19 gennaio 2011

Uno dei più bei fossili piumati del Mesozoico

Vi segnalo questo articolo nell'edizione online del National Geographic.
Se scorrete la galleria di immagini, in fondo è mostrato un esemplare squisitamente preservato di un paraviale con preservato il piumaggio (nella didascalia è chiamato "Anchiornis", ma senza indicazioni specifiche o immagini di dettaglio non saprei se ciò sia basato su autapomorfie del taxon o sulla mera località di ritrovamento). 
Il grado di preservazione del piumaggio è straordinario: sono ancora evidenti le maculazioni scure che decoravano le penne. Tra gli esemplari che ho visto finora con tale grado di preservazione, è sicuramente tra i migliori.

2 commenti:

  1. Bellissimo! Fa vedere benissimo la forma del corpo ricoperto di penne, che sembra molto più compatto di quanto appaia dalle ossa. E' stato descritto?

    RispondiElimina
  2. No. Se fosse stato descritto non avrei scritto: "nella didascalia è chiamato "Anchiornis", ma senza indicazioni specifiche o immagini di dettaglio non saprei se ciò sia basato su autapomorfie del taxon o sulla mera località di ritrovamento".

    Come scrissi in un vecchio post sul piumaggio e la paleoarte, tutti gli uccelli attuali hanno il corpo apparentemente molto più voluminoso di quanto effettivamente sia basandosi solo sul sistema muscolare. Lo stesso ragionamento si applica ai piumati fossili.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -