30 gennaio 2015

Billy World Bootstrapping: The phylogenetic affinities of Diabolus Rex [sic]

DISCLAIMER: Questo post va preso sul serio nella misura in cui affronta argomenti seri.

Certe chicche sono troppo sfiziose per non essere gustate. E condivise.
I miei informatori dall'universo bimbominkia mi segnalano che il fantomatico mostro di Billy World sarà un “ibrido” ottenuto da frammenti di materiale genetico di Carnotaurus, Giganotosaurus, Majungasaurus e Rugops. Un cast di theropodi così simpatico (tre abelisauridi ed un carcharodontosauride) tirato in ballo per un film troppo pacchiano per essere rispettato... grida vendetta.

Cosa significa “ibrido” da frammenti genetici di 4 taxa distinti? Ovviamente, nella sospensione dell'incredulità di dimensioni anficeliche e consistenza fragillima che occorre impostare nel proprio cervello quando si parla di Billy World, tutto può essere lecito. Ma io vorrei proporre un'ibridazione elegante, raffinata e, sopratutto, testabile, ovvero, ripetibile. Nella fantascienza di serie B che è l'ambiente di Billy World, per “ibrido genetico” si intende semplicemente un mostro frankensteiniano assemblato senza alcun rispetto della anatomia, della genetica e del buon gusto, mettendo insieme pezzi vari di animali adulti come se questo complesso organismo pluricellulare metazoo fosse formato da blocchetti LEGO(c) e non da un irreversibile sequenza ontogenetica.
Ovviamente, l'ibrido dei bimbominkia non soddisfa gli esteti della fantascienze colta come è il vostro blogger e come spero siate voi. [Nota del Cautore: quanto sono illuso...] L'ibrido che io e voi volete vedere è invece il prodotto di un raffinato lavoro di ingegneria genetica ed embriologica, ottenuto incanalando i processi naturali nel rispetto delle loro complesse regole.
In breve, se volessimo formare un ibrido tra parti di genoma di Carnotaurus, Giganotosaurus, Majungasaurus e Rugops lo potremmo fare solo a patto di rispettare almeno il buon senso dell'ibridazione tra specie differenti. Tale buon senso ci dice che un ibrido funzionante deve essere assemblato nella misura in cui i frammenti dai differenti taxa possano, una volta assemblati, dare ancora una creatura funzionante. Pertanto, è presumibile che assemblando i vari frammenti, quelli filogeneticamente più affini abbiano maggiori probabilità di produrre “qualcosa” che sia funzionante e vitale. Il rischio di “mescolare” a caso parti di genoma non più “coerenti” è troppo alto perché il vostro “Diabolus” nasca sano... anzi, vada oltre il mero zigote. Ma noi vogliamo che questo stra-fottutissimo ibrido arrivi alla taglia adulta, quindi dobbiamo fare in modo che l'ibridazione abbia successo. Un modo per non correre rischi sarebbe quello di assemblare i frammenti in modo che siano il più possibile coerenti con la “base genetica comune” tra i quattro taxa ibridati. Dopo tutto, noi non sappiamo quanto e come i differenti genomi siano differenziati uno dall'altro, ma abbiamo la certezza che qualora assemblassimo i frammenti seguendo la “ricetta” che avevano prima di differenziarsi reciprocamente, essi dovrebbero avere maggiore speranza di funzionare come un'unità integrata. Ad esempio, invece di mescolare a caso i quattro genomi, potremmo creare prima un ibrido tra i due del quartetto che mostrano le maggiori affinità, poi ibridare tale “Ibrido 1” con il terzo del quartetto con maggiore affinità con i primi due, ed infine questo “Ibrido 2” con il quarto taxon rimasto. La filogenetica ci dice che, quindi, per ibridare questi quattro taxa convenga ibridare prima Carnotaurus con Majugasaurus, per ottenere “Majungataurus”, poi “Majungataurus” con Rugops per ottenere “Majungataurops”, ed infine “Majungataurops” con Giganotosaurus per ottenere “Giganotaurops”, il quale altro non è che “Diabolus”.

Dato che noi non disponiamo dei genomi di questi taxa, non possiamo fare la prova. Tuttavia, io dispongo di una sorta di “fenocopia parziale” dei genomi di questi taxa, che è Megamatrice. Megamatrice, difatti, come qualsiasi matrice filogenetica, è una stringa di istruzioni fenotipiche, a loro volta epifenomeni del (perduto) materiale genetico. Se “ibridassi” le quattro stringe mega-matriciali di Carnotaurus, Majungasaurus, Rugops e Giganotosaurus, seguendo la sequenza proposta sopra, potrei ottenere una “stringa” di istruzioni del loro ibrido, ovvero, le ipotetiche codifiche in Megamatrice di “Diabolus”.

Per ottenere questa stringa, ho usato una matrice ridotta di Megamatrice con solo i 4 taxa da ibridare, ed ho chiesto a PAUP di darmi l'intera stringa di codifiche che colloca nel nodo ancestrale di questi 4 taxa. Tale stringa può poi essere importata a sua volta in Megamatrice per vedere quale sarebbe la sua collocazione filogenetica più probabile.

Immesso in Megamatrice, “Diabolus” risulta un dinosauromorfo basale esterno al nodo “Silesauridae + Dinosauria”. Cavolo... il nuovo dinosauro non è nemmeno un dinosauro! Ammetto che questo risultato mi ha stupito. Insomma... da un ibrido tra 4 averostri mi sarei aspettato una collocazione in Averostra o al massimo in Neotheropoda, non esterna a Theropoda, Saurischia e Dinosauria! Eppure, pare che l'ibrido sia collocabile parsimoniosamente molto lontano dai suoi “taxa fonte”, probabilmente perché la sua combinazione di caratteri ibridi lo rende poco “coerente” rispetto alle combinazioni di caratteri dei suoi “taxa fonte”. In tale posizione molto basale, Diabolus risulta avere una corposa lista di autapomorfie locali, che sono difatti condivise con gli averostri da cui è stato ottenuto per ibridazione: Denti premascellari a sezione asimmetrica, fossa antorbitale ridotta anteriormente, nasale rugoso, prefrontale escluso dal margine dell'orbita, processo suborbitale lacrimale, recesso lacrimale, fusione fronto-parietale, cresta nucale, contatto postorbitale-lacrimale, postorbitale rugoso, processo suborbitale del postorbitale, epipofisi cervicali, cinque sacrali, avambraccio relativamente corto, fossa cuppedica, piede pubico, ecc... Nessuno dei caratteri tuttavia, di per sé ci da indicazioni sulle dimensioni di questo animale. Dato che i dinosauromorfi basali sono tutti relativamente piccoli, è probabile che anche il Diabolus sia un animale lungo meno di un metro e mezzo.



Ecco cosa accade a voler giocare ad essere Dio.
Contenti voi...

17 commenti:

  1. Con tutto il rispetto verso l'autore e anche con l'ammirazione che nutro per Lui non riesco proprio a capire l'odio che prova verso il franchise di jurassic park e la cattiveria che spesso esprime al riguardo . Rispetto le sue opinioni, ma non capisco quale sia l'obbiettivo nel denigrare il lavoro di persone che hanno come obiettivo non la divulgazione scientifica, ma un prodotto commerciale. È sicuramente pregno di errori "scientifici", che però, secondo la mia modesta opinione, non devono essere presi come mancanza di rispetto verso la paleontologia ma, anzi, come una vetrina mediatica che porta le persone meno interessate all'argomento "dinosauri" ad avvicinarvisi , ed aggiungerei ha portato me ad innamorarmi della paleontologia e lavorare e studiare per fare della mia passione un lavoro. 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissimo Andrea, seguo con attenzione il tuo blog da tanto(qquasi da sempre XD) e ne sono un avido lettore! Con il mio commento non volevo in alcun modo attaccare il tuo post che, con palese ironia ed acume scientifico, è molto interessante. 

      Conosco bene il tuo pensiero su JP e sul nuovo JW, il mio commento è nato leggendo quel "universo bimbiminkia" di cui ho,evidentemente, frainteso il senso identificandolo con tutti gli appassionati della saga. 

      Mi scuso per l'incomprensione e spero un giorno di poterti incontrare personalmente per discutere di argomenti decisamente più seri di questo ! 

      Buonagiornata!!! 

      Elimina
    2. Suvvia, lo sanno tutti che "bimbominkia" ha un preciso significato etilomologico.
      Gli appassionati della saga hanno un nome diverso...

      Elimina
  2. Simone Conti30/1/15 20:34

    Io invece porgo i miei più sinceri complimenti ad Andrea, per la sua sagacia nell'analizzare la questione di creare un animale ibrido, e per il curioso risultato dell'esperimento, oltremodo interessante!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, per fortuna c'è chi capisce il VERO senso del post.

      Elimina
  3. Riferendomi agli autori del film, certi pastrocchi, ricordo, mi divertivo a farli, nella mia fantasia s'intende, quando ero all'asilo o alle elementari. Già alle medie non ci pensavo più. Mi meraviglio che certi "adulti" siano rimasti, con la mente, ancora all'età infantile. Una "vetrina mediatica", a mio modesto avviso, la si può fare anche e direi soprattutto, in maniera seria. Nolan con il suo Interstellar ha commesso diversi errori e usato decisamente un po di fantasia, ma gli va riconosciuto il merito di avere tentato di affrontare argomenti piuttosto complessi e impegnativi in maniera seria e adulta, generando non pochi commenti e interessamenti, ovvero una notevole vetrina mediatica. Con Jurassic World sinceramente non saprei proprio di cosa discutere. Aspetto di vederlo però per esprimere un giudizio definitivo, questo glielo posso concedere (a fatica...).
    Alessandro (Bologna)

    RispondiElimina
  4. Perchè vi arrabbiate tanto?! È un film per ragazzini.... e voi vi state comportando da tali a dare tanto peso alla correttezza o meno dei temi trattati. È un film di "fantascienza", perchè non discutete anche su quanto è scientifico" alien" o "guerra tra titani" o qualsiasi altro film fantasy? come chiedersi quanto è storico 300...
    -Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come si fa a considerare fantascienza due film tratti da classici della mitologia greca?

      Elimina
  5. Silvia, Fabio,

    vi suggerisco di leggere tutti i post della serie su Billy e il Clonesauro, perché è evidente che NON avete capito il senso dei miei post. Non ho voglia di ripetere qui quanto ho già scritto in passato dozzine di volte in merito a commenti simili ai vostri. Vi assicuro che l'odio è un sentimento troppo forte e importante perché io lo attribuisca a cose così leggere come un film. Imparate a leggere l'ironia e i messaggi sottintesi, e sopratutto a comprendere le mie metafore sulla scienza, prima di giudicare in modo improprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: e pensare che il post si apre pure con un DISCLAIMER scritto apposta sapendo che ci sarebbero stati inevitabilmente i soliti commenti di chi fraintende in toto il post...

      Elimina
  6. l'esperimento è interessante e anche come dire, problematico ( per me almeno)? il post è divertente, però si sa che l'ironia online passa pochissimo...
    Emiliano

    RispondiElimina
  7. Io so solo una cosa: con tutta la pubblicità che gli hanno fatto, mi aspettavo un desing più accattivante (non so voi, ma mi ha lasciato abbastanza indifferente)

    RispondiElimina
  8. Andrea posso chiederti se conosci, e nel caso cosa pensi, delle varie rappresentazioni scultoree delle nostre amate bestiole che si trovano in commercio?

    Max

    RispondiElimina
  9. Dite quello che volete...ma "Giganotaurops Rex" suona 300 volte meglio di "Diabolus Rex" o "indominus Rex"(dai caxxo sembrano nomi di titani imperiali di Warhammer 40k!)

    Poi, tutto sto hype con sto ibrido, e alla fine ci picchian fuori un coso che a conti fatti non ha molta più licenza poetica dello spino del 3 o dei raptor...perchè tirare in ballo la storia (brillante peraltro a mio parere) dell'ibrido se poi concettualmente non hanno inventato nulla di "rivoluzionario"?
    Ma probabilmente non è l'aspetto ciò con cui vogliono colpire il pubblico con sto povero affare, ma il fatto stesso di essere un ibrido...bah...occasione comunque sprecata per sbizzarrirsi un po stavolta che potevano...
    Poi...sbaglio o sto coso ha I POLSI "GIUSTI"?....cioè a quelli "nature" gli mettono le "mani da zombie" e agli abominii imbridi i polsi "scientifically correct"? XD

    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. C'ha pure la dentiera del Vastatosauro di King Kong....già che ci siamo facciamolo doppiare da Benedict Cumberbatch e poi stiamo al top...poveri noi...

      Davide

      Elimina
  10. "dimensioni anficeliche e consistenza fragillima". Questa nerdata è meravigliosa.

    RispondiElimina
  11. Questa caz***a mi sa tanto di "Allora non abbiamo nessun idea interessante per fare un film originale e degno del primo Jurassic Park ma DOBBIAMO fare questo film per incassare un bel po di verdoni, qualche idea?"
    "Perchè non metterci un dinosauro più grosso e cattivo del T.rex?"
    "L'abbiamo già fatto nel terzo film"
    "Perchè non metterci un IBRIDOSAURO più grosso e cattivo del T.rex"
    "Geniale, questo cambia tutto..."
    minchiata assurda, b movie che ha poco da invidiare a sharknado... per non parlare del protagonista che "cerca di farsi accettare" dal branco di "raptor" come se fossero lupi... è come andare in una fattoria e farso accettare dalle galline come gallo del pollaio... un film che, come spesso accade, potevano benissimo risparmiarsi
    Riccardo Cori

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -