28 giugno 2014

Nella cornea bocca del theropode


“In bocca al Baryonyx!” è un'espressione di augurio* che io e Simone Maganuco coniammo ai tempi dell'università. Uno spinosauride porta più fortuna di un canide...
Si è discusso molto, online, sulla presenza o meno di labbra e guance (di varie forma ed analogia con quelle presenti nei tetrapodi viventi) nei theropodi non-aviani.
Non so se ciò che è stato scritto sia già stato discusso altrove, ma penso che un dettaglio anatomico di alcuni theropodi possa essere significativo per la discussione.
Nella maggioranza dei theropodi, la superficie mediale delle ossa che formano il cavo orale è liscia e priva di strutture “ornamentali”. Dopo tutto, che senso avrebbe possedere strutture ornamentali all'interno della bocca. Strutture vagamente “ornamentali” sono invece presenti sulle superfici laterali (esterne) del premascellare, mascellare e dentale di vari cladi. In particolare, in alcuni Tyrannosauridae, in Carcharodontosaurinae e, sopratutto, in Abelisauridae, le superfici laterali di queste ossa del muso sono scolpite da sistemi di solchi e rugosità. Queste strutture sono interpretate come siti di ancoraggio per ispessimenti dermici e cornei che, in vita, dovevano rendere più spessa e resistente la pelle del muso.
Sebbene siano poco menzionate, rugosità e solchi simili a quelli delle superfici laterali appena menzionati sono presenti anche nelle superfici mediali di queste ossa (interne al cavo orale) in alcuni theropodi. In Torvosaurus gurneyi, ad esempio, le superfici mediali delle lamine paradentali mostrano delle rugosità regolari. Le medesime strutture, più sviluppate, ornamentano le superfici mediali delle lamine paradentali della maggioranza degli abelisauridi. Nello spinosauride Oxalaia, l'intera superficie palatale del premascellare è scolpita da un complesso network di rugosità.
Qual'è il significato di queste rugosità interne al cavo orale? In analogia con le strutture presenti nelle superfici laterali, è ragionevole supporre che queste strutture siano siti di ancoraggio di ispessimenti dermici e cornei, interni alla bocca. Siccome la maggioranza di queste striature sono a livello delle lamine paradentali, risulta che questi theropodi hanno la regione gengivale rivestita di ispessimenti cornei.
Uno dei motivi per cui si ipotizza la presenza di labbra nei theropodi non-aviani è che l'assenza di labbra porterebbe alla rapida disidratazione del cavo orale e delle gengive. Tuttavia, se le gengive fossero rivestite di ispessimenti cornei, non molto diversi da quelli visibili nella bocca dei coccodrilli, l'argomento delle labbra sarebbe molto indebolito.
La questione, a questo punto, è se le strutture cornee gengivali fossero limitate ai taxa muniti di striature ossee, o se, invece, fossero più ampiamente diffuse, ma “evidenti” solo in alcuni taxa nei quali le osse mostrano le rugosità. Mi pare poco plausibile che la maggioranza dei theropodi avesse gengive “classiche” ma che poi queste siano sostituite da strutture cornee solo in qualche megalosauroide e negli abelisauridi, sopratutto se inquadriamo questi theropodi tra uccelli e coccodrilli (cladi che mostrano strutture cornee orali). La mia inclinazione è a considerare la presenza di corneificazioni orali più ampiamente diffusa in Theropoda, se non Dinosauria, e ad interpretare i casi come Oxalaia e gli abelisauridi non come “eccezioni” bensì come “potenziamento” di una norma generale.

La questione è aperta.

*temo intraducibile per i non-italiani

8 commenti:

  1. Se alcuni Megalosauroidea erano ittiofagi, l'ispessimento corneo maggiore non potrebbe essere un adattamento per proteggere le mucose dalle "spine" dei pesci? Mi sembra di ricordare di aver letto da qualche parte che gli Spinosauridae ingoiavano intere le loro prede, supportato da alcuni adattamenti nella struttura del cranio (potrei sbagliarmi e non trovo l'articolo, è solo una nozione archiviata in testa).

    Aesìr

    RispondiElimina
  2. Ragionamento poco plausibile. Quasi tutti i theropodi ingoiano intere le prede.
    Le "spine" danno fastidio a chi mangia la spigola al ristorante, non certo ad un animale ittiofago...

    RispondiElimina
  3. Grazie per la risposta!

    Aesir

    RispondiElimina
  4. Dipenderà dalle dimensioni del pesce, se troppo grosso dovrà farlo in ogni caso a pezzi per poterlo inghiottire (vedi es. rapaci ittiofagi). I dinosauri ittiofagi mesozoici a logica avranno avuto a che fare anche loro con prede di grosse dimensioni difficilmente ingoiabili in un sol boccone.
    Luca

    RispondiElimina
  5. Sulla presenza o meno di labbra, sono state fatte comparazioni anatomiche, ad es., con i crani dei varani?
    Alessandro (Bologna)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://theropoda.blogspot.it/2010/02/i-theropodi-avevano-le-labbra.html

      Elimina
  6. In rete ho visto foto di crani di varani di Komodo che hanno si effettivamente la mandibola lunga quanto la mascella, ma che tuttavia la mandibola "entra" nella mascella con i denti alloggiati all'interno (o almeno così sembra). Sappiamo tuttavia, osservando l'animale dal vero, che quella posizione è falsata in quanto i varani accostano solamente mandibola e mascella con i denti coperti dalle labbra, come anche tu hai fatto giustamente osservare nel post lincato. Tuttavia mi e ti chiedo: questo lo si sa perchè si può appunto osservare l'animale dal vivo, però purtroppo non si può fare la stessa cosa con i dinosauri mesozoici. Se si trovasse un cranio di varano fossilizzato senza conoscere l'aspetto dal vero (tipo quello di "Megalania"), come lo si ricostruirebbe? Con o senza labbra?
    http://www.skullsunlimited.com/record_species.php?id=1675
    http://www.rom.on.ca/en/blog/komodo-dragon-preparation-step-two-bug-cave-i-mean-bug-room
    Alessandro (Bologna)

    RispondiElimina
  7. Ha senso usare rettili moderni e mammiferi per ipotizzare la presenza di labbra nei theropodi?

    Degli sviluppatori stanno ricreando un videogioco abbastanza curato dove stanno ricreando l'ambiente di Hell Creek.
    E' un progetto apprezzabile perché ha un certo piglio documentaristico e potrebbe rivelarsi un curioso strumento di divulgazione per varie fasce di età.

    Hanno ritratto il rex con le labbra e ho chiesto il motivo di quella ricostruzione. Sto intrattenendo un dibattito dalle logiche incerte e non ho le sufficienti competenze per sostenerlo. Io nell'incertezza ti lascio il link qui.

    https://www.facebook.com/sauriangame/posts/444635515708887

    RispondiElimina

ATTENZIONE:
- COMMENTI OFFENSIVI, VOLGARI O SPAM SARANNO ELIMINATI. -
- I COMMENTI ANONIMI O PRIVI DI FIRMA SARANNO ELIMINATI. -