spalle da scogli e rocce. Ciò ha costituito una trappola naturale per un giovane Spinosaurus, appena ucciso da un Carcharodontosauride basale (MPM 2594). Due dei fratelli dello spinosauride ucciso, in primo piano, stanno fuggendo in acqua. 
Notate che sia il Carcharodontosauridae che gli Spinosaurus sono protopiumati nella parte dorsale del corpo, come protezione contro l'insolazione, e squamati nella metà ventrale. I giovani Spinosaurus non hanno ancora sviluppato l'ipertrofia delle spine neurali dorsali caratteristica degli adulti di questo genere.

Ringrazio Troco, eccellente come sempre, col quale ho sviluppato una notevole collaborazione di arte e paleontologia... e che sicuramente porterà in futuro ad altre opere immaginifiche come questa.

15 commenti:

  1. Aaaah, che piacere vedere illustrazioni così! E che invidia...

    Davide Bonadonna

    RispondiElimina
  2. Davvero bello! Lo stile mi ricorda lievemente le figurine panini sui dinosauri.

    RispondiElimina
  3. Interesting and well done. I especially like the idea of Spinosaurus having webbing between its toes.

    RispondiElimina
  4. Opera notevole in generale, ma trovo particolarmente affascinanti le interpretazioni per i giovani spinosauri, veramente una bella ricostruzione artistica.

    Interessanti le zampe palmate, è ipotizzabile uno stile di vita anfibio per Spinosaurus addirittura improntato sul nuoto?

    RispondiElimina
  5. La palmatura è un'idea di Troco. Non è impossibile, sopratutto alla luce di certi fossili che ho visto (e di cui per ora non posso parlare). Diciamo che per nuotare probabilmente no, ma per avere una maggiore superficie di appoggio su substrati fangosi, è plausibile.

    RispondiElimina
  6. Complimenti ad entrambi...un'ottima collaborazione!
    Anna G.

    RispondiElimina
  7. Bella tavola davvero!!

    RispondiElimina
  8. Complimenti è un opera magnifica.

    Loana

    RispondiElimina
  9. Il Carcharodontosauridae è veramente un essere immenso, inoltre sembra possedere una sorta di copertura cornea sul muso, quasi si trattasse di un proto-becco, esistono prove paleontologiche a supporto di una tesi del genere?

    La tavola è incredibilmente suggestiva.

    Andrea Ubayy

    RispondiElimina
  10. In alcuni vecchi post ho parlato di queste caratteristiche dei carcharodontosauridi e di altri taxa: in breve, le rugosità del cranio indicano che in quei punti del cranio la pelle era molto spessa e ispessita da uno strato corneo.

    RispondiElimina
  11. @ Cau

    Ti ringrazio per la risposta.
    A proposito di Carcharodontosauridae, Saurophaganax è un membro basale del clade? Inoltre, sono state realizzate tavole, intendo del livello di questa di Troco, su quell'affascinante teropode?

    Grazie.

    Andrea Ubayy

    RispondiElimina
  12. La posizione di Saurophaganax in Allosauroidea è incerta. Per ora, preferisco non divulgare il risultato di Megamatrice.

    Non mi risultano opere su Saurophaganax, probabilmente perché poche ossa del cranio sono conservate, rendendo la testa speculativa.

    RispondiElimina
  13. Ciao a tutti, complimenti ad Andrea per il blog, l'ho appena scoperto e sto cercando di recuperare il tempo perso andando a ripescare i vecchi topic!

    Mi piace moltissimo l'impostazione rigorosamente scientifica che dai al sito e ti ringrazio per aver riacceso in me la mia vecchia passione per i dinosauri!!

    Molto bello anche il disegno, a questo riguardo avrei una domanda precisa: l'effetto di (passatemi il termine...) "obesità" a livello ventrale del Carcharodontosauridae è voluta o motivata da particolari considerazioni? Questo dettaglio mi ha colpito in quanto ha richiamato in me il ricordo di alcune vecchie illustrazioni sui dinosauri che avevo in alcuni libri di fine anni '80 inizio '90. Nelle più recenti illustrazioni (e rappresentazioni cinematografiche) i dinosauri sembrano molto più longilinei e "palestrati"...insomma più star di hollywood.

    Grazie e ciao, alla prossima!

    FRANZ

    RispondiElimina
  14. Grazie Franz, spero che resterai un lettore fisso.
    Credo che l'aspetto "obeso" dipenda in parte dalla prospettiva che abbiamo seguito in questa opera. Di solito, i dinosauri sono ritratti di profilo e ciò attenua l'ampiezza della gabbia toracica.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -