27 marzo 2008

Yixianosaurus longimanus Xu & Wang, 2003

Olotipo ed unico esemplare di Yixianosaurus longimanus. Da Xu & Wang (2003).

Yixianosaurus longimanus è basato su un cinto pettorale completo di teropode della Formazione Yixian del Cretacico Inferiore cinese (Xu & Wang, 2003). Esso è diagnosticabile sulla base della seguente combinazione di apomorfie: seconda falange del secondo dito della mano più lunga del secondo metacarpale; terza falange del terzo dito della mano lunga più del doppio della prima falange dello stesso dito; lunghezza della mano pari al 140% della lunghezza dell’omero. L’assenza di striature sulla superficie ossea e l’assenza di fusione tra scapola e coracoide inducono a interpretare l’esemplare in uno stadio ontogenetico intermedio tra il giovanile e l’adulto.

La scapola è circa 3/4 dell’omero, con i margini dorsale e ventrale subparalleli. L’acromio è basso e proiettato cranialmente. Il coracoide è subrettangolare, più lungo che profondo, privo di costrizione a livello del processo caudoventrale. Il tubercolo coracoideo è ridotto, il processo caudoventrale prominente ma non acuminato. L’omero è subrettilineo, con ridotta cresta deltopettorale. Radio e ulna sono subequali in lunghezza, e lunghi circa 3/4 dell’omero. Il radio è sigmoide (forse per deformazione diagenetica), significativamente più gracile dell’ulna. Dei quattro carpali presenti, il carpale distale 1+2 è il più ampio, semilunato e contatta l’intera superificie prossimale del primo metacarpale e la metà mediale del secondo. Il primo metacarpale è lungo il 39% del secondo. Il secondo metacarpale è più lungo e robusto del terzo. Entrambi hanno una ridotta espansione prossimale. Le penultime falangi delle dita sono allungate e articolano con unguali falciformi aventi tubercoli flessori ipertrofici. I solchi vascolari laterali degli unguali si biforcano prossimalmente. L’articolazione tra le prime due falangi del terzo dito è irrigidita da uno sperone osseo presente nella regione prossimoventrale della seconda falange. Resti di tegumento includono strutture filamentose allungate poste lateralmente all’avambraccio.

La presenza di tegumento filamentoso allungato nell’arto anteriore, la scapola priva di espansione distale, il coracoide subrettangolare e l’allungamento e la gracilità di metacarpali e falangi indicano che Yixianosaurus è un celurosauro derivato. Xu & Wang (2003) non vanno oltre Maniraptora incertae sedis. Essi notano le similitudini con Epidendrosaurus nell’allungamento della mano (anche se la condizione in Epidendrosaurus è probabilmente non-omologa, dato che il suo asse principale è il terzo dito e non il secondo), Protarchaeopteryx e i Microraptoria. Da notare che la morfologia dei carpali e la forma del radio ricordano Falcarius, mentre gli unguali sono simili a quelli dei paraviali basali. L’articolazione tra le prime due falangi del terzo dito è simile a quella osservata nei dromaeosauridi. Appare quindi chiaro che Yixianosaurus è un Maniraptora con una curiosa combinazione di caratteri presenti nelle maggiori linee maniraptoriane. Ad un esame preliminare delle sue caratteristiche, esso parrebbe occupare una posizione basale in Paraves, esterna a Deinonychosauria e Avialae.

Immesso in Megamatrice, Yixianosaurus forma una politomia con i Troodontidae più derivati di Sinovenator e Mei. Esso condivide con i deinonychosauri basali (compresi i Troodontidae) gli unguali falciformi con tubercolo flessorio ipertrofico, la scapola significativamente più corta dell’omero, e l’omero gracile. Yixianosaurus condivide con i Troodontidae più derivati di Sinovenator e Mei, il coracoide subrettangolare (reversione alla condizione pre-paraviale), la riduzione del tubercolo coracoideo, e i solchi vascolari biforcati prossimalmente degli unguali della mano. Data l’assenza di materiale craniale e dell’arto posteriore, non è possibile definire meglio la sua posizione rispetto agli altri Troodontidae.

Se questo risultato preliminare fosse confermato, Yixianosaurus sarebbe il quarto Troodontidae del Biota Jehol, dopo Sinovenator, Mei e Jinfengopteryx.

Bibliografia:

Xu X, & Wang X.-L., 2003. A new maniraptoran dinosaur from the Early Cretaceous Yixian
Formation of Western Liaoning. Vertebrata PalAsiatica, 41: 195-202.

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -