28 marzo 2009

Cosa penso di "Jurassic Fight Club"

Di solito, in questo blog, mi interesso solo di pubblicazioni scientifiche e di fossili reali. In questo caso, però, voglio parlare di un tema meno tecnico e più "mediatico", che ho scoperto di recente. Parlo della serie "Jurassic Fight Club". Per chi non sapesse di cosa sto per parlare, mi riferisco ad una serie di “documentari” (ma sarebbe meglio chiamarli “docu-fiction”) di History Channel, aventi a tema delle presunte battaglie tra dinosauri mesozoici. Sì... battaglie...

Potrei limitare questo post alla seguente frase:

Unica Regola del Jurassic Fight Club: NON GUARDARE IL JURASSIC FIGHT CLUB!

Ma penso sia doveroso dire altro.

Ne avevo sentito parlare. Lessi alcune recensioni. Recentemente, ho avuto modo di vederne alcuni episodi (uno in cui Nanotyrannus è interpretato come genere distinto da Tyrannosaurus; uno con l’ormai superata ipotesi cannibalistica di Majungasaurus; uno spezzone di un episodio con alcuni dromaeosauridi squamati con freccette al posto delle penne; ed uno a dir poco imbarazzante con Allosaurus e Ceratosaurus), quindi ora posso esprimere un giudizio diretto.

Aldilà delle imprecisioni anatomiche, discutibili ma aggiornabili (posture di arti, tegumenti, taglie e muscolature), ciò che trovo molto negativo di questa serie è l’impostazione di fondo, ovvero, la concezione della paleontologia e dei dinosauri che viene diffusa.

Il programma segue un trend molto di moda in molte produzioni documentaristiche, ovvero la commistione di finzione e di dati scientifici, tutto mescolato da una massiccia dose di spettacolarizzazione. Tuttavia, dei due termini, è la finzione a dominare. La parte scientifica è solamente di facciata, un “cavallo di Troia” che serve ad ammorbidire lo scetticismo dello spettatore, inculcandogli subdolamente la sensazione che quello che sta osservando sia effettivamente il prodotto di un’indagine scientifica. In realtà, poco di quello che si vede in Jurassic Fight Club è scientifico. Spesso, la maniera sfacciata con cui delle vere e proprie invenzioni e speculazioni gratuite sono spacciate per “verità scientifiche” è stata talmente seccante e fastidiosa che ho cambiato canale, imprecando! Trovo queste scene un insulto verso chi fa ricerca paleontologica seria.

Ad esempio, nella puntata ambientata nella Formazione Morrison, con esemplari di Ceratosaurus e Allosaurus, gli animali mostrati sono delle palesi caricature di quelli deducibili dai fossili. Molti dettagli anatomici sono inventati (come la morfologia delle mani di Ceratosaurus), distorti (le differenze di taglia, posture e struttura cerebrale tra i due animali), o volutamente spettacolarizzati (dubito che in natura gli animali si scontrino come gladiatori in un’arena).

Inoltre, ed è qui che la scienza viene completamente sacrificata alla spettacolarizzazione della fiction, la fonte dei dati veri e propri, ovvero la determinata associazione fossile che dovrebbe essere la base di partenza di qualsiasi ipotesi, viene interpretata senza la minima considerazione delle condizioni tafonomiche, dovute alle condizioni paleoambientali, di fossilizzazione, di sedimentazione, che hanno generato l’associazione di alcuni scheletri di animali. Ovvero, l’impostazione paleontologica viene sostituita da un mix di biologia ingenua e mentalità da polizia scientifica: un fossile non è mai l’espressione precisa e letterale di un evento passato, e non può essere interpretato con la stessa mentalità di una associazione di cadaveri rinvenuti attualmente. Chi commette un simile errore ha già abbandonato la paleontologia, collocandosi nella fiction.

Ad esempio, nel “documentario” citato prima, la compresenza di scheletri di animali di specie differenti in uno stesso sito viene presentata come prova indiscutibile di una interazione in vita tra quegli animali, un’ipotesi che qualsiasi analisi tafonomica potrebbe smentire, o, perlomeno, ridimensionare, collocandola all’interno di una gamma di altre alternative egualmente possibili.

In conclusione:

La paleontologia che viene propagandata in questi “documentari” è una pessima mistificazione della vera paleontologia:

1- I dati geologici e paleontologici vengono presentati come evidenze univoche di comportamenti biologici impossibili da dimostrare. In realtà, molto spesso non è possibile dedurre alcun dato comportamentale da un’associazione fossile, se non altro perché lo scheletro di un animale morto non rappresenta alcun comportamento da vivo.

2- La speculazione e l’abuso delle analogie etologiche con animali attuali sono presentate come ovvie implicazioni, quasi come necessarie conseguenze logiche. In realtà, come ho mostrato in molti post, molto spesso le interpretazioni etologiche di un’associazione fossile sono molto più l’espressione dei desideri e dei pregiudizi di chi osserva il fossile che l’emanazione dei dati oggettivi.

Ma sopratutto, ed è questo l’aspetto che più mi dispiace di questi programmi:

3- I dinosauri sono presentati come esseri innaturali, caricature stereotipate di mostri cinematografici. Purtroppo, l’influsso del cinema (compreso Jurassic Park) è diventato così potente che i dinosauri ormai non possono essere visti secondo una luce puramente naturalistica. I dinosauri di questi presunti “documentari” sono fantocci da videogioco, ultra-semplificati oggetti di uno spettacolo fortemente antropomorfico. I dinosauri vengono mostrati come caricature di “ruoli” narrativi: il predatore protagonista, l’antagonista, l’eventuale oggetto della loro contesa (generalmente un dinosauro non-theropode). Tutto ciò è una finzione, fortemente diseducativa, che non aiuta lo spettatore a comprendere la vita mesozoica più di quanto le contese tra gli dei omerici ci insegnino della vita quotidiana della Grecia Antica.

Quando riusciremo a vedere i dinosauri come organismi reali, strutture organiche auto-referenti, e non come spettacolarizzazioni thero-morfe delle passioni umane?

27 commenti:

  1. Infatti e x questo ke jurassic fight club mi fa schifo! Io non guardo mai documentari sugli animali, tantomeno sulla preistoria, perché posson distorcer la realtà in 1 maniera mostruosa.... Se voglio saper qualcosa vado a veder su wiki english e qualcosaltro sempre sul web (rigorosamente in inglese! Apparte theropoda! XD)
    i dinosauri non son giocattoli o mostri da combattimento da dire "questo è più forte di quello!!!" XD
    Bravo andrea!

    RispondiElimina
  2. Stesso. Forse le motivazioni per me sono diverse: io non sopporto i paleontologi che vanno a commentare stè scene. Si comportano come degli esaltati, dicono frasi paradossali, si emozionano come dei bambini quando arriva il Tyrannosaurus... Davvero, è ridicolo. Comunque, alla tua domanda finale credo che la risposta sia che la BBC ha fatto qualcosa di veramente ottimo, con Walking With Dinosaurs. Non so se lo conosci, ma ripeto, era di buonissima fattura.

    RispondiElimina
  3. Riguardo alla domanda finale , purtroppo credo che mai o molto difficilmente l' uomo riuscirà a liberarsi delle spettacolarizzazioni thero-morfe delle passioni umane riguardo ai Dinosauri , perchè ancora non si è liberato da questo processo neppure per gli Animali in vita.
    Quante volte il Leone è stato assunto dalle Civiltà come simbolo di forza? Quante volte la Iena viene ancora vista come avida spazzina? E che dire del Corvo?E del Rettile "lento e stupido"? Purtroppo ancora oggi c'è la tendenza ad umanizzare gli Animali attribuendo loro modalità di percezione del Mondo e sentimenti vicini o simili a quelli umani , oppure a renderli simboli di vizi e virtù umane.
    Riguardo a Jurassic Fight Club non l' ho mai visto , ma credo che questi produttori di History Channel avrebbero potuto spendere i soldi in modo migliore...ma quello che è certo , probabilmente , è che i soldi invece li hanno guadagnati fondendo la moda dilagante del wrestling con i Dinosauri : senza dubbio un connubbio che piace molto ai ragazzini.

    Loana

    RispondiElimina
  4. Che dire? Concorde appieno con Loana - io l'ho visto, seppur non integralmente, per gli stessi motivi di Andrea Cau - seppur il mio interesse fosse proprio quello di sondare l'abisso psicologico dei produttori e la loro volontà di sfruttare a man bassa la spettacolarizzazione delle forze archetipiche dell'inconscio, scaricate a viva forza nell'occhio del telespettatore, senza alcun rispetto della "realtà" dell'indagine scientifica - ma tant'è, il medium televisivo è giocoforza un'alterazione della percezione della mediatezza, tramite l'annullamento del pensiero logico. Violenza beffarda e proto-scienza immediata si fondono per confonderci, appigliandosi ai nostri preconcetti arcaici ben radicati nel profondo (vedi gli animali culturalmente caricati citati da Loana).

    Una trasmissione seria avrebbe annoiato; meglio il dinowrestling. Il lato peggiore della (nuova/arcaica) mitologia dinosauresca.

    Lasciate stare: andate piuttosto a vedere "The Wrestler" di Aronofsky con Rourke, e dopo, leggetevi "Theropoda" (magari con contorno di "Geomyhtologica"!)

    Leo

    RispondiElimina
  5. Ciao a tutti mi chiamo diego in arte TARANTASIO e gestisco anche io un sito sul Mondo dei Dinosauri, forse lo conoscete of erose no...comunque sia è pangeaowlrd.it

    Volevo dire una cosa in merito alla trasmisisone JFC......primo la trasmissione è piena di errori e inesattezze e un poco superficiale per chi è un addetto ai lavori, pero' mi immedesimo in chi non ha molta esperienza nel campo e penso che per quest'ultimi sia comunque una fonte notevole di informazioni e nozioni che altrimento non avrebero la possibilità di reperire anche perchè la situazione documentari al di fuori della paytv è drammatica!
    Salut a tutti.

    RispondiElimina
  6. In realtà, i documentari interessanti e ricchi di informazione esistono, peccato che stanno soccombendo per l'ingiusta competizione delle produzioni alla "Jurassic Fight Club". Ricordo una bellissima serie della BBC di circa 15-20 anni fa sull'evoluzione paleontologica che era rigorosa ed interessante, senza dover richiedere chissà quali spettacolarizzazioni o effetti speciali. Si vedevano i siti di scavo, si ascoltavano le opinioni dei paleontologi, si vedevano ottime ricostruzioni paleoartistiche. "Jurassic Fight Club" dà pochissime informazioni utili: è pieno di nozioni assolutamente inutili e di speculazioni dannose per chi non ha la formazione scientifica adeguata a valutarle in modo critico. Se uno è davvero interessato ai dinosauri, ci sono libri e articoli facilmente scaricabili dalla rete, e non dovrebbe basarsi sui documentari che vanno ora di moda.

    RispondiElimina
  7. Salve sono Davide e dico che i dinosauri oggigiorno sono considerati mostri alla merce di tutti!!!!!!!!!!
    Ma non tutti i documentari sono così!Piero Angela(qualche anno fa)ha condotto IL PIANETA DEI DINOSAURI che non è della DISCOVERY.La BBC,oppure,ha prodotto:NEL MONDO DEI DINOSAURI,I PREDATORI DELLA PREISTORIA,L'UOMO DELLA PREISTORIA,PRIMEVAL,L'IMPERO DEI MOSTRI,ecc...E sono fatti tutti molto bene.Vi consiglio di guardarli

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Ripeto: i commenti anonimi o privi di una firma verrano cestinati.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Il commento precedente, oltre che anonimo, era molto infantile. Per favore, se non avete il coraggio di firmarvi, evitate di commentare.

    RispondiElimina
  12. Cosa diceva??? Una risata non si nega mai a nessuno, please :-) XD... A meno che non imprecasse contro di te...

    RispondiElimina
  13. Niente imprecazioni volgari, ma ci comandava di non criticarlo perché JFC è bellissimo, concludendo con un "capito!!!!!!!!!!!!!!!!!". Essendo anonimo, l'ho rimosso, come faccio sempre.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  16. Davide, io ho sempre cestinato i commenti anonimi, non perché la pensassero diversamente da me. Tuttavia, i tuoi due ultimi commenti erano molto volgari e maleducati, oltre che ingiustificatamente offensivi: se sei capace solamente di insultare e non hai la capacità di spiegare in modo adulto le tue opinioni, ti chiedo la cortesia di non commentare mai più su questo blog, che, finora, è sempre stato il luogo delle discussioni intelligenti e civili.

    Se persisterai con la maleducazione dei tuoi due ultimi commenti, dovrò impostare una censura sui commenti, così da prevenire la pubblicazione di frasi maleducate come le tue ultime due.

    Andrea Cau

    RispondiElimina
  17. Avete ragione,scusate!Ma mio fratello non sa contenersi,mi chiamo Ciro e mio fratello gemello e io amiamo i dinosauri ma quando lui cisi mette è davvero molto volgare,scusate anch'ora.Una cosa,però,io adoro JFC e mi sembra che dovreste riguardarlo

    RispondiElimina
  18. Ciro (e Davide), nessuno impedisce a nessuno di guardare Jurassic Fight Club. Quello che ho scritto nel post è che quel genere di prodotto televisivo non solo non è scientifico (come, falsamente, si dichiara) ma è anche diseducativo. Chi ama la paleontologia vera non può che detestare questi insulti alla ricerca scientifica. Se sei così adorante del programma, dovresti anche cercare di capire perché ti piace. Probabilmente, non per motivazioni scientifiche. In tal caso, dato che in questo blog si parla prettamente di motivazioni scientifiche, comprenderai che il mio giudizio su Jurassic Fight Club può solo essere negativo.
    Per il resto, massimo rispetto dei gusti altrui (a differenza di quanto fa chi scrive insulti e volgarità gratuite in un blog: ripeto, la prossima volta cancellerò commenti così volgari senza prestarli di alcuna attenzione: nessuno vi obbliga a commentare, quindi abbiate l'educazione di rispettare la decenza, e nessuno vi censurerà).

    RispondiElimina
  19. Il fatto è che i dinosauri vengono sempre presentati come qualcosa di super naturale perché è questo che la gente vuole. In uno splendido libro che ho letto intitolato "I mostri e l'immaginario" (libro di antropologia meraviglioso ed educativo che consiglio a tutti), l'autore concludeva dicendo come l'uomo fosse sempre stato accompagnato dai mostri, e come questo siano una parte fondamentale della sua vita (non per niente oggi la figura di draghi, fate e simili è molto usata in pubblicità e simili). Non ci vuole molto a capire come i dinosauri siano quanto più si avvicina alla nostra idea generale, e per certi versi primordiale, di mostro, è per questo che piacciono tanto anche a chi non è interessato al mondo degli animali VERI. Poi c'è chi vuole andare oltre cogliendo la verità di questi animali accettando anche gli aspetti meno spettacolari ma più reali, e c'è chi invece preferisce tenersi la sua creatura più o meno fasulla.
    Simone

    RispondiElimina
  20. Salve!

    Concordo abbastanza con quello che è scritto qui su Jurassic Fight Club. Esso mi ha molto deluso ed è molto illusorio. Interessante è quello che dicono i paleontologi ma le scene video dei dinosauri son ESAGERATI. Un leone americano disposto stupidamente a rischiare la vita combattendo da solo contro un orso dal muso piatto. Un nanotiranno che, nonstante è troppo tardi, è dispodto a farsi spezzare in due da una mamma tirannosauro pur di uccidere un suo cucciolo. E' DA NON CREDERE. L'idea di fondo era buona, ma poi tutta rovinata.

    Bruno da Perugia.

    RispondiElimina
  21. Ok, lo ammetto: io sono uno di quelli che si rompe le scatole ad ascoltare i paleontologi nei documentari per ore e ore, ma voi avete ragione! Ci sono anche insulti alla paleontologia anche antica: GLI ALLOSAURI SAPEVANO CAMMINARE SULLE SABBIE MOBILI?!?!?!?!? Comunque non ho capito un errore che hai detto sopra: in che senso sono sbagliati gli arti? A me sembrano realistici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sembrare realistico" non significa "essere corretto".
      Anche il King Kong di Jackson sembra realistico.

      Elimina
    2. Ok, grazie, ma dove è l'errore?

      Elimina
    3. Dalle immagini è evidente che l'arto anteriore di Ceratosaurus è del tutto inventato e non basato su i fossili noti o inferenze filogenetiche.
      A parte la pronazione dei polsi (che a maggior ragione è impossibile in un Neoceratosauria dato che non hanno carpali ossificati), la gracilità dei metacarpi, l'assenza del quarto metacarpale, le falangi che paiono con diafisi allungate, gli ungueali non atrofici, il primo dito apparentemente più lungo del secondo. Bastava consultare Gilmore (1920)...

      Elimina
    4. Grazie, dove lo posso trovare su internet: basta wikipedia?

      Elimina
    5. http://ia601509.us.archive.org/1/items/osteologyofcarni00gilm/osteologyofcarni00gilm.pdf

      Elimina
  22. Proprio in questo periodo sto visionando le 12 puntate di jurassic fight club, ce ne sono un paio sopratutto che non hanno senso! ossia si "inventano" uno scontro mortale senza alcuna prova in mano, non ci sono segni sulle ossa, ne altri indizi..semplicemente predatore ed erbivoro giacciono nella stessa area ma sono distanziati tra di loro di decine di metri. Mi riferisco in particolare a quella di Utahraptor e Gastonia burgei in quella che adesso è Kirkland nello Utah.
    L'altra invece è quella di Pachyrhinosaurus ed Albertosaurus, non so come ed in che modo riescano a dedurre che il branco di erbivori siano morti annegati a causa della predazione di albertosaurus. Non ci sono impronte fossili, non si ha nulla in mano se non un mucchio di scheletri di Pachyrhinosaurus con ossa rotte e qualche dente di Albertosaurus, ma ciò non implica necessariamente che la causa dell'annegamento sia stata la predazine.

    Riccardo

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -