02 febbraio 2009

Il primo caso di uno spinosauro cinese (Buffetaut et al., 2008)?

A metà degli anni ’70 del secolo scorso, venne descritto un piccolo assemblaggio di ossa provenienti dal Cretacico Inferiore di Napai, Cina, comprendente alcuni denti attribuiti al pliosauro (per i profani, un rettile acquatico) Sinopliosaurus. Venti anni dopo, alcuni di questi resti, i denti in particolare, sono stati riesaminati: essi sono poco simili a quelli pliosauri, e ricordano alcuni denti di theropode, in particolare, l’enigmatico Siamosaurus isanensis, un possibile spinosauro thailandese.

Buffetaut et al. (2008) descrivono questi denti nel dettaglio. In effetti, la morfologia ricorda molto quella degli spinosauridi nella struttura dello smalto e delle carene. Un aspetto di questi denti è particolarmente interessante: a differenza degli altri spinosauridi noti, questi denti mostrano un grado di compressione labiolinguale, che contrasta con la forma sub-conica tipica degli spinosauridi. Questo tratto indicherebbe che il presunto spinosauro cinese è una specie più basale di quelle note (quindi, tecnicamente, non sarebbe uno spinosauride, bensì uno spinosauroide prossimo a Spinosauridae), in quanto conserverebbe la primitiva compressione dei denti tipica della maggioranza dei theropodi basali. Putroppo, finora non sono noti resti ossei.

In aggiunta, Buffetaut et al. (2008) citano i resti ossei di un possibile spinosauride dalla Thailandia, forse attribuibili a Siamosaurus. Speriamo che presto vengano pubblicati.

Faccio notare che è già noto un possibile spinosauroide basale cinese: Chilantaisaurus tashuikouensis (vedere post relativi). Attualmente, non conosciamo i denti di questo theropode, quindi non è possibile compararlo direttamente con l’esemplare di Napai.

Bibliografia:

Buffetaut et al., 2008 - An Early Cretaceous spinosaurid theropod from southern China. Geol. Mag. 145 (5):745–748.

3 commenti:

  1. Chilantaisaurus... Ricordo una raffigurazione di Graham Rosewarne (non so se lo conosci, molto bravo) che lo ritraeva come un allosauride.. Il disegno in sè era bello e mi affascinò molto, senza sapere che di questo animale non si sapesse praticamente nulla. E fu uno di quei nomi che mi rimase impresso... E solo oggi ho scoperto che forse era uno Spinosauride! Bah, per me sarà sempre un Allosauride, è inutile.^^

    RispondiElimina
  2. L'immagine era questa ??

    http://piclib.nhm.ac.uk/piclib/webimages/0/20000/300/20354_sml.jpg

    Perche se si , era una delle mie raffigurazioni preferite , anche se oramai datata !

    RispondiElimina
  3. Non basatevi troppo sulle ricostruzioni pittoriche, sopratutto di animali frammentari. Chilantaisaurus è noto da un omero, un unguale della mano, frammento di ileo, femore, tibia e metatarsali. In teoria è molto per dedurne la posizione filetica e quindi azzardare una ricostruzione "conservativa", sebbene sempre minimalista... peccato che questo theropode sia difficile da collocare. In base alle mie analisi, potrebbe essere uno spinosauroide, ma non è esclusa una affinità con i sinraptoridi... Chilantaisaurus ha caratteri che ricordano entrambi, e la soluzione finale, in attesa di nuovi resti, è data solo dal grado di dettaglio (caratteri e specie) che considerate nella determinazione della sua parentela. In ogni caso, quella ricostruzione mi pare scorretta nel grado di robustezza dell'animale: dalle ossa in nostro possesso, si deduce che Chilantaisaurus era un animale più massiccio di quello illustrato.

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -