13 marzo 2019

Thecodontion



Ok, alcune introduzioni (C)autobiografiche per spiegare questo post.
Sono un paleontologo dei vertebrati che studia dinosauri e altri fossili mesozoici.
Sono italiano.
Ascolto Metal [ma non solo] da quando avevo 15 anni. Però non amo il Black Metal.

Vabbè, nessuno è perfetto.

La premessa serve per dare una misura della stima che ho per questo gruppo Black Metal di Roma, chiamato Thecodontion, che ho appena scoperto (HT, Tom Holtz).
Basta leggere i titoli dei brani dell'album "Thecodontia" (poi, per ascoltarli, dovete amare il Black Metal), per stimarli assai:

1. Desmatosuchus Spurensis (Linked Loricata of Spur) 02:41
2. Erythrosuchidae (Vermillion Digigrade) 02:47
3. Longisquama Insignis (Skeletal Analysis Of A Kyrgyz Diapsid) 02:26
4. Stagonolepis (Robertsoni/Wellesi/Olenkae) 04:45

Una paleo-nerditudine-metallara così tamarra non la vedevo da quando al liceo disegnavo cover di album metal con dinosauri che dominavano sui sinapsidi...

Devo fare una nota pedante: la cover dell'album "Jurassic" non riproduce un Rhamphorhynchus, ma è una rivisitazione del calco dello Pterodactylus conservato al Museo Capellini di Bologna, che l'autrice dell'opera ha "ranforinchizzato".
Vabbè, dai, licenza artistica, Andrè, non fare il solito spaccagonadi...

6 commenti:

  1. essi nessuno è perfetto :) mi scivoli sul metal :) e poi tecodontia non è parafiletico?
    Emiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può consolare, non mi sono mai vestito da metallaro (trovo siano pagliacciate: si può ascoltare della musica senza prenderne l'uniforme), ma ascolto quasi ogni cosa da Vivaldi alle sigle dei cartoni animati degli anni 70.
      Il fatto che Thecodontia sia para/poli-filetico non impedisce di usarlo come nome di un gruppo musicale.
      PS: se si fosse deciso semplicemente di chiamare Thecodontia quello che oggi chiamiamo Archosauriformes, non sarebbe più parafiletico (esattamente come è successo a Dinosauria).

      Elimina
  2. Ciao Andrea, grazie infinite per il post, siamo davvero contenti di aver attirato l'attenzione di un professionista del settore!

    Per quanto riguarda la copertina del nostro nuovo ep Jurassic (che tra l'altro esce venerdì prossimo) è esattamente come dici tu, ne abbiamo parlato anche in un'intervista su un sito australiano di recente. Speriami di vederti magari ad un nostro concerto, un giorno!

    Un abbraccio
    G.E.F. - G.D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una curiosità: da dove nasce l'idea di questi "riferimenti paleontologici"?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. E' stata un'intuizione che ho avuto io, poi sviluppata dal bassista, il grande appassionato è lui. Io (il cantante, o meglio, "quello che urla") avevo il desiderio di fare metal estremo senza chitarre (infatti le sostituiamo con due bassi distorti). Ho pensato che le tematiche preistoriche si adattassero molto bene a questo sound caotico e "primordiale". Poi il bassista mi ha proposto di fare una cosa ancora più specifica e così si è sviluppato tutto.

      Ora stiamo lavorando a un nuovo disco sui supercontinenti e i superoceani, lo registreremo in estate e penso che uscirà nel 2020.

      Elimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -