24 gennaio 2009

I Grandi Eroi Ingiustamente dimenticati: Manospondylus gigas e Dynamosaurus imperiosus, ovvero, il Grande Complotto contro il Tyrannosauro squamato

“The truth is out there”, diceva un grande della ricerca scientifica (Molder, 1996).

Se siete amanti dei complotti, delle cospirazioni, se fate della vostra paranoia il filtro di valutazione della realtà, bene, questo post non vi deluderà. Sono giunto a conoscenza di documenti che stravolgeranno tutte le nostre più care certezze. Io per primo devo fare ammenda del mio errore, e chiedere scusa a quegli eroi isolati che osarono andare contro l’arrogante dogma imposto negli ultimi decenni. Ora ho un quadro più chiaro dei fatti, e della sconvolgente verità che ne è emersa.

Nel 1892, Cope descrisse i resti frammentari di vertebre cervicali di un grande dinosauro dalla Formazione Lance, negli USA. Egli battezzò quei resti Manospondylus gigas, e li attribuì ad un dinosauro ceratopso.

Nel 1905, Osborn descrisse i resti di due theropodi giganti dalla Formazione Lance, che battezzò Tyrannosaurus rex e Dynamosaurus imperiosus. I resti dei due animali appartenevano a theropodi di taglia comparabile, distinguibili esclusivamente per un carattere: a differenza di Tyrannosaurus, Dynamosaurus era caratterizzato dalla presenza di squame osteodermiche.

L’anno successivo, Osborn (1906) giunse alla conclusione che Dynamosaurus imperiosus e Tyrannosaurus rex erano la stessa specie. In base alla priorità nell’ordine di pubblicazione dei nomi nello stesso articolo, il nome di questa specie doveva essere Tyrannosaurus rex. Dynamosaurus imperiosus cadde nell’oblio dei nomi scientificamente non validi, e con lui l’esistenza del tyrannosauro con osteodermi. Per il resto del XX secolo, le presunte squame di Dynamosaurus/Tyrannosaurus furono attribuite ad un ornitischio, probabilmente Ankylosaurus, i cui resti si erano mescolati a quelli del theropode.

Hatcher et al. (1907) rivalutarono i resti di Manospondylus, e giunsero alla conclusione che appartenevano ad un theropode. In seguito, Osborn (1916) notò la stretta somiglianza tra Manospondylus e Tyrannosaurus. Di fatti, l’unico theropode gigante dalla Formazione Lance è Tyrannosaurus, quindi, pur mancando di evidenti apomorfie di Tyrannosaurus, Manospondylus gigas è molto probabilmente sinonimo di T. rex. Questa ipotesi è sostenuta dal ritrovamento, nel 2000, di altri resti dell’esemplare originale* di Manospondylus gigas, che dimostrano la sua identità con T.rex. Di conseguenza, dato che il nome Manospondylus precede Tyrannosaurus di ben 13 anni, esso dovrebbe essere quello valido per il theropode gigante del tardo Cretacico nordamericano conosciuto da tutto il mondo con il nome errato di Tyrannosaurus rex.

Come molti hanno sottolineato, ormai Tyrannosaurus rex ha travalicato i confini della pura ricerca scientifica, imponendosi come icona post-moderna e geomitologica. Ciò lo rende immune dalla normale critica scientifica, per questo risulta così inattaccabile, quasi sacro. Nessuno vorrebbe abbandonare il mitico Tyrannosaurus rex per l’oscuro Manospondylus gigas. Cosa dovremmo fare? Distruggere il nostro mito per accettare il rigore scientifico che impone di sostituire un nome con quello cronologicamente prioritario? Abbandonare Tyrannosaurus, Tyrannosauridae e Tyrannosauroidea per Manospondylus, Manospondylidae e Manospondyloidea?

Siamo vittime di un complotto? Una cospirazione mondiale volta a difendere con ogni mezzo Tyrannosaurus rex, a scapito di Manospondylus gigas, il legittimo detentore dello status nominale del più famoso celurosauro gigante di tutti i tempi? Manospondylus è stato condannato ingiustamente alla stessa sorte di Dynamosaurus?

E se invece la verità fosse veramente là fuori? Se Manospondylus fosse il nome vero, e se le squame di Dynamosaurus fossero vere, legittime, ma ingiustamente mistificate da una congiura piumata che vuole spodestare Manospondylus gigas, il sovrano delle lucertole squamate?

Combattiamo per difendere la verità!

Ok, prima che qualcuno esulti prematuramente per la mia “conversione”, dico subito che in questo post ho voluto scherzare.

La realtà dei fatti è questa:

Le squame di Dynamosaurus sono chiaramente di un ornithischio: lo stesso Osborn, l’anno dopo l’istituzione di Dynamosaurus, avvalorò questa interpretazione, sottolineando che i resti originari di Dynamosaurus erano mescolati con quelli di altri dinosauri. Infatti, scrisse:

“Many dermal plates were found with the individual No. 5866 originally described as Dynamosaurus; they were used in defining Dynamosaurus. Some doubt as to their association with this carnivorous Dinosaur is caused by the presence of a fragment of a frill of Triceratops and a portion of the jaw of an Iguanodont.” e “Despite the evidence cited above it is difficult to imagine why this carnivorous Dinosaur should be protected by any form of dermal armature, unless possibly against attacks by members of its own family. “ (Osborn, 1906).

Oggi nessun paleontologo attribuisce tali squame a Dynamosaurus, e, di conseguenza, cadendo l’unica differenza evidente con Tyrannosaurus, viene meno la validità di un (seppur bel) nome, che è solo un sinonimo subordinato cronologicamente di Tyrannosaurus.

Infine, Manospondylus non può sostituire Tyrannosaurus per una questione sancita rigorosamente dal Codice Internazionale di Nomenclatura Zoologica (ICNZ), che afferma che un nome scientifico smette di essere valido se risulta che per almeno 50 anni non è mai stato considerato valido, né citato in alcuna pubblicazione scientifica ufficiale. In contrasto assoluto con il nome Tyrannosaurus, dal 1916 al 2000, nessuno citò più Manospondylus, evidentemente perché ritenuto non valido.

Perciò, l’ICNZ impone di considerare Manospondylus gigas un nomen oblitum, privo di valore scientifico, esattamente come l’imperioso Dynamosauro coperto di squame.


*Nota aggiunta il 25 gennaio: Mickey Mortimer mi segnala che l'esemplare di Manospondylus rinvenuto nel 2000 non proviene dalla stessa formazione dell'originale.

Bibliografia:

Cope, 1892 - Fourth note on the Dinosauria of the Laramie. American Naturalist 26: 756-758.

Osborn, 1905 - Tyrannosaurus and other Cretaceous carnivorous dinosaurs. Bulletin of the American Museum of Natural History, 21: 259–265.

Osborn, 1906 - Tyrannosaurus, Upper Cretaceous carnivorous dinosaur (second communication). Bulletin of the American Museum of Natural History, 22: 281-296.

Hatcher, Marsh & Lull, 1907 - The Ceratopsia. U.S. Geological Survey, Washington, DC: 49.

Osborn, 1916 - Skeletal adaptations of Ornitholestes, Struthiomimus, Tyrannosaurus. Bulletin of the American Museum of Natural History 35: 733-771.

7 commenti:

  1. Li mortacci...Per un attimo c'ero cascato anch'io XD

    RispondiElimina
  2. Grande Cau!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Andrea Cau scusa tanto per il doppio post, ma era di prova perché non riuscivo a postare! -_-
    Comunque grande tu con tutte le tue idee! Io le adoro molto, specialmente quella anfibi!
    Ti ammiro perché nei tuoi post sei sempre pronto a mettere in discussione tutte le teoria anche più recenti (ed è giusto, mai metter la mano sul fuoco per niente) e le ri-analizzi dal tuo punto di vista! Meglio!!! Vai e continua così!!!

    PS
    D'ora in poi posterò, dato che solo ora ci riesco! XD

    RispondiElimina
  4. Alessio... :-)
    Grazie, Big Al.

    RispondiElimina
  5. Haha. Nice post. One thing I've found to be confusing is that Manospondylus is from the Lance Formation, but BHI 6248 (the new specimen) is supposedly from the Hell Creek Formation (Larson, 2008). So I wonder where the mix up is, or else how could they be the same specimen?

    Of course even if Manospondylus somehow managed to become a senior synonym of Tyrannosaurus, we wouldn't have to rename Tyrannosauridae or Tyrannosauroidea. The ICZN doesn't care if a family's named after a junior synonym, just like how we have Caenagnathidae instead of "Chirostenotidae".

    RispondiElimina
  6. Thank you, Mickey: when I wrote the post, I did not know Larson (2008)... I'll correct the text!

    RispondiElimina
  7. Cavolo... c'ero quasi cascato! Però anche Manospondylus.. ha un suo fascino.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -