07 maggio 2012

Limusaurus d'Australia?

Astragalocalcagni sinistri di theropodi in vista anteriore. I colori indicano i vari cladi/gradi dell'evoluzione di Theropoda. Da Fitzgerald et al. (2012).
Una delle parti dello scheletro dei theropodi di maggiore informatività filogenetica è il complesso astragalo-calcagno (AC). Queste ossa, che corrispondono come omologia alla zona della nostra caviglia e tallone, nei dinosauromorfi sono organizzate in modo molto diverso che in noi. Nell'uomo, l'AC fa parte del piede (infatti, formano la parte posteriore del piede, prossima al tallone). Nei dinosauromorfi, l'AC fa parte della parte distale della gamba. 
Durante l'evoluzione dei theropodi, l'AC ha seguito alcune tendenze principali, come la progressiva fusione dei suoi elementi e lo sviluppo di una struttura laminare detta "processo ascendente dell'astragalo". La forma, sviluppo ed estensione dell'AC è di conseguenza caratteristica dei vari gruppi e dei vari stadi (gradi) dell'evoluzione di Theropoda. Di fatto, è possibile identificare le affinità generali di un theropode anche solo avendo a disposizione il suo AC. Il post di oggi parla di un episodio del genere.
Fitzgerald et al. (2012) descrivono un astragalocalcagno dal Cretacico Inferiore australiano, e lo riferiscono a Ceratosauria, possibilmente Abelisauroidea. Si tratta della prima evidenza relativamente robusta di ceratosauri in Australia (gli autori considerano il possibile abelisauroide Ozraptor, basato su una tibia distale dal Giurassico Medio australiano, come non-diagnostica oltre Theropoda indet.).
La combinazione di caratteri (astragalocalcagno fuso, processo ascendente con base rettangolare, limitato lateralmente in estensione, presenza di una fossa alla base dello stesso processo, ma assenza di solco nella stessa posizione, nonché assenza di un solco orizzontale nella parte anteriore del corpo dell'astragalo, e debole inclinazione anteriore dei condili distali dell'AC) è esclusiva degli abelisauroidi. Inoltre, la presenza di una piccola proiezione ossea sul margine mediale del processo ascendente e di due forami dentro la fossa alla base del processo ascendente è nota solo in Masiakasaurus. Questi dati supportano l'ipotesi che l'esemplare (illustrato in alto a sinistra, NMV P221202) sia un Ceratosauria, probabilmente un Noasauridae, grande linearmente circa 140% di Masiakasaurus (quindi lungo circa 4 metri).
L'analisi di Fitzgerald et al. (2012), focalizzata solo sui caratteri dell'AC, nonché Megamatrice, indicano una stretta affinità tra questo abelisauroide australiano, Deltadromeus ed Elaphrosaurus. Pertanto, l'esemplare australiano potrebbe appartenere al gruppo di abelisauroidi gracili di taglia medio-grande come i due taxa appena citati e Limusaurus.

Bibliografia:
Erich M. G. Fitzgerald, Matthew T. Carrano, Timothy Holland, Barbara E. Wagstaff, David Pickering, Thomas H. Rich and Patricia Vickers-Rich (2012) First ceratosaurian dinosaur from Australia. Naturwissenschaften (advance online publication) DOI: 10.1007/s00114-012-0915-3

1 commento:

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -